Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'innocenza

By Tracy Chevalier

(173)

| Hardcover

Like L'innocenza ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Londra, 1792: tre ragazzi scoprono il mondo sotto la guida di un irresistibile maestro, William Blake.
La famiglia Kellaway si è appena trasferita a Londra, dove il padre Thomas ha deciso di accettare la proposta di lavoro del proprietario di un Continue

Londra, 1792: tre ragazzi scoprono il mondo sotto la guida di un irresistibile maestro, William Blake.
La famiglia Kellaway si è appena trasferita a Londra, dove il padre Thomas ha deciso di accettare la proposta di lavoro del proprietario di un circo. Con loro ci sono i due ragazzi, l’impavido dodicenne Jem e l’ingenua Maisie, di quindici anni. I Kellaway trovano casa nel quartiere di Lambeth e fanno conoscenza con i loro nuovi vicini di casa: l’arcigna signora Pelham, Dick Butterfield, truffatore da quattro soldi, e i suoi figli, il prepotente Charles e la smaliziata Maggie. Ma soprattutto con lui, William Blake, il poeta eccentrico e geniale che declama versi in giardino mentre insieme alla moglie “gioca ad Adamo ed Eva”. Inizia così la trascinante narrazione di Tracy Chevalier che ci trasporta tra le vie di una Londra dickensiana tanto splendida quanto pericolosa.

128 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ritratto delicato della Londra di fine settecento vista attraverso gli occhi di quattro ragazzini.
    La ricostruzione storica di questo libro e' come sempre eccezionale, e mostra uno spaccato della vita a Londra nel 1792 con la nebbia ,le strade perife ...(continue)

    Ritratto delicato della Londra di fine settecento vista attraverso gli occhi di quattro ragazzini.
    La ricostruzione storica di questo libro e' come sempre eccezionale, e mostra uno spaccato della vita a Londra nel 1792 con la nebbia ,le strade periferiche buie e pericolose con prostitute,ladri e stupratori. Si respira l’aria rivoluzionaria della vicina e rivale Francia. I particolari ,che la Chevalier studia sempre con attenzione e sono fruttodi attenta documentazione,(basta leggere i ringraziamenti),contribuiscono a ricrea perfettamente l’atmosfera del tempo. Per chi conosce Blake è facile riconoscere i tratti fondamentali della sua personalità dei suoi affetti e della sua poetica ,che non ne fanno per niente un personaggio marginale;in ogni occasione c’è sempre lui che interviene sia direttamente che con le sue idee “strampalate”. Ci sono passi delle sue poesie più famose, c’è spiegata ai bambini la teoria degli opposti,è tratteggiata la sua personalità di introverso che passa ore da sole nell’abbazia di Westminter a fare schizzi, c’è il suo rapporto con la moglie e il fratello morto, la sua ammirazione per Milton, le sue idee rivoluzionarie e l’attenzione per i poveri ed emarginati. E poi c'è l'innocenza dei ragazzi el'esperienza che devono imparare a conoscere.

    Is this helpful?

    quinlori said on Jul 31, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ambientazione settecentesca a Londra per un romanzo piacevole ma non indimenticabile.

    Is this helpful?

    streghettapaolina said on Jul 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non é di certo il piú bello della Chevalier, ma comunque un buon liro. Mai scontata e sempre storicamente accorta.

    Is this helpful?

    Kemmy said on May 18, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    My first novel by this author. As a historical novel, only the visionary poet Blake and late 18th century London with a circus and anti -revolutionary movement make up the historical setting. Extensive use of 'old-fashioned' English in dialogue. The ...(continue)

    My first novel by this author. As a historical novel, only the visionary poet Blake and late 18th century London with a circus and anti -revolutionary movement make up the historical setting. Extensive use of 'old-fashioned' English in dialogue. The main characters are endearing but in the end i 'd say not completely convincing.

    Is this helpful?

    Inaeugenia said on May 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Burning Bright

    Di tutti i romanzi di Tracy Chevalier, questo è sicuramente quello che mi è piaciuto meno...

    Is this helpful?

    Federica Perossa said on Apr 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Londra 1792, quattro ragazzi incrociano le loro vite con William Blake.

    "Io mi aggiro per ogni strada urbana,
    dell'urbano Tamigi lungo il corso,
    e impressi in ogni volto segni incontro,
    segni di sofferenza e abbattimento.
    In ogni grido di qualunque Uomo,
    nel pianto di qualunque Bimbo,
    in ogni voce e proibizione avverto
    l ...(continue)

    "Io mi aggiro per ogni strada urbana,
    dell'urbano Tamigi lungo il corso,
    e impressi in ogni volto segni incontro,
    segni di sofferenza e abbattimento.
    In ogni grido di qualunque Uomo,
    nel pianto di qualunque Bimbo,
    in ogni voce e proibizione avverto
    le manette forgiate dalla mente."
    La scrittrice Tracy Chevalier dipinge ancora per noi in questo libro il ritratto di un Londra alla fine del '700, mentre in Francia c'è la rivoluzione con la presa della Bastiglia e la cattura del re.
    La storia parte da una famiglia che in cerca di fortuna approda dalla campagna inglese alla città di Londra in cerca di fortuna.
    I due figli Jem e Maise stringono amicizia con Maggie, i primi rappresentano l'innocenza, essendo vissuti in campagna, protetti e accuditi dai genitori, hanno provato il grande dolore per la perdita del fratello, la seconda rappresenta la scaltrezza e la furbizia, perchè per sopravvivere alla città di Londra è questo che bisogna saper fare, visto ciò da cui è circondata povertà, desolazione e miseria. Sullo sfondo abbiamo da una parte il signor Astley che regala illusioni con il suo circo e dall'altra il signor Blake, che si legherà molto ai ragazzani, che scrive, recita e disegna cose difficili da capire e che per questo causano paura, soprattutto in un periodo dove soffiano i primi segnali di libertà e cambiamento.
    "Voi create mondi ogni sera nel vostro anfiteatro, ma quando il pubblico se ne va e le torce si spendono e le porte vengono chiuse, di quei mondi rimane solo il ricordo, signore, capace di riscaldare a lungo il cuore dei miei spettatori nelle fredde notti d'inversno. Ma è qui la differenza fra noi, signore. Le mie canzoni e le mie immagini non si trasformano in ricordi, sono sempre sotto gli occhi di tutti. E non sono illusioni, ma raffigurazioni concrete di mondi che esistono davvero."
    Jem e Maise, da questa esperienza e a caro prezzo, perderanno la loro innocenza, mentre Maggie ritroverà il valore dell'amicizia e la fiducia verso il prossimo.
    Un buon libro, grande la Chevalier a ricreare contesti storici ed ad inserire nelle sue storie grandi personaggi realmente esistiti!

    Is this helpful?

    Matik said on Sep 9, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book