Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Limit

Di

Editore: Tea (I Grandi)

3.5
(732)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 1370 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Spagnolo , Catalano , Olandese , Portoghese , Inglese , Ceco , Ungherese

Isbn-10: 8850226764 | Isbn-13: 9788850226764 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Rosa C. Stoppani , Romina Tappa ; Contributi: Giorgia Sallusti

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Limit?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    dopo lo splendido "Quinto giorno" e la deludente Cattedrale mi sono deciso a dare fiducia all'autore. Affrontare questo romanzo di oltre mille pagine non è stata impresa facile, ma alla fine ne è vals ...continua

    dopo lo splendido "Quinto giorno" e la deludente Cattedrale mi sono deciso a dare fiducia all'autore. Affrontare questo romanzo di oltre mille pagine non è stata impresa facile, ma alla fine ne è valsa la pena. Storie che si riuniscono nel finale dove tutto viene svelato. Come nella migliore tradizione di questo autore ci sono insegnamenti tecnologici e ardite costruzioni. Azione a non finire (forse troppa) e descrizioni molto particolareggiate (forse troppo)

    ha scritto il 

  • 4

    Autore che è sempre una sicurezza. Ero partito prevenuto sul libro, avendo letto alcune recensioni che lo descrivevano come noioso. Anche la mole fisica poi scoraggiava una lettura veloce.
    E invece, d ...continua

    Autore che è sempre una sicurezza. Ero partito prevenuto sul libro, avendo letto alcune recensioni che lo descrivevano come noioso. Anche la mole fisica poi scoraggiava una lettura veloce.
    E invece, dedicandoci il giusto tempo, risulta una storia avvincente, ben congegnata e soprattutto ben documentata. Il grande pregio sta nelle profondità che la storia ed i personaggi assumono durante la lettura: sono persone reali, con pregi e difetti che emergono durante il racconto e ne modificano lo svolgersi.

    Trovo assurdo che da libri come questi non vengano tratti dei film.

    ha scritto il 

  • 2

    troppo troppo descrittivo

    a volte sembra uno libro di informazioni su architettura, politica, scienza... eccessivo per un thriller/avventura. Si 'sveglia' nelle ultime 350 pagine. Tardi.

    ha scritto il 

  • 4

    Come "Il quinto giorno", il tomo "Limit" è un'interpretazione catastrofista delle relazioni conflittuali tra le super potenze economiche e politiche terrestri e, questa volta, lunari! Quasi l'intero s ...continua

    Come "Il quinto giorno", il tomo "Limit" è un'interpretazione catastrofista delle relazioni conflittuali tra le super potenze economiche e politiche terrestri e, questa volta, lunari! Quasi l'intero sistema Terra-Luna viene coinvolto nel crollo dei combustibili fossili convenzionali per forme alternative d'energia, come l'elio-3, presente in abbondanza sulla superficie lunare. E allora ecco le personalità più ricche e influenti del pianeta che accettano l'invito di Julian Orley di recarsi sul Gaia Hotel per una "passeggiata" lunare. Contro terroristi senza scrupoli e spie nemici, l'improbabile trio formato da Tu Tian, Yoyo e Jericho riesce a dipanare la matassa. E dopo più di milletrecento pagine, nell'anno del Signore 2024, il colpevole di tutto viene scoperto!
    Se qualche regista dovesse realizzare una trasposizione cinematografica di "Limit", dovrebbe avere una grande capacità di sintesi. Personalmente ritengo che il grande merito di Schätzing sia quello di saper descrivere i sentimenti, qui sulla Terra o lassù sulla Luna. A cominciare dalla figura della depressa Lynn Orley, figlia di Julian, fino a coloro che, sulla Terra o sulla Luna, sono animati da sentimenti contrastanti. Per fortuna, a fine libro sono elencati i personaggi principali del libro, molti dei quali rimasti sulla Luna per l'eternità...

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante e avvincente, molto ben documentato, ritmo incostante con accelerazioni improvvise e pause forse un po' eccessive, personaggi un po' stereotipati ma simpatici. Soffre un po' di prolissità ...continua

    Interessante e avvincente, molto ben documentato, ritmo incostante con accelerazioni improvvise e pause forse un po' eccessive, personaggi un po' stereotipati ma simpatici. Soffre un po' di prolissità ma tutto sommato una bella lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    la luna, gli ologrammi e 1350 pagine... troppo

    Limit è un thriller. Un thriller di 1350 pagine è troppo lungo.
    Puoi scrivere Fantasy di quella lunghezza, romanzi di formazione, ma non un thriller o so le fai devi tirare fuori un capolavoro
    1350 pa ...continua

    Limit è un thriller. Un thriller di 1350 pagine è troppo lungo.
    Puoi scrivere Fantasy di quella lunghezza, romanzi di formazione, ma non un thriller o so le fai devi tirare fuori un capolavoro
    1350 pagine e tutti gli avvenimenti si svolgono in meno di 7 giorni. Decisamente troppo.
    Il problema è che il libro è bello, interessante, ti incuriosisce e ha dei momenti di tensione pura. Ma è davvero troppo troppo lungo… ed è senza anima.
    a Shatzing piace lo spiegone, e in generale è davvero interessante. La luna, la conquista dello spazio, la tecnologia, ma a volte si ha l'impressione di leggere un saggio e non un romanzo.
    insomma in poche occasioni si respira la storia.
    Con il quinto giorno si viveva la storia, qua si legge e la sensazione di assistere da esterno non invoglia molto la lettura.
    Non so a me mi ha lasciato l’amaro in bocca, soprattutto ci ho messo 1 mese per finirlo e quando ho girato l’ultima pagina volevo festeggiare. Ecco un libro non dovrebbe farti sentire così.

    inoltre c'è un altra cosa che gioca a sfavore e qui SPOILER:
    __________________________________________________________________

    il finale
    in poche parole non è successo niente, due esplosioni atomiche nello spazio, un albergo distrutto sulla luna.
    Si e no ci saranno stati 20 morti in totale… kenny xin (probabilmente uno dei migliori personaggi) abbandonato a metà.. nessuna svolta nella vita di jericho.. un paio di arresti. Personaggi interessanti, introdotti molto bene (Heidrun, O’keefe, Locatelli e Rogacev) ma che alla fine sono lasciati a metà. Gli descrivi, li fai conoscere e poi.. non gli fai fare nulla. Nessuna morte eccellente. Solo comparse.
    Davvero troppo poco.

    ha scritto il 

  • 4

    2 agosto 2024. Sulla Stazione Spaziale Orley (OSS) Vic Thorn, dopo aver passato la nottata nel dormiveglia, si prepara a trascorrere la giornata in palestra, quando una chiamata dalla centrale richied ...continua

    2 agosto 2024. Sulla Stazione Spaziale Orley (OSS) Vic Thorn, dopo aver passato la nottata nel dormiveglia, si prepara a trascorrere la giornata in palestra, quando una chiamata dalla centrale richiede la sua presenza. Durante le operazioni di carico di una navicella si sono verificati dei problemi ed il robot mandato nello spazio sembra fuori uso, forse colpito da detriti spaziali. Quando Vic esce per verificare il danno, improvvisamente l'Huros-ED-4 riprende a muoversi scaraventando l'astronauta nel buio più profondo. 19 maggio 2025. Quasi un anno dopo questo tragico incidente, nella Isla de la Estrellas nell'Oceano Pacifico si inaugura uno spettacolare ascensore lunare che si innalza nel buio per centinaia di chilometri.

    continua a leggere su
    http://www.mangialibri.com/node/16497

    ha scritto il 

  • 3

    Dettagli perfetti, trama meno

    Con 500 pagine in meno sarebbe stato più centrato. Prova a dare profondità a una storia che è sostanzialmente di avventura/spionaggio e un pizzico di fantascienza, cercando di tratteggiare la psicolog ...continua

    Con 500 pagine in meno sarebbe stato più centrato. Prova a dare profondità a una storia che è sostanzialmente di avventura/spionaggio e un pizzico di fantascienza, cercando di tratteggiare la psicologia dei personaggi: riesce solo a volte. Cerca di nobilitare un intreccio poco complesso prendendola larghissima in molti passaggi. Quando accelera però è molto bravo e i dettagli tecnologici sono maniacalmente resi verosimili. Notevoli gli scenari "industriali" lunari. Finale con sorpresa. Non sorpresona. Consigliato, ma solo se il genere e la quarta di copertina vi ispira.

    ha scritto il 

Ordina per