L'isola di cemento

Voto medio di 674
| 119 contributi totali di cui 113 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Quasi un adattamento postmoderno di Robinson Crusoe, con echi anche della "Tempesta" shakespeariana, "L'isola di cemento" narra del naufragio del protagonista Robert Maitland su un'isola di fabbricazione umana. Maitland è un uomo ricco, vive una vita ...Continua
SoulMeetsBody
Ha scritto il 30/07/18
“A mano a mano che girovagava, Maitland scoprì che il suo corpo e il dolore nella gamba gli importavano sempre meno. Incominciò a rimuovere quel guscio, dimenticando dapprima l’arto offeso e poi tutte e due le gambe, cancellando qualsiasi coscienza dei bruciori al petto e al diaframma. Sorretto dall’aria fredda avanzò fra l’erba, riguardando con tranquillità quei tratti di paesaggio che nei giorni precedenti aveva imparato a conoscere così bene. Identificando l’isola con se stesso, contemplò le auto nello spiazzo dello sfasciacarrozze, il recinto di rete metallica e il cassone di cemento alle sue spalle. Fece dei gesti al loro indirizzo, nel tentativo di compiere un circuito dell’isola che gli permettesse di lasciare i vari pezzi di sé al posto giusto: la gamba destra nel punto dell’incidente, le mani ferite impalate sulla recinzione. Il petto, poi, dove si era seduto, contro il muro di cemento. In ogni punto una piccola liturgia avrebbe significato un passaggio di impegno da verso se stesso a verso l’isola. Parlò ad alta voce, come un prete che celebri l’eucaristia del proprio corpo. «Io sono l’isola.»”
“L’isola di cemento” è un’opera potente e disincantata, che trasporta il lettore, con la violenza di un pugno nello stomaco, in una dimensione parallela dai contorni tanto inquietanti quanto realistici. Una dura critica alla cultura del progresso, in...Continua
Baltic Man
Ha scritto il 10/08/17
Si può ambientare una storia nell'interstizio tra l'autostrada e la città, e immaginarsi il degrado e immaginarsi di voler restar lì, però questo romanzo non risulta riuscito fino in fondo, nonostante la sua grande fluidità narrativa non risulta rius...Continua
Alea
Ha scritto il 25/05/17
Isola è una parola dalle infinite suggestioni: si presta oltre che a poetiche metafore anche al linguaggio burocratico: l’isola pedonale, ad esempio. Una bolla, un’area “esclusiva” e separata. [Isolamento – parola derivata da isola, consegna inequi...Continua
Rabingum
Ha scritto il 05/10/16
Gli ingredienti che hanno reso celebre una parte (quella che conosco) della bibliografia di Ballard ci sono tutti. Stile freddo e meccanico, ambiente quasi teatrale ma allo stesso tempo simile a quello di un reale realty show dove il protagonista vie...Continua
Morgana
Ha scritto il 15/02/16
La tematica dell'alienazione della società, tipica in Ballard, in un racconto lungo tra il grottesco e il fantastico. L'espediente letterario qui utilizzato è un incidente stradale di cui Maitland, il protagonista del romanzo, è vittima, a bordo dell...Continua

aSAle
Ha scritto il Aug 18, 2014, 12:44
"Maitland si sentì solo su un pianeta alieno abbandonato dai suoi abitanti, una progenie di costruttori d'autostrade scomparsi molto tempo fa, che gli avevano lasciato in eredità quel deserto di cemento."
Pag. 166
aSAle
Ha scritto il Aug 18, 2014, 12:44
"Gli ultimi quattro giorni sono stati strani...come visitare un manicomio, e seduto su una panchina trovarci me stesso. "
Pag. 126
aSAle
Ha scritto il Aug 18, 2014, 12:42
"Lavoro in un club...be', diciamo, una specie. Ogni tanto fermo qualcuno sull'autostrada. E allora? Sordido, vero?" "Abbastanza. Non sarebbe meglio che ti dessi una regolata e ti mettessi con qualcuno?" "Ora, questo...e perché non te la dai tu, la re...Continua
Pag. 155
Annissa
Ha scritto il Dec 20, 2013, 12:30
"Aveva ormai debellato la fame e lo sfinimento, approdando a uno stato in cui le leggi fisiologiche, l'economia dei bisogni e delle reazioni corporee erano come sospese."
Pag. 144
Annissa
Ha scritto il Dec 20, 2013, 12:28
"Non solo era sfinito, ma gli sembrava di indulgere a comportamenti un po' strambi, come se avesse scordato chi era. Parte della sua mente sembrava in procinto di staccarsi dal centro della coscienza."
Pag. 56

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi