Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Livello di guardia

Di

Editore: A. Mondadori (Piccola Biblioteca Oscar; 525)

3.4
(175)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 164 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804564431 | Isbn-13: 9788804564430 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Ti piace Livello di guardia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un sonnacchioso paesino del Polesine - quattro case, un bar, una stazione deicarabinieri, una chiesa; un tardo autunno, piovoso come non mai. E la costanteminaccia del Po, le cui acque scure salgono, salgono, sempre più vicine allimite dell'argine. Solo un uomo, in quella piccola comunità, non sembra averepaura del fiume: è un "foresto", uno straniero, come dicono da quelle parti, elui il gelo di quell'acqua lo conosce bene, due settimane prima ha cercato inquel freddo abbraccio la risposta ai suoi problemi. Ma il Po non l'ha voluto,l'ha risputato fuori... Chi è quell'uomo? Qual è il segreto che si nascondesotto la sua totale amnesia? Cos'ha a che fare il suo tentativo di suicidiocon l'arrivo in paese di una intraprendente giornalista, un killer siciliano etre operai bergamaschi?
Ordina per
  • 2

    dal blog Giramenti

    Probabilmente le migliori quaranta pagina lette negli ultimi tempi, poi il libro si accartoccia su se stesso. Questa dev’essere la settimana delle buone partenze e delle pessime sterzate, anche ...continua

    Probabilmente le migliori quaranta pagina lette negli ultimi tempi, poi il libro si accartoccia su se stesso. Questa dev’essere la settimana delle buone partenze e delle pessime sterzate, anche Voglio solo ammazzarti di Piedimonte mi ha fatto lo stesso effetto, qualcuno inizierà a pensare che soffro di carenza d’attenzione o di turbe librarie.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2013/12/07/livello-di-guardia-di-natalino-balasso/

    ha scritto il 

  • 3

    Ho finito questo l'altro giorno. Non so, a me piace molto Balasso, l'abbiamo guardato quando era in tv, lo seguo su facebook, ogni tanto guardo anche il canale sul tubo. forse lo seguo troppo, forse ...continua

    Ho finito questo l'altro giorno. Non so, a me piace molto Balasso, l'abbiamo guardato quando era in tv, lo seguo su facebook, ogni tanto guardo anche il canale sul tubo. forse lo seguo troppo, forse per questo mentre i personaggi parlavano mi sembrava di sentire lui che faceva le vocine. E la storia mi è sembrata un po' confusa, io pensavo fosse raccontata dallo stesso punto di vista, però tramite uno shift of time (@Andrea, come si traduce???), invece alla fine è venuto fuori che non ci avevo capito niente. Resta il fatto che alcuni personaggi sono imperdibili, sono tratteggiati bene e ti ci affezioni. Però quelli secondari. Gli altri direi raffazzonati, e soprattutto, antipatici!

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' Benni, un po' Dazieri. Di esclusivo e soprattutto divertente, l'utilizzo di dialoghi a inflessione polesana e la spiegazione semantica di alcuni termini dialettali :) Simpatica ...continua

    Un po' Benni, un po' Dazieri. Di esclusivo e soprattutto divertente, l'utilizzo di dialoghi a inflessione polesana e la spiegazione semantica di alcuni termini dialettali :) Simpatica lettura.

    Varda che te còpo. La frase va a formare un’unica parola, come quei termini composti che tanto piacciono ai tedeschi. Significa letteralmente “guarda che ti ammazzo” e indica senza volerlo un certo cinismo torturatorio, perché non ci si limita ad ammazzare la vittima, ma la si costringe a guardare mentre ciò avviene, anche se quel “varda” non specifica tanto l’azione del “guardare” quanto quella dello “stare attento”. Quasi mai alla minaccia seguono i fatti.”

    ha scritto il 

  • 4

    Non è obbligatorio apprezzare solo i capolavori...

    "l'orco e la nonnina guardano il neoimprenditore come su guarda una rock star negativa all'antidoping". Ecco.... tante piccole macchiette, tante scenette divertenti e una capacità di condensare ...continua

    "l'orco e la nonnina guardano il neoimprenditore come su guarda una rock star negativa all'antidoping". Ecco.... tante piccole macchiette, tante scenette divertenti e una capacità di condensare veloci descrizioni folgoranti che ti costringono a strapparti una risatina. Anche se (come in questo caso) nel bel mezzo di una pagina tutto sommato abbastanza amara all'interno del libro. Il libro in se è carino, ben scritto anche se eccede nelle macchiette. Però si sente l'odore della nebbia o il sapore dello spritz, si ritrovano tante tipologia italiche che sono nostre come il bar al centro del paese che è un vero e proprio protagonista. Per un veneto emigrato come me è unna specie di ritorno a casa e mi fa venire voglia di riguardarmi i vecchi film di Peppone e Don Camillo e di risentire un pò di sano dialetto veneto. Se poi leggete questo agile libretto e se riuscite a trovarlo visto che risulta fuori catalogo, mettetevi in sottofondo un qualche disco dei Pitura Freska (Ohi 'ndemo a veder i pinc floi) e il primo disco di Ligabue e vedrete che la serata passerà senza colpo ferire. La quarta stella arriva direttamente dalla nostalgia machecavolo, anche il cuore ha un peso.

    ha scritto il 

  • 4

    Piacevole e scorrevole. I personaggi e l'atmosfera del nord-est sono ben tratteggiati senza mai scadere nella caricatura. bella sorpresa questo Balasso scrittore, che già ammiravo come comico e ...continua

    Piacevole e scorrevole. I personaggi e l'atmosfera del nord-est sono ben tratteggiati senza mai scadere nella caricatura. bella sorpresa questo Balasso scrittore, che già ammiravo come comico e attore

    ha scritto il 

  • 3

    Questo libro mi è piaciuto a metà: anzi, mi è piaciuta la metà macchiettistica, provinciale e paciosa. La parte thriller, con improbabili personaggi 'foresti', invece, non l'ho mandata giù. Nel ...continua

    Questo libro mi è piaciuto a metà: anzi, mi è piaciuta la metà macchiettistica, provinciale e paciosa. La parte thriller, con improbabili personaggi 'foresti', invece, non l'ho mandata giù. Nel complesso, buonino. Per gli amanti di Balasso comico: questo libro di comico non ha nulla. Di ironico sì, ma se cercate un libroZelig non fa al caso vostro.

    http://robertabookshelf.blogspot.com/2011/09/recensione-129-livello-di-guardia.html

    ha scritto il 

  • 5

    Esilarante e molto intelligente, un autentico giallo nostrano e una gradita sorpresa rispetto alle capacità di scrittura e di intreccio narrativo di Balasso. Non annoia mai, il ritmo è sostenuto e ...continua

    Esilarante e molto intelligente, un autentico giallo nostrano e una gradita sorpresa rispetto alle capacità di scrittura e di intreccio narrativo di Balasso. Non annoia mai, il ritmo è sostenuto e la lettura infinitamente piacevole

    ha scritto il 

Ordina per