Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'imbarazzo della scelta

By Alan Bennett

(213)

| Paperback | 9788845923791

Like L'imbarazzo della scelta ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Chi ha visto i quadri della National Gallery con gli occhi di Alan Bennett sarà felice di ritrovare in queste pagine il cicerone di Una visita guidata: e stavolta lo seguirà a Leeds, a Aberdeen o nel­l'Irlanda del Nord, per bearsi con lui dei Continue

Chi ha visto i quadri della National Gallery con gli occhi di Alan Bennett sarà felice di ritrovare in queste pagine il cicerone di Una visita guidata: e stavolta lo seguirà a Leeds, a Aberdeen o nel­l'Irlanda del Nord, per bearsi con lui dei suoi pittori preferiti.

33 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bennet è leggero e simpatico, con quello humour inglese che s'insinua tra le parole, anche quando parla di quadri.
    Un libro piacevole scritto da una persona piacevole.

    Is this helpful?

    juri_kid_a said on Jun 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Uff, questa volta Bennett mi ha un po' annoiata. Qualche momento apprezzabile in questo libercolino l'ho
    comunque trovato: "La Galleria è anche accogliente e - merito tutt'altro che secondario - ha molti posti a sedere, spesso occupati da personaggi ...(continue)

    Uff, questa volta Bennett mi ha un po' annoiata. Qualche momento apprezzabile in questo libercolino l'ho
    comunque trovato: "La Galleria è anche accogliente e - merito tutt'altro che secondario - ha molti posti a sedere, spesso occupati da personaggi piuttosto eccentrici. Ma va bene così. Val la pena di ripetere che la gente entra in una galleria d'arte per i motivi più svariati; alcuni, è vero, perché amano la pittura, ma per molti guardare i quadri non è la cosa più importante. Entrano perché piove, magari per rimanere un po' al caldo, o perché sono stanchi di stare in piedi; forse sono in anticipo per un appuntamento, oppure sperano di rimorchiare proprio lì - tutte ottime ragioni. Una galleria, in fondo, è un po' come un parco." (pp 39-40)

    Is this helpful?

    elena said on Jun 25, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Di Alan Bennett si ha rispetto qualunque cosa scriva, e lo stesso rispetto lo si tributa a questi due saggi sull'arte che, se non altro, riservano ogni tanto qualche genialità propria di Bennett, ma per il resto sono abbastanza inutili. Non altrettan ...(continue)

    Di Alan Bennett si ha rispetto qualunque cosa scriva, e lo stesso rispetto lo si tributa a questi due saggi sull'arte che, se non altro, riservano ogni tanto qualche genialità propria di Bennett, ma per il resto sono abbastanza inutili. Non altrettanto rispetto alla casa editrice che vende ad un prezzo spropositato due volumetti di pochissime pagine.

    Is this helpful?

    marfabri said on Apr 1, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nella prima parte di questo secondo libriccino sull'arte che segue cronologicamente di poco "Una visita guidata" (sono entrambi stati scritti nel 2005), Bennett ci spiega le sue scelte dopo aver accolto la richiesta di una catena di supermercati di s ...(continue)

    Nella prima parte di questo secondo libriccino sull'arte che segue cronologicamente di poco "Una visita guidata" (sono entrambi stati scritti nel 2005), Bennett ci spiega le sue scelte dopo aver accolto la richiesta di una catena di supermercati di selezionare quattro quadri tra tutti i musei britannici per farne delle riproduzioni da distribuire nelle scuole vicine ai punti vendita, corredate da un dossier illustrativo.
    Nella seconda parte Bennett ci fa da cicerone per una visita alla City Art Gallery di Leeds, la sua città. E' il testo di un documentario televisivo commissionatogli dalla BBC negli anni '90. Ricco di digressioni e aneddoti divertenti, come è nel suo stile.
    Gli inglesi non si sono mai sentiti del tutto a loro agio con l'arte, e preferiscono pensare i quadri come elementi di arredo....

    Is this helpful?

    Riccardo Caldara said on Nov 9, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (213)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 69 Pages
  • ISBN-10: 8845923797
  • ISBN-13: 9788845923791
  • Publisher: Adelphi (Biblioteca minima, 33)
  • Publish date: 2009-04-01
Improve_data of this book