Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lo scarabeo di Nefertari

Di

Editore: Piemme (Piemme pocket)

3.2
(54)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 511 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 883844353X | Isbn-13: 9788838443534 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vincenzo Jacomuzzi

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Lo scarabeo di Nefertari?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lo scarabeo di lapislazzuli, prezioso gioiello destinato alla reginaNefertari, sposa del faraone Ramses II, viene sfiorato nella bottegadell'orefice reale dal tocco magico di un dio minore e comincia a vedere, asentire, a pensare. E a raccontare la sua favolosa vita millenaria di mutospettatore e protagonista.
Ordina per
  • 3

    Pensate di dare un'anima ad un oggetto.Che cosa potra' vedere?
    E' quello che racconta questo romanzo.
    Ad uno scarabeo dono del Faraone Ramses a Nefertari, viene data un'anima. Ha la capacita' di capire, riflettere e ricordare. Nel passare dei secoli, passa di mano in mano fino ai giorni nostri.
    N ...continua

    Pensate di dare un'anima ad un oggetto.Che cosa potra' vedere? E' quello che racconta questo romanzo. Ad uno scarabeo dono del Faraone Ramses a Nefertari, viene data un'anima. Ha la capacita' di capire, riflettere e ricordare. Nel passare dei secoli, passa di mano in mano fino ai giorni nostri. Non sarebbe male, ma spesso la narrazione si appesantisce e vengono costantemente ricordati episodi del passato gia' raccontati. Queste parti "costringono a leggere un po' a saltoni".

    ha scritto il 

  • 2

    il ricordo è migliore della realtà!

    più di dieci anni fa avevo preso in biblioteca questo libro, ma mi trovai quasi subito in mezzo ad un trasloco non preventivato e lo "scarabeo" si ritrovo messò da parte e restituito prima di averlo finito di leggere...
    nel corso degli anni avevo spesso ripensato a questo libro per la curiosità d ...continua

    più di dieci anni fa avevo preso in biblioteca questo libro, ma mi trovai quasi subito in mezzo ad un trasloco non preventivato e lo "scarabeo" si ritrovo messò da parte e restituito prima di averlo finito di leggere... nel corso degli anni avevo spesso ripensato a questo libro per la curiosità di sapere come poteva andare a finire... oddio, non che non ci dormissi la notte, ma non riesco mai a lasciare un libro a metà e questo era l'unica volta in tutta la mia vita (Promessi Sposi a parte, ma questo è un altro discorso...). un giorno, all'improvviso, mi sono ricordato di questo libro mentre ero davanti al computer e così l'ho cercato subito, prima sulla rete, per ricordare il titolo e l'autore e successivamente su eBay per acquistarlo e dopo pochi giorni avevo l'agognato libro in mano! il ricordo di quello che avevo letto si è rivelato migliore della lettura completa, o almeno così è stato per me; mi sono ritrovato in una serie di mini racconti senza troppo spessore con questo benedetto scarabeo a fare da legame tra un passaggio e l'altro, ma senza avere, alla fine, niente di davvero positivo in cambio. peccato, sarebbe stato meglio continuare a pensare a questo libro una volta ogni tanto senza finire di leggerlo e serbandone l'ottimo ricordo che ne avevo.

    ha scritto il 

  • 5

    Delizioso. Letto in fretta una decina d'anni fa, sto ora finendo una rilettura piacevolissima e piena di sorprese. Mujica Lainez è autore poco noto in Italia e non adatto a tutti, a causa più che altro di uno stile verboso e colto che può esasperare. Ma basta un minimo di pazienza per scoprire un ...continua

    Delizioso. Letto in fretta una decina d'anni fa, sto ora finendo una rilettura piacevolissima e piena di sorprese. Mujica Lainez è autore poco noto in Italia e non adatto a tutti, a causa più che altro di uno stile verboso e colto che può esasperare. Ma basta un minimo di pazienza per scoprire un mondo di inesauribile visionarietà e un tono elegantemente ironico che non possono non affascinare. Di lui nel nostro Paese è stato pubblicato, oltre a questo romanzo, solo Bomarzo, definito il suo capolavoro. Ma ho letto in francese un altro libro secondo me di grande fascino, La casa.

    ha scritto il 

  • 5

    La storia di un amore eterno

    Viaggiare nel tempo e nello spazio senza muoversi da casa per scoprire l'immortalità dei sentimenti. Ho sempre sognato un libro così.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho comprato questo volume perchè m'intrigava il fatto che il narratore fosse non un uomo, bensì un oggetto. E il fatto che l'oggetto in questione fosse un gioiello di Nefertari, evocava la magia dell'antico Egitto. La storia si snoda dall'epoca di Ramses II fino ai giorni nostri e le mie aspettat ...continua

    Ho comprato questo volume perchè m'intrigava il fatto che il narratore fosse non un uomo, bensì un oggetto. E il fatto che l'oggetto in questione fosse un gioiello di Nefertari, evocava la magia dell'antico Egitto. La storia si snoda dall'epoca di Ramses II fino ai giorni nostri e le mie aspettative sono state ampiamente deluse. Si tratta più che di un romanzo, di una presentazione storica di epoche, fatti e personaggi del passato. Ma la vita di un gioiello è comunque piuttosto noiosa e così si attraversano centinaia di pagine seguendo le gesta di questo anello che passa di mano in mano, resta sepolto per secoli in qualche cripta o in fondo al mare e infine in un museo. A questo si aggiunge una nient'affatto sottile insinuazione che gli uomini del passato fossero comunque migliori, dei titani mossi da grandi ideali, o dal genio della creatività, o ancora da puri e forti sentimenti. Per contrappasso si presentano quale campionario odierno, due riccone superficiali e sciocche che sperperano la vita in frivolezze. Quasi a dire il degrado dell'umanità. Ma aldilà di questa presentazione del genere umano che non condivido, resta il fatto che il libro mi ha fortemente annoiata. E' comunque ben scritto ed è certo frutto di approfondimenti e studi storici, perciò nonostante la trama deludente per me vale due stelline.

    ha scritto il