Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lo scialle andaluso

By Elsa Morante

(291)

| Others | 9788806136192

Like Lo scialle andaluso ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Dei moltissimi racconti scritti nella sua vita, Elsa Morante presenta qui unascelta disposta in ordine cronologico. Nei dodici racconti di questa inquietavicenda predestinata, si potrà seguire, meglio ancora che nei romanzi, il temadrammatico Continue

Dei moltissimi racconti scritti nella sua vita, Elsa Morante presenta qui unascelta disposta in ordine cronologico. Nei dodici racconti di questa inquietavicenda predestinata, si potrà seguire, meglio ancora che nei romanzi, il temadrammatico e affascinante che sempre ha accompagnato la scrittrice e che prende forma soprattutto nel breve romanzo finale che dà il titolo alla raccolta:il rapporto viscerale madre e figlio.

15 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/09/03/lo-sciall… “Per qualche giorno ella non vide i suoi vicini. Udiva spesso la voce della vecchia parlare forte, o chiamare il figlio con tono di sorda cantilena; ma, come per un’inte ...(continue)

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/09/03/lo-sciall…

    “Per qualche giorno ella non vide i suoi vicini. Udiva spesso la voce della vecchia parlare forte, o chiamare il figlio con tono di sorda cantilena; ma, come per un’intesa segreta, sia lei che gli altri due evitavano d’incontrarsi. Ella aveva la sensazione che madre e figlio si fossero tracciato intorno un cerchio magico che a lei non era permesso oltrepassare. E rimaneva fuori dalla linea, affascinata e spaurita. Ma, invece di godere della pace che aveva sperato dalla campagna, come una sonnambula si aggirava per le stanze, turbata da incerte passioni. Talvolta la coglievano leggeri assopimenti, da cui si riscuoteva con un balzo, indolenzita e stupefatta, come chi sia gettato violentemente in un luogo estraneo.
    In uno di tali risvegli, sul tardo pomeriggio, si stupì di trovarsi dentro la luce riflessa dal fiume, che batteva sulle pareti con larghe ondate scintillanti. Le parve di approdare, sorda e ubriaca, ad una riva remota, e soltanto dopo qualche secondo si accorse che Giuseppe le era accosto; era in ginocchio davanti a lei, con occhi sorridenti e perduti in una adorazione fanciullesca.
    Impaurita balzò in piedi.
    - Sono io, - egli balbettò. Il viso di lei impallidiva, una fiamma le guizzò sulla pelle, e un flutto bruciante di sangue le si rovesciò sul petto. Con mani malsicure ed avide gli toccò i capelli, e così per un attimo oscillarono travolti dalla luce. Allora il giovane le cinse i fianchi con le braccia, e silenzioso appoggiò la bocca sul ventre sterile.”
    (Elsa Morante, dal racconto “La nonna”, in “Lo scialle andaluso”, ed. Einaudi)

    Non avevo mai letto nulla di Elsa Morante, anche se più volte mi ero avvicinato ai suoi testi in passato, specie quando avevo avuto a che fare con un suo celebre compagno, cioè Alberto Moravia. Ieri in biblioteca, essendo in cerca di racconti, mi sono imbattuto in “Lo scialle andaluso”, una raccolta pubblicata per la prima volta nel 1963 e nella quale sono inseriti diversi racconti della scrittrice, il primo dei quali scritto nel 1935. Il più lungo è quello che dà il titolo al libro, gli altri sono molto più brevi, alcuni addirittura di due pagine. Senza stare qui a dilungarmi troppo, devo dire che le storie raccontate mi hanno preso. Scritti bene (ma non avevo grandi dubbi al riguardo), i racconti si muovono spesso in una dimensione che, senza scadere nel fantastico, evoca visioni di sogno, pur restando ancorata alla quotidianità, che si tratti di una ragazzina spaurita o di una vedova quarantenne che ritrova la passione, o ancora di un vecchio ateo alle prese con la paura della morte o un soldato che ricorda il periodo pre-bellico. Com’è scritto nel retro-copertina dell’edizione Einaudi, nei racconti della Morante c’è un “nesso tra vita, sogno e scrittura, in cui la realtà diventa mistero e menzogna in una continua oscillazione tra bisogno del meraviglioso e chiaroveggenza adulta”. Insomma, pur non entusiasmandomi, i racconti mi sono piaciuti e mi hanno incuriosito, tanto da indurmi a considerare l’ipotesi di leggermi, a breve, anche uno dei romanzi dell’autrice (a tal proposito, sono graditi eventuali suggerimenti su quale scegliere).

    Is this helpful?

    Sisifo77 (Antonio Di Leta) said on Sep 3, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Racconti scritti in tempi diversi, alcuni scorrono via senza lasciare segno, altri sono più avvincenti

    Is this helpful?

    Cristina Marsi said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tu sei l'uccella di mare

    Uno scrigno pieno di tesori di taglia e valore differenti. Ho amato soprattutto Il gioco segreto, Un uomo senza carattere e il racconto che dà il nome alla raccolta. Menzione speciale per la poesia che apre il libro nella dedica: una vera perla.

    Is this helpful?

    ivresse said on Jul 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tristissimo. Angosciante. Il racconto "Il cugino Venanzio" mi ha pure fatto piangere. Deprimente.

    Is this helpful?

    Tata said on Jun 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non riesco a riconoscere la Morante di capolavori come "La storia" in questi racconti molto datati e dal linguaggio ingessato e desueto.

    Is this helpful?

    Romacanta said on Jul 20, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (291)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Others 237 Pages
  • ISBN-10: 8806136194
  • ISBN-13: 9788806136192
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 1994-01-01
  • Also available as: Paperback , Hardcover
Improve_data of this book