Lo scandalo Modigliani

Di

Editore: CDE

3.1
(1343)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 215 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Portoghese , Francese , Olandese

Isbn-10: A000047033 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roberta Rambelli

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Lo scandalo Modigliani?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Ottimo thriller sul mondo dell'arte!

    Una trama ben congegnata, con colpi di scena perfettamente calibrati e un'ambientazione artistica affascinante. Dovrebbero farne un film.

    ha scritto il 

  • 2

    Pensavo meglio.

    Premetto che non l'ho letto, ma "ascoltato" in formato audiolibro, ma detto questo devo dire che pensavo meglio.
    E' una storia scorrevole, con i tipici personaggi alla Ken Follet, ma non è il libro mi ...continua

    Premetto che non l'ho letto, ma "ascoltato" in formato audiolibro, ma detto questo devo dire che pensavo meglio.
    E' una storia scorrevole, con i tipici personaggi alla Ken Follet, ma non è il libro migliore di questo autore.
    Molte cose erano alquanto prevedibili.
    Letto (anzi ascoltato) volentieri, ma non lo rileggerei.

    ha scritto il 

  • 3

    Un buon libercolo

    Romanzetto che lo stesso Ken Follett ammette tra le righe non essere tra i suoi lavori migliori ma che si lascia leggere. L'idea è carina: un capolavoro perduto, un grosso imbroglio, il mondo non trop ...continua

    Romanzetto che lo stesso Ken Follett ammette tra le righe non essere tra i suoi lavori migliori ma che si lascia leggere. L'idea è carina: un capolavoro perduto, un grosso imbroglio, il mondo non troppo pulito del mercato dell'arte...ma il finale mi ha lasciato un po' perplessa, l'artista ha chiuso in fretta e non si capisce fino in fondo in che modo la faccenda si risolva. Un ottimo stile di scrittura gli fa meritare la sufficienza piena.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo piacevole , scorrevole, semplice ...ma che non manca certo del colpo di scena finale. Un giallo appassionante per la sua trama ben scritta e per le belle descrizioni dell'ambientazione dell ...continua

    Un romanzo piacevole , scorrevole, semplice ...ma che non manca certo del colpo di scena finale. Un giallo appassionante per la sua trama ben scritta e per le belle descrizioni dell'ambientazione della vicenda.

    ha scritto il 

  • 4

    Rispetto ad altri libri dello stesso autore questo thriller ha uno stile abbastanza diverso ma tuttavia interessante: la trama non è scontata ma ben congegnata fino al colpo di scena finale, lo stile ...continua

    Rispetto ad altri libri dello stesso autore questo thriller ha uno stile abbastanza diverso ma tuttavia interessante: la trama non è scontata ma ben congegnata fino al colpo di scena finale, lo stile è scorrevole, la lettura è rilassante. Non è comunque banale ma molto coinvolgente.

    ha scritto il 

  • 2

    ITALIANO

    L intrigante giro di persone si mescola con le diverse località raccolte per noi dal nostro Ken e toccate dai diversi protagonisti racchiusi in queste pagine.
    Si gira tra Parigi londra e, l Italia. L ...continua

    L intrigante giro di persone si mescola con le diverse località raccolte per noi dal nostro Ken e toccate dai diversi protagonisti racchiusi in queste pagine.
    Si gira tra Parigi londra e, l Italia. L intrigo resta fino alla fine delle ultime pagine, ma il finale non è poi cosi esaltante. Per fortuna scorre via veloce.
    Pittoresco

    ha scritto il 

  • 2

    Non sembra nemmeno un libro di Ken Follett, ma siamo sicuri che lo ha scritto lui? Può essere piacevole, ma lo stile inconfondibile di questo autore non si riconosce nemmeno in una pagina. Da evitare! ...continua

    Non sembra nemmeno un libro di Ken Follett, ma siamo sicuri che lo ha scritto lui? Può essere piacevole, ma lo stile inconfondibile di questo autore non si riconosce nemmeno in una pagina. Da evitare!

    ha scritto il 

  • 3

    La storia è incentrata sulla "caccia la tesoro" di un dipinto di Amedeo Modigliani ritenuto perduto, realizzato dall'artista sotto l'influsso dell'hashish. I partecipanti sono diverse persone legate a ...continua

    La storia è incentrata sulla "caccia la tesoro" di un dipinto di Amedeo Modigliani ritenuto perduto, realizzato dall'artista sotto l'influsso dell'hashish. I partecipanti sono diverse persone legate al mondo dell'arte: una studentessa di storia dell'arte, un giovane gallerista squattrinato, un ricco collezionista e due giovani pittori.

    "Ciò che ho scritto, tutto sommato, è una specie di giallo spensierato in cui moltissimi personaggi, quasi tutti giovani, si lanciano in una quantità di imprese azzardate, nessuna delle quali va a finire esattamente secondo le previsioni. I critici lo hanno definito vivace, effervescente, leggero, colorito, spiritoso, leggero (ancora ) e frizzante."
    Follett descrive così il suo libro nell'introduzione, e credo che rispecchi bene il valore del libro.
    Ci sono molti personaggi, troppi rispetto alla lunghezza del libro, e questo crea una po’ di confusione. La storia è incentrata più sui personaggi coinvolti nella caccia al tesoro che sul dipinto di Modigliani. Mi aspettavo qualche parola in più sulla tela scomparsa e sull'artista in generale. Insomma così così, mi aspettavo qualcosa di diverso. Nel finale si riprende un po’. Resta comunque una lettura piacevole e poco impegnativa.

    ha scritto il 

  • 2

    Uno dei peggiori di Follett

    Troppi personaggi per un romanzo così breve creano nel lettore una confusione unica.
    Un giallo che non si può considerare tale, visto di che i colpi di scena non si è visto nemmeno l'ombra.
    L'ho letto ...continua

    Troppi personaggi per un romanzo così breve creano nel lettore una confusione unica.
    Un giallo che non si può considerare tale, visto di che i colpi di scena non si è visto nemmeno l'ombra.
    L'ho letto (e finito) solo per rispetto, ancora una volta, nei confronti del grande Follett.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per