Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lo schiavo del tempo

By Anne Rice

(808)

| Paperback | 9788878188068

Like Lo schiavo del tempo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Mentre si trova bloccato in fin di vita in una baita d'alta montagna, unostudioso dell'antica civiltà sumera viene salvato dall'inattesa quantoprovvidenziale visita di un misterioso, bellissimo giovane che dice dichiamarsi Azriel e di essere u Continue

Mentre si trova bloccato in fin di vita in una baita d'alta montagna, unostudioso dell'antica civiltà sumera viene salvato dall'inattesa quantoprovvidenziale visita di un misterioso, bellissimo giovane che dice dichiamarsi Azriel e di essere un demone con una lunga e struggente storia daraccontare. Azriel è lo spirito di un giovane ebreo babilonese che per amoreverso il suo popolo prigioniero in Mesopotamia è caduto in un inganno orditoda sacerdoti pagani e negromanti, i quali gli hanno strappato l'anima e nehanno fatto un demone in balia del mago che di volta in volta possiede le ossadelle sue spoglie mortali. Dalla Babilonia dei mille dèi alla Parigi di fineOttocento, all'Asia Minore a New York, il viaggio di Azriel volge al termine.

25 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo... anche se libro "irreale" la logica di Anne Rice lo pone nella realtà più viva.

    Is this helpful?

    stefy said on Apr 30, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    “La domanda?”
    “Ho un destino io?”
    “Che domanda bizzarra. Cosa ti fa pensare che si possa avere un destino? Facciamo quel che facciamo e poi moriamo. Te l’ho spiegato. Esiste un solo Dio creatore e il suo nome non fa differenza. Il nostro destino, i ...(continue)

    “La domanda?”
    “Ho un destino io?”
    “Che domanda bizzarra. Cosa ti fa pensare che si possa avere un destino? Facciamo quel che facciamo e poi moriamo. Te l’ho spiegato. Esiste un solo Dio creatore e il suo nome non fa differenza. Il nostro destino, il destino di tutti, è amare e imparare ad apprezzare tutto quello che ci circonda. Perché il tuo dovrebbe essere diverso?”
    ho riportato questa frase perchè per me è bellissima.
    E' un libro che si legge tutto di un fiato, intrigante e molto interessante. E' la storia di uno "spirito" che è stato uomo e attraverso la sua storia ci parla di Babilonia, della grecia, di Strasburgo, della peste, insomma racconta il passare delle civiltà e del tempo, con la solita lotta tra il bene e il male, tra l'odio e l'amore che sono parte sempre e comunque dell'uomo.

    Is this helpful?

    B Rosy57 said on Mar 16, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    promette e non mantiene, e questo mi fa arrabbiare. aveva per le mani la possibilità di raccontare talmente tante cose...ed invece nulla. snort.

    Is this helpful?

    magnus said on Apr 9, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dopo 100 faticose e noiose pagine non prende il volo... abbandono. L'inizio sembra un racconto di Lovecraft malriuscito.

    Is this helpful?

    Capitanslaff said on Mar 30, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Bello ma troppo prolisso.

    Sappiamo che è lo stile della Rice ma francamente dopo un esordio non particolarmente esaltante, un inizio promettente, una parte centrale passabile, l'ultima parte è stata decisamente troppo lenta e prolissa.
    La scena di sesso telefonata pareva usc ...(continue)

    Sappiamo che è lo stile della Rice ma francamente dopo un esordio non particolarmente esaltante, un inizio promettente, una parte centrale passabile, l'ultima parte è stata decisamente troppo lenta e prolissa.
    La scena di sesso telefonata pareva uscita da un romanzo Harmony anche se il finale in senso stretto, dal suicidio di Rachel Belkin in poi, recupera benissimo. Ma a fine lettura non si possono perdonare le scene pallosissime, su tutte il dialogo tra Gregory Belkin e Azriel: estenuante.
    Barocco, ci sono lampi di bellezza ma fin troppo prolisso.

    Is this helpful?

    Pygmalion said on Jan 30, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (808)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 342 Pages
  • ISBN-10: 8878188069
  • ISBN-13: 9788878188068
  • Publisher: TEA (TEADUE)
  • Publish date: 2000-01-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book