Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lo scafandro e la farfalla

By Jean-Dominique Bauby

(1051)

| Paperback | 9788879284028

Like Lo scafandro e la farfalla ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

L'8 dicembre 1995 un ictus getta Jean-Dominique Bauby in coma profondo. Quando ne esce, tutte le sue funzioni motorie sono deteriorate. Colpito da quella che la medicina chiama locked-in syndrome, e che lascia perfettamente lucidi ma prigionieri del Continue

L'8 dicembre 1995 un ictus getta Jean-Dominique Bauby in coma profondo. Quando ne esce, tutte le sue funzioni motorie sono deteriorate. Colpito da quella che la medicina chiama locked-in syndrome, e che lascia perfettamente lucidi ma prigionieri del proprio corpo inerte, Bauby non può più muoversi, mangiare, parlare o anche semplicemente respirare senza aiuto. In quel corpo rigido e incontrollabile come lo scafandro di un palombaro, solo un occhio si muove. Quell'occhio, il sinistro, è il suo legame con il mondo, con gli altri, con la vita. Sbattendo una volta le palpebre del suo occhio Bauby dice di sì, due volte significano un no. Sempre con un battito di ciglia, ferma un interlocutore su una lettera dell'alfabeto che gli viene recitato secondo l'ordine di frequenza della lingua francese: "E, S; A, R, I, N, T...". E, lettera dopo lettera, Bauby detta parole, frasi, pagine intere... Con il suo occhio Bauby scrive questo libro: per settimane intere, ogni mattina prima dell'alba, pensa e memorizza un capitolo che più tardi detta a una redattrice del suo editore. Così, da dietro l'oblò del suo scafandro, invia le cartoline di un mondo che si può solo immaginare, dove vola leggera la farfalla del suo spirito.

164 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Terribile, e nel contempo dolcissimo, la storia di un uomo che non si arrende mai.

    Is this helpful?

    Trenette65 said on Jul 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro toccante che aiuta a riflettere su quanto piccola e fragile cosa sia la vita e allo stesso tempo su quale pozzo inesauribile di risorse sia la mente umana.
    "Ero cieco e sordo oppure è necessaria la luce di una disgrazia a rilevare un uomo ne ...(continue)

    Un libro toccante che aiuta a riflettere su quanto piccola e fragile cosa sia la vita e allo stesso tempo su quale pozzo inesauribile di risorse sia la mente umana.
    "Ero cieco e sordo oppure è necessaria la luce di una disgrazia a rilevare un uomo nel suo vero aspetto?"
    Rifletto dopo questa breve e veloce lettura sull'ambiguità del corpo, ora gabbia ora risorsa ora scafandro, scafandro in ogni situazione sia nella disgrazia di un'infermità sia nella quotidiana normalità. Siamo ciechi e sordi di fronte ai mille avvenimenti della vita, ci scordiamo i sogni, cancelliamo le memorie, troppo distratti da questo presente così materialmente palpabile.
    Viviamo in uno scafandro senza saperlo quando in realtà ci illudiamo di essere farfalle.

    Is this helpful?

    Luisa Radici said on Feb 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una storia vera e toccante che induce a riflettere sulla condizione umana di come sia precaria la vita, di come in un attimo tutto possa cambiare. Ciò detto, l'ho trovato un po' lento e ho fatto fatica a portare a termine la lettura. Nonostante la s ...(continue)

    Una storia vera e toccante che induce a riflettere sulla condizione umana di come sia precaria la vita, di come in un attimo tutto possa cambiare. Ciò detto, l'ho trovato un po' lento e ho fatto fatica a portare a termine la lettura. Nonostante la storia mi abbia incuriosito, mi aspettavo di più.

    Is this helpful?

    Chiara Giuria said on Jan 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo libro... Ti fa riflettere molto... Ed anche piangere in qualche punto... Ottimo libro lo consiglio davvero

    Is this helpful?

    Lelle Ber said on Jan 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La chiave per la libertà

    Nella vita quotidiana crediamo di essere quasi invincibili, ci disperiamo se perdiamo il treno la mattina, ci arrabbiamo con mogli, mariti, figli, genitori se hanno qualcosa da ridire... Mai ci sfiora l'idea che da un momento all'altro possiamo non p ...(continue)

    Nella vita quotidiana crediamo di essere quasi invincibili, ci disperiamo se perdiamo il treno la mattina, ci arrabbiamo con mogli, mariti, figli, genitori se hanno qualcosa da ridire... Mai ci sfiora l'idea che da un momento all'altro possiamo non poter prendere più nessun treno o parlare con le persone che amiamo. Finché non accade. E allora cambia tutto. Cambi tu, cambia il tuo modo di considerare gli altri e i momenti passati con loro. Non esiste più tempo e forse neanche lo spazio. Quando il corpo è incatenato, la mente trova il modo di superarlo. Anche se ci vuole tempo.
    Bauby avrà trovato infine la sua chiave per liberare quella farfalla intrappolata? Quello che è certo è che lui ha continuato a cercarla in tutti i luoghi, pur rimanendo immobile.
    Certo, da un libro non si può capire quanto sia stato lungo il lavoro di scrittura e quanto sia stato difficile per Bauby e per chi scriveva, ma credo che non bisogni mai dimenticare che qui sulla Terra il nostro tempo non è infinito e che bisogni vivere ogni singolomomento come se fosse l'unico, e allora anche sentire l'odore delle patatine fritte diventa un attimo speciale.

    Is this helpful?

    Kabura said on Dec 9, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    <<Non mancava niente, eccetto me. Ero altrove>>

    Ho perso le parole. Leggere Lo scafandro e la farfalla è una catarsi, un'esperienza metafisica e spirituale al termine della quale si prova gratitudine per la propria normalità, per il solo fatto di essere vivi. Questo romanzo autobiografico è ...(continue)

    Ho perso le parole. Leggere Lo scafandro e la farfalla è una catarsi, un'esperienza metafisica e spirituale al termine della quale si prova gratitudine per la propria normalità, per il solo fatto di essere vivi. Questo romanzo autobiografico è il racconto di una non-esistenza, il resoconto dei giorni trascorsi dall'autore nel letto di un ospedale di Berck-sur-Mer dopo l'incidente che gli ha compromesso le funzionalità del tronco cerebrale, condannandolo alla locked-in syndrome, una condizione di paralisi quasi totale del corpo che non intacca, tuttavia, il funzionamento del pensiero.
    Jean-Dominique tralascia <<questo corpo flaccido e disarticolato che ormai mi apparteneva solo per farmi soffrire>>, per concentrarsi, invece, sulla rievocazione delle sue ultime volte (l'ultima gita con il figlio, l'ultima riunione in ufficio, l'ultimo risveglio nella propria stanza, l'ultimo pasto degno di questo nome...); ogni capitolo è brevissimo - segno ulteriore dello sforzo per dettarlo alla sua assistente - e alterna descrizioni della routine ospedaliera a ricordi e desideri, mescolando presente e passato, realtà e finzione, in un vivido sogno ad occhi aperti.
    Pur essendo stato <<scaraventato ai confini della vita>>, Jean-Dominique è ancora capace di ridere, di emozionarsi e di suscitare ilarità: la sua ironia, anzi, serve a stemperare il dolore fisico e psicologico che lo attanaglia e da cui non può fuggire. Suo malgrado accetta la terribile condizione in cui si trova, ed è curioso osservarlo mentre classifica in quattro tipologie il comportamento dei suoi visitatori: ci sono gli <<emotivi>>, incapaci di trattenere le lacrime al suo capezzale, gli <<evasivi>>, che attendono che sia lui a rompere il ghiaccio, i <<travet>> che leggono lettera per lettera ogni sua frase senza provare a completarla e, all'opposto, gli impulsivi, che accelerano le sue risposte e perdono il filo del discorso.
    Bauby non vuole terrorizzare o deprimere il lettore, ma farlo riflettere, questo sì, e sorridere dell'ironia stessa del destino. Riconosce, inoltre, di essere il secondo personaggio affetto da locked-in syndrome in letteratura, dopo il celebre Noirtier de Villefort de "Il Conte di Montecristo" di Dumas.
    Le sue digressioni e i suoi arguti ragionamenti sembrano aforismi sul senso della vita e non traspare mai pessimismo o disperazione, anche se il rimpianto è sempre presente, perfino quello delle cose più banali, come il profumo di olio bollente delle patatine fritte, che Bauby richiama alla mente per gratificare i suoi sensi sopiti.
    Triste, tristissimo è solo il capitolo finale, in cui ripercorre il suo ultimo giorno da <<extraterrestre perfettamente funzionante>> sulle note di una canzone dei Beatles, "A Day in the Life". Disarmante.

    Is this helpful?

    Pitichi said on Nov 28, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (1051)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 128 Pages
  • ISBN-10: 8879284029
  • ISBN-13: 9788879284028
  • Publisher: Ponte alle Grazie
  • Publish date: 1997-08-08
  • In other languages: other languages English Books , Livres Français
Improve_data of this book

Margin notes of this book