Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lo schermo del potere. Femminismo e visualità nell'Italia contemporanea

Di

3.8
(6)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 130 | Formato: Altri

Isbn-10: 8897522297 | Isbn-13: 9788897522294 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Lo schermo del potere. Femminismo e visualità nell'Italia contemporanea?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Lo schermo del potere

    Nel 2009 il web è stato investito da un dibattito corposo e controverso sull’immagine della donna nella televisione italiana. A dare un’eco fondamentale a questo dibattito è stato il documentario rea ...continua

    Nel 2009 il web è stato investito da un dibattito corposo e controverso sull’immagine della donna nella televisione italiana. A dare un’eco fondamentale a questo dibattito è stato il documentario realizzato da Lorella Zanardo, Marco Malfi Chindemi e Cesare Cantù, Il corpo delle donne, che mostra, attraverso un montaggio ragionato, quanto il corpo femminile sia stato reificato all’interno dei programmi dedicati all’intrattenimento, come Buona Domenica, in onda su Canale 5.

    Lo schermo del potere di Alessandra Gribaldo e Giovanna Zapperi getta una luce articolata su quel dibattito contestualizzandolo e ampliandone i contenuti secondo le teorie femministe e visuali. La prima constatazione che emerge è la disparità fra la rappresentazione della donna sul piccolo schermo e la realtà delle donne che vivono al di fuori dello schermo stesso. Disparità che non deve però trasformarsi in dicotomia, come sembra mostrare il sopramenzionato documentario, dove forse, notano le autrici, vi è un esagerato accanimento nei confronti delle donne rifatte in tv contro le donne non rifatte nella realtà. Come se le prime non fossero donne reali e le seconde lo fossero anche troppo, “la sottolineatura costante del ritorno all’autenticità del femminile, all’esigenza di sincerità si adagia sulla convinzione che esista qualcosa come la donna…”. Il rischio quindi è quello di essenzializzare la donna, di ridurla ad una definizione prestabilita. Criticare aspramente la tipologia di donna veicolata dalla tv non è la strada giusta da percorrere. La questione, secondo le autrici, è ben più complessa.

    Ed è per questo che occorre aprire la riflessione sulla “costruzione visiva dell’alterità” al rapporto fra sessismo, razzismo e omofobia che non sono separabili fra loro. In questo senso, la figura della donna migrante emerge come paradigmatica nel fornire un immaginario ancora una volta intriso di stereotipi, in quanto “particolarmente esposta al doppio registro che oppone minaccia e degrado da una parte, autenticità, cura, materno oblativo dall’altra”. La donna migrante non la ritroviamo solamente sovraesposta in televisione come ‘madre natura’ in programmi come Ciao Darwin, ma anche al centro delle cronache rosa e giudiziarie che ruotano attorno a Silvio Berlusconi. Il suo ‘bunga bunga’ veicola una sintesi grottesca di orientalismo e razzismo volto ad autolegittimarsi secondo un atteggiamento di presunzione “in cui il capo di stato è sempre identificato con colui che penetra”.

    Le autrici proseguono con riflessioni sulla precarietà e su come essa in qualche modo vanifichi il significato del termine ‘normalità’. Ma è sulla normalità, o meglio sullo sguardo normalizzante che bisogna soffermarsi, in quanto se da un lato lo sguardo è un sito di potere, dall’altro esso può diventare un sito di resistenza, per cui è importante contrastare “l’impero della normalità” che vuole le donne come soggetti unitari e ‘autentici’, altro termine questo che va decostruito per lasciare spazio al concetto di ibrido, creolo e meticciato. Lo sguardo va quindi riconfigurato e gli stereotipi messi in discussione, per un continuo, vitale e conflittuale rapporto con il visuale.

    Pubblicata inizialmente qui: http://www.dancescriber.blogspot.it/2013/08/lo-schermo-del-potere.html

    ha scritto il