Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Liriche cinesi

(1753 a.C.-1278 d.C.)

(61)

| Hardcover

Like Liriche cinesi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

9 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    “[…] il vasto, secolare paesaggio che ci si apre dinanzi agli sguardi ci lascia ancora una volta privi di riferimenti e, pur nell’ammirazione, disorientati.
    Questa poesia non è un microcosmo che riveli e illumini perfettamente l’entità macrocosmica ...(continue)

    “[…] il vasto, secolare paesaggio che ci si apre dinanzi agli sguardi ci lascia ancora una volta privi di riferimenti e, pur nell’ammirazione, disorientati.
    Questa poesia non è un microcosmo che riveli e illumini perfettamente l’entità macrocosmica che le ha permesso di formarsi — la formicolante, travagliata, civile, ed estenuatissima vita, e vita millenaria, di un popolo sterminato, diversissimo dai nostri; è invece un insieme di gocce d’acqua che dovrebbero rivelarci un oceano e se ne stanno chiuse nelle loro fiale delicate a sottili; è un lampo di madreperla che illumina una tragedia troppo più che individuale per suggerirci parole di quaggiù." Dalla prefazione di Montale.

    http://artegioca.blogspot.it/search/label/cina

    Is this helpful?

    Artemisia Comina said on Nov 17, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    salùtamelo

    mia nonna, che è in casa di riposo, mi fa
    cosa fai sabato? mah, ho detto, andrò al

    festival di filosofia a modena
    e lei: salutami bauman.

    Is this helpful?

    [radek] said on Sep 10, 2012 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    dalla prefazione di Eugenio Montale


    Questa poesia... è un insieme di gocce d'acqua che dovrebbero rivelarci un oceano e se ne stanno chiuse nelle loro fiale delicate e sottili; è un lampo di madreperla che illumina una tragedia troppo più che individuale per suggerirci parole di quagg ...(continue)


    Questa poesia... è un insieme di gocce d'acqua che dovrebbero rivelarci un oceano e se ne stanno chiuse nelle loro fiale delicate e sottili; è un lampo di madreperla che illumina una tragedia troppo più che individuale per suggerirci parole di quaggiù. Attraverso secoli di guerre, di flagelli, di carestie e di orrori, questi pochi poeti, questi in realtà numerosissimi poeti che si contano per dinastie (e sono imperatori e ministri, generali che corrispondono in versi, mogli ripudiate e funzionari in esilio) si sono trasmessi il fior di giada dell'arte loro, l'hanno elaborata e perfezionata, adorna di sensi e supersensi, di parallelismi concettuali e di acuzie tecniche, hanno compiuto insomma prima di noi tutto il ciclo evolutivo e involutivo ai quali ci han reso familiari, in pochi secoli, le maggiori letterature dei nostri paesi. E argomento unico della sterminata efflorescenza sembra essere, a guardar bene, la poesia stessa come strumento e materia di conservazione e di scambio, e l'amor di poesia come entità sopraindividuale, tradizione e bouteille à la mer trasmessa da iniziato a iniziato. Una poesia dunque, direi quasi umanitaria.
    (Eugenio Montale)

    Is this helpful?

    Melinda said on Dec 2, 2011 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Ho gustato questo libro come un sorbetto, l'ho accarezzato come un esotico animale setoso. Sono poesie che parlano di un mondo molto lontano dal nostro, per epoca e cultura, eppure arrivano a bersaglio. La natura domina, il colore delle nuvole o l'od ...(continue)

    Ho gustato questo libro come un sorbetto, l'ho accarezzato come un esotico animale setoso. Sono poesie che parlano di un mondo molto lontano dal nostro, per epoca e cultura, eppure arrivano a bersaglio. La natura domina, il colore delle nuvole o l'odore dei giunchi fanno da sfondo alle emozioni e nessun sentimento è tralasciato ("Le stelle e i pianeti sono tutti sbiaditi nel cielo", dice un marito alla moglie lontana; "E mi lasciò dietro di sé come le orme dei piedi giù nella polvere", mormora l'amante abbandonato; "Siamo già mezzi morti quando chiede se mai non lo si trovi un po' stancante", sospira sconsolato l'ospite di un visitatore molesto). E l'estetica, l'estetica... "Hanno sguardi assassini sotto alle sopracciglia di falena; le membra agili e lunghe, la bellezza severa", per non citare quelle che "con le lunghe maniche sfiorano il viso ai convitati e passano". Che c'è di meglio per sognare?

    Is this helpful?

    Claire Zachanassian said on Feb 16, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Delicato

    Come carta di riso, come una porcellana, come un fiume azzurro. I versi, per me, più belli;
    “Chi dice mai
    Che sono io che lo voglio
    Questo distacco, questo viver lontano da te?
    Le mie vesti odorano ancora dello spigo che mi donasti
    La mia mano tiene ...(continue)

    Come carta di riso, come una porcellana, come un fiume azzurro. I versi, per me, più belli;
    “Chi dice mai
    Che sono io che lo voglio
    Questo distacco, questo viver lontano da te?
    Le mie vesti odorano ancora dello spigo che mi donasti
    La mia mano tiene ancora la lettera che mi inviasti,
    Intorno alla vita porto sempre una doppia cintura
    sogno che essa ci lega entrambi in un unico nodo.
    Non lo sapevi tu che la gente nasconde l’amore
    Come un fiore troppo prezioso per essere colto?”

    Is this helpful?

    Ginny said on Apr 1, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un tuffo delicato e onirico in una cultura lontanissima dalla nostra anni-luce...

    Is this helpful?

    ElleCi said on Dec 15, 2009 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (61)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Hardcover 248 Pages
  • ISBN-10: A000114748
  • Publisher: Einaudi (Nuova Universale, 7)
  • Publish date: 1981-05-30
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Collection with this book

Margin notes of this book