Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lo Hobbit a fumetti

Di

Editore: CDE spa su licenza Rusconi Libri

4.1
(428)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 134 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: A000107248 | Data di pubblicazione: 

Illustratore o Matitista: David Wenzel

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Lo Hobbit a fumetti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato per la prima volta nel 1937, lo Hobbit di J.R.R. Tolkien è divenuto uno dei testi più amati di tutti i tempi. Il classico di Tolkien è stato ora adattato diventando un racconto illustrato dalla prima all'ultima pagina.

Lo Hobbit narra la storia di Bilbo Baggins... uno hobbit tranquillo e contento la cui vita viene totalmente sconvolta nel momento in cui egli si unisce al mago Gandalf e tredici nani nel tentativo di riconquista del teosro rubato a questi ultimi. La loro avventura si rivelerà un viaggio colmo di pericoli; alla fine sarà Bilbo che da solo dovrà affrontare Smaug, il drago più temuto e custode del tesoro rubato.

Tutto illustrato a colori e corredato dal testo accuratamente adattato al racconto originale, questa stupenda edizione farà conoscere alle nuove generazioni il magico capolavoro tolkeniano facendosi sicuramente apprezzare dai fans de Lo Hobbit di tutte le età e di tutto il mondo.
Ordina per
  • 3

    Non sarà un capolavoro del fumetto, però questa trasposizione grafica de Lo Hobbit è simpatica ed efficace. Forse avrebbe beneficiato di un formato più grande, viste le tavole dense e i testi un po' prolissi.

    ha scritto il 

  • 5

    Poche pagine ogni sera, insieme. E' così che i miei figli sono entrati nel meraviglioso mondo di Tolkien: rapiti, affascinati, non riuscivano a pensare ad altro, a fantasticare, a immaginare, a ri-raccontarselo, a giocarci. Verso sera non vedevano l'ora di tuffarsi nelle pagine del libro insieme ...continua

    Poche pagine ogni sera, insieme. E' così che i miei figli sono entrati nel meraviglioso mondo di Tolkien: rapiti, affascinati, non riuscivano a pensare ad altro, a fantasticare, a immaginare, a ri-raccontarselo, a giocarci. Verso sera non vedevano l'ora di tuffarsi nelle pagine del libro insieme a me che glielo leggevo, non c'era nient'altro che preferissero. Potere delle storie. Potere di una storia come questa.

    ha scritto il 

  • 5

    Chi è il più forte tra i mannari e le aquile? Adesso invece un'altra: cosa succede al re dei goblin? Qual è il più alto dei nani? (Intendendo Gandalf) Io sono lui, e poi il goblin cattivo.
    Questo Hobbit ha una forza incredibile: entra sottopelle e contagia come un virus, anche se si hanno ...continua

    Chi è il più forte tra i mannari e le aquile? Adesso invece un'altra: cosa succede al re dei goblin? Qual è il più alto dei nani? (Intendendo Gandalf) Io sono lui, e poi il goblin cattivo.
    Questo Hobbit ha una forza incredibile: entra sottopelle e contagia come un virus, anche se si hanno solo 3 anni e mezzo.

    ha scritto il 

  • 5

    Non potendo ancora accedere al libro originale tantomeno al film perché avrebbe delle ripercussioni sulla mia fantasia in quanto sono altamente impressionabile, sono partito da questa versione a fumetti e mi ha preso come poche altre cose finora. Quante generazioni ancora riuscirà ad ammaliare qu ...continua

    Non potendo ancora accedere al libro originale tantomeno al film perché avrebbe delle ripercussioni sulla mia fantasia in quanto sono altamente impressionabile, sono partito da questa versione a fumetti e mi ha preso come poche altre cose finora. Quante generazioni ancora riuscirà ad ammaliare questa storia? Io è mio fratello ci giochiamo, la reinterpretiamo, ci facciamo anche delle specie di indovinelli alla Gollum... Certo, è molto complessa ma a poco a poco la stiamo assorbendo e stiamo entrando nel fantastico universo parallelo della terra di mezzo. Chissà se da lì poi ne usciremo...

    ha scritto il 

  • 0

    graficamente di difficilissima lettura: il carattere scelto per le didascalie è poco chiaro e molto piccolo. L'impressione è che sia stato ridotto o cambiato il formato della versione originale. Detto questo è stato interessante "ripassare" la storia de "Lo hobbit" (seguirà comunque lettura del l ...continua

    graficamente di difficilissima lettura: il carattere scelto per le didascalie è poco chiaro e molto piccolo. L'impressione è che sia stato ridotto o cambiato il formato della versione originale. Detto questo è stato interessante "ripassare" la storia de "Lo hobbit" (seguirà comunque lettura del libro).

    ha scritto il 

  • 5

    Tolkien a colori. E che colori!

    Il solito grandioso Tolkien in una graziosa edizione a fumetti che non ci si stancherebbe mai di leggere. Le tavole sono curate fin nel dettaglio e consentono di calarsi ancora meglio nella storia, ricca di suspence ma anche di momenti comici e faceti.
    Della storia non dico nulla per non ro ...continua

    Il solito grandioso Tolkien in una graziosa edizione a fumetti che non ci si stancherebbe mai di leggere. Le tavole sono curate fin nel dettaglio e consentono di calarsi ancora meglio nella storia, ricca di suspence ma anche di momenti comici e faceti.
    Della storia non dico nulla per non rovinare il piacere della scoperta a chi non la conoscesse; mi limito solo a notare quanto sia immortale, pur trattandosi di un racconto di poche pretese, non fosse altro che per gli spunti che offre a Harry Potter (l'incipit sugli hobbit è lo stesso per Vernon e Petunia Dursley) e al grande scrittore che è Walter Moers (ragni giganti ed Elfi Silvani diventano, con lo stesso meccanismo di visione e smarrimento, lo stregaragno silvestre). Mia interpretazione, eh, potrei sempre sbagliarmi.

    Letto più volte nell'edizione solo testuale; riletto per nostalgia e in occasione dell'uscita del film (il regista da solo è già una promessa...).

    ha scritto il