Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lo Hobbit

o la riconquista del tesoro

By J.R.R. Tolkien

(9952)

| Paperback | 9788845906886

Like Lo Hobbit ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Lo hobbit, che W.H. Auden ha definito "la più bella storia per bambini degli ultimi cinquant'anni", è il libro con cui Tolkien ha presentato per la prima volta, nel 1937, il foltissimo mondo mitologico del Signore degli Anelli, che orma Continue

Lo hobbit, che W.H. Auden ha definito "la più bella storia per bambini degli ultimi cinquant'anni", è il libro con cui Tolkien ha presentato per la prima volta, nel 1937, il foltissimo mondo mitologico del Signore degli Anelli, che ormai milioni di persone di ogni età, sparse ovunque, conoscono in tutti i suoi minuti particolari.
Tra i protagonisti di tale mondo sono gli Hobbit, minuscoli esseri "dolci come il miele e resistenti come le radici di alberi secolari", timidi, capaci di "sparire veloci e silenziosi al sopraggiungere di persone indesiderate", con un'arte che sembra magica ma è "unicamente dovuta ad un'abilità professionale che l'eredità, la pratica e un'amicizia molto intima con la Terra hanno reso inimitabile da parte di razze più grandi e goffe" - quali gli uomini.

1196 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Esta ha sido la primera vez que he tenido entre mis manos una obra de J.R Tolkien, pero al saber que era amigo de C.S Lewis me hice más o menos una idea de cómo era su manera de narrar. (Pues se dice, que ambos de daban ideas para sus historias). Y n ...(continue)

    Esta ha sido la primera vez que he tenido entre mis manos una obra de J.R Tolkien, pero al saber que era amigo de C.S Lewis me hice más o menos una idea de cómo era su manera de narrar. (Pues se dice, que ambos de daban ideas para sus historias). Y no me equivoqué. Su manera de escribir es casi igual, sólo con una ligera diferencia: el público al que se dirige. Si bien es cierto que J. R. Tolkien tenía intenciones desde un principio que la lectura fuese para niños, lo cierto es que El hobbit terminó por ser una lectura para todas las edades y no sólo a un público en especifico. Por lo tanto, la lectura no es nada tediosa, puede serlo en un principio, pero conforme vas avanzando, más interés por el desarrollo de la misma irás teniendo y pronto querrás saber el final.
    Los personajes son muy entrañables y cada una de sus personalidades con las consecuencias de sus actos, pretenden dejarte una moreleja. La forma en que es desarrollada la historia, despierta el interés del lector y lanzará sus propias expectativas al respecto.
    La verdad, es que me ha gustado mucho el libro que tengo pensando leerme la saga de El Señor de los Anillos aunque el único "pero" que le pongo a la manera de escribir, son los nombres raros porque hace que la lectura sea un tanto difícil de seguir en un principio, pero eso no le quita lo interesante. (Me gustó mucho tanto el personaje con el nombre de Bombur, el cual pienso considerarlo para un gato).

    Cambiando un poco el tema, no sé si ustedes hayan visto las recientes películas basadas en este libro. Las cuales tienen pretendido a ser hasta tres partes. Cuando vi las peliculas (las cuales se me hicieron algo tediosas de ver), creí que el libro sería igual de tedioso de leer pero resultó ser todo lo contrario. Entonces luego entendí, el por qué. Es un libro que consta cerca de 400 páginas que bien pudieron haber sido resumidas en dos horas y media como máximo. Las adaptaciones para el cine tiene muchas escenas de relleno que hacen de la historia mucho más compleja y difícil de entender cuando es algo totalmente sencillo. Pareciera ser, que quisieron hacer una introducción a la saga de El Señor de los Anillos acerca del Nigromante, pero la introducción de los orcos y como de los magos, a mi parecer, pudo haber sido comprensible si no hubieran abusado de los temas.

    Is this helpful?

    Jo Doe said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "El Hobbit" es mi primer acercamiento a la obra de Tolkien, incluyendo las películas basadas en sus libros y debo decir que no me decepcionó. Hace mucho que dejé de ser una niña, sin embargo, la narración me transportó a esos tiempos, cuando mis padr ...(continue)

    "El Hobbit" es mi primer acercamiento a la obra de Tolkien, incluyendo las películas basadas en sus libros y debo decir que no me decepcionó. Hace mucho que dejé de ser una niña, sin embargo, la narración me transportó a esos tiempos, cuando mis padres me leían cuentos, con el afán de entretenerme, instruirme y cultivar en mí el placer por la lectura.

    Las aventuras de Bilbo son muy interesantes, algo a lo que la narración contribuye con sus vastas descripciones de lugares, eventos e incluso acciones, pero sin caer en monólogos internos. Los personajes se dan a conocer a través de sus acciones y vivimos con ellos un sinfín de aventuras, que además de interesantes tienen resoluciones ingeniosas e inesperadas. Por supuesto, el estilo puede resultar cansino para aquellos que estén más interesados en la acción, pero para aquellos que gustan conocer hasta el más mínimo detalle de los escenarios en los que se desarrolla esta acción, sin duda encontrarán la narración rica y llena de detalles.

    Para mí, leer "El Hobbit" fue toda una aventura. Me remontó a mi infancia de una manera que ningún otro libro ha logrado hacerlo y aunque la resolución del conflicto principal no fue de mi agrado, así como lo apresurado del final, creo que la lección que deja, así como la emoción que crea, los personajes que nos regala, junto con los paisajes, conflictos y aventuras, pueden hacer a disfrutar a chicos y grandes por igual. Léanlo para volver a sentirse niños y leánselo a sus hijos, sobrinos, nietos o cualquier niño a su alrededor, porque sin duda los hará soñar con sus propias aventuras en el mundo al que pronto se estarán enfrentando.

    Is this helpful?

    Laurine said on Jul 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    LO HOBBIT: questo libro mi è piaciuto molto soprattutto per la sua trama complessa ed anche perché la sua è storia tratta dal SIGNORE degli ANELLI.
    Questo libro narra di una famiglia che a tutti i costi deve ritrovare il proprio tesoro ovvero un ane ...(continue)

    LO HOBBIT: questo libro mi è piaciuto molto soprattutto per la sua trama complessa ed anche perché la sua è storia tratta dal SIGNORE degli ANELLI.
    Questo libro narra di una famiglia che a tutti i costi deve ritrovare il proprio tesoro ovvero un anello molto importante per fermare l'occhio malvagio, i protagonisti di questa storia sono BILBO BAGGINS ; FRODO BAGGINS e GANDALF IL GRIGIO con la compagnia degli anelli. Durante il cammino essi dovranno percorrere e superare molti tranelli, inganni, sortilegi e incantesimi. Lungo il cammino GANDLF IL GRIGIO muore ma poi risuscita diventando: GANDALF IL BIANCO. Arrivati alla terra dei giganti riescono a sconfiggere l'occhio malvagio, cosicché tutti nel regno degli HOBBIT vissero felice e contenti e fecero ritorno alla loro terra.
    CHIARA

    Is this helpful?

    Classe1maimi said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    A me è piaciuto questo libro, è stato uno dei primi fantasy che io abbia letto. Una volta iniziato, speravo non finisse mai!

    Is this helpful?

    Sky said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Mah.
    Sono stato molto incerto per quanto riguarda il numero di stelle da dare a questo libro. Alla fine ho deciso per tre stelle. Essenzialmente, ho voluto premiare l'indiscutibile genialità di questo autore, e la sua capacità di creare un universo f ...(continue)

    Mah.
    Sono stato molto incerto per quanto riguarda il numero di stelle da dare a questo libro. Alla fine ho deciso per tre stelle. Essenzialmente, ho voluto premiare l'indiscutibile genialità di questo autore, e la sua capacità di creare un universo fantastico dotato di lingue strutturate, storia, miti e leggende.
    Tuttavia, io credo che le (numerose) recensioni entusiaste de "The Hobbit" siano un po' ripetute a pappagallo da molte persone. "Insomma, si sta parlando del padre del genere fantasy, quindi è ovvio che qualsiasi cosa scriva sia eccellente".
    Ma anche no, ecco.
    Ho fatto molta fatica a finire questo libro, devo ammetterlo. Prima di tutto per lo stile di scrittura: per i primi tre quarti del libro è prolisso come non mai, con ripetizioni assolutamente inutili ai fini della storia (è cosi importante ricordare che Bilbo sogna bacon and eggs più o meno ogni fine capitolo?). Poi, quando finalmente si arriva alla parte più interessante, BAM, la storia subisce un'accelerazione assurda, come se lo stesso Tolkien volesse terminarla in fretta perché stanco di scrivere. Ed ecco che Smaug the Magnificent viene liquidato nel giro di mezza pagina, con una freccia scagliata da un tizio comparso più o meno a caso, che ovviamente si rivelerà essere discendente di una nobile stirpe (?), nonostante fosse, fino ad allora, trattato come lo scemo del villaggio. E la "terribile" Battle of the Five Armies (anch'essa liquidata nel giro di un capitolo e mezzo circa) sembra essere stata messa lì a caso, giusto per allungare il brodo. Tanto poi arrivano le aquile a salvare la situazione (?).
    Per non parlare dei personaggi poi. Dotati di un'analisi psicologica della stessa ampiezza di un cucchiaino (ma questo lo posso capire, è un libro scritto essenzialmente per bambini), sono tutti meschini, avidi, quasi doppio-giochisti, siano essi elfi, hobbit, nani o uomini. C'è Gandalf, un mago (che poi, oltre a fuochi d'artificio e qualche lampo di luce, di magico non fa altro) che prima c'è, poi sparisce per farsi gli affari suoi, ricompare, e sparisce di nuovo. E gli elfi poi, descritti come un popolo raffinato, nobile etc, sembrano più un gruppo di oche giulive che cantano e bevono tutto il giorno, a parte quando il tesoro diventa protagonista della storia. Allora in quel caso diventano avidi come tutti gli altri. Vogliamo parlare dei nani? Arrivano alla montagna di Smaug così, perché hanno avuto un (bel) po' di fortuna, fanno fare il lavoro sporco a Bilbo, stanno nascosti tutto il tempo mentre Smaug muore, senza fare nulla, e poi pretendono di avere tutto il tesoro per loro perché centinaia di anni prima lì c'erano altri nani.
    Ecco, forse l'unico personaggio che si salva è Bilbo, che subisce anche una crescita personale apprezzabile nel corso della storia. Ma, comunque, anche lui ha ben poche qualità positive. Semplicemente ne ha di più rispetto agli altri.
    In sostanza, io non ho molto apprezzato "The Hobbit", ma forse coloro che sono più appassionati di me del genere fantasy vedranno tutte le qualità positive che io, sinceramente, ho fatto fatica a notare.

    Is this helpful?

    ~ L u c a said on Jul 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    odiatemi pure

    andrò contro corrente ma a me sinceramente non è piaciuto assolutamente. E' vero che Tolkien è quello che ha "inventato " il genere fantasy che senza di lui non ci sarebbero stati Rowling, Goodking ecc . ma a me questo libro e la stessa scrittura di ...(continue)

    andrò contro corrente ma a me sinceramente non è piaciuto assolutamente. E' vero che Tolkien è quello che ha "inventato " il genere fantasy che senza di lui non ci sarebbero stati Rowling, Goodking ecc . ma a me questo libro e la stessa scrittura di Tolkien non mi è piaciuta per vari motivi:
    - Bilbo Bagging che si trova inspiegabilmente a dover affrontare questo viaggio ogni tre per due si lamenta .. e voglio casa mia .. e qua sono scomodo ecc ecc .. cosa che un eroe non dovrebbe fare
    -Questi nani grandi e grossi , armati fino ai denti , spacconi si fanno salvare da un mezz' uomo , l'unica cosa che fanno è mettersi nei guai.
    -La figura di Gandalf è del tutto assente e marginale , se ne va .. poi torna .. poi se ne va ... uno stregone avrebbe dovuto comunque aiutare i nani bambini / poppanti
    -l'anello trovato da blbo che doveva essere il punto focale del libro si riduce a sue pagine e a uno stupido gioco d'indovinelli
    -il drago che dorme sul tesoro dei nani dorme dorme finchè d'un tratto si sveglia come se avesse il pepe al culo e fa un disastro non solo ma muore nel giro di mezza pagina ? che secondo me era più logico che il drago fosse stato ucciso dai nani
    -la guerra finale sinceramente non ha alcun senso
    - sti nani che non hanno fatto nulla che mentre il drago veniva ucciso loro erano li nella caverna a non far niente e non contenti , avanzano dei diritti assurdi sul tesoro solo perchè apparteneva ai loro antenati ..ma cosa vuol dire sieste stati li a non fare un cass e avanzate anche delle pretese ???

    Is this helpful?

    Hagrid said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book