Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale

Il futuro geopolitico del pianeta

By Samuel P. Huntington

(353)

| Others | 9788811674993

Like Lo scontro delle civiltà e il nuovo ordine mondiale ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Quali sono le grandi civiltà che stanno entrando in conflitto nello scenarioglobale? Da un lato c'è naturalmente il modello americano. Ma quali sono glialtri protagonisti? Qual è il peso della potenza militare e quale quello dell Continue

Quali sono le grandi civiltà che stanno entrando in conflitto nello scenarioglobale? Da un lato c'è naturalmente il modello americano. Ma quali sono glialtri protagonisti? Qual è il peso della potenza militare e quale quello dellapotenza economica in questa partita per la supremazia mondiale? Che ruolo puòavere l'Europa? Quale sarà il peso dell'Asia e delle economie emergenti? Illibro rappresenta un saggio di ampio respiro sugli scenari della politica edella cultura mondiali.

33 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    assolutamente da leggere

    Molte cose discutibili, altre vere in toto, la maggior parte vere solo se si considera un punto di vista americano-occidentale. Ad ogni modo molto interessante e da leggere assolutamente, perchè ancora attuale.

    Is this helpful?

    Valerio Perino said on Oct 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Paccottaglia

    Un'analisi che poggia sul nulla. Il conflitto interetnico nell'ex Jugoslavia diventa la prova "madre", e unica, che siamo dentro un conflitto di civiltà ... insomma come i bosniaci islamici, i serbi ortodossi e i croati cristiani si sono massacrati t ...(continue)

    Un'analisi che poggia sul nulla. Il conflitto interetnico nell'ex Jugoslavia diventa la prova "madre", e unica, che siamo dentro un conflitto di civiltà ... insomma come i bosniaci islamici, i serbi ortodossi e i croati cristiani si sono massacrati tra di loro, così, vedrete, prima o poi ci si ammazzerà tra Occidente e Medio Oriente. Come potrebbe essere altrimenti ... basta leggere il corano ... siamo diversi ...

    Occhio: non sto giudicando quanto sostiene l'autore, perchè non lo "sostiene" affatto, non ne fa un'analisi, non ci sono informazioni utili: è solo una formula che funziona: facile, immediata e alla portata di tutti.
    Che ci siano differenze tra etnie è implicito, che tratti etnici (e geografici) delimitino le civiltà, è implicito: che tutto questo comporti necessariamente un conflitto tra cristiani occidentali e islamici è falso o almeno non ancora dimostrabile.

    Se si informasse sulla prima guerra mondiale, Huntington, ne uscirebbe matto: Turchi islamici alleati con tedeschi e austriaci cristiani, russi ortodossi alleati con francesi, italiani e inglesi cristiani ...

    Se poi si informasse sulla seconda guerra mondiale andrebbe fuori di testa: ancora occidentali che ammazzano occidentali, cristiani contro cristiani ...

    Per farlo impazzire gli racconterei anche di iracheni che attaccano iraniai, di guerre civili in Corea e poi in Vietnam dove incredibilmente nessuno voleva massacrare gli infedeli ... queste e molte altre storie che probabilmente lo sconvolgerebbero.

    Lo trovo utile solo per capire lo stato, misero, della comprensione che i grandi "opinion leader" hanno della contemporaneità ... Fallaci inclusa.

    Is this helpful?

    Davide Massanzana said on Oct 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Decisivo

    Se si vogliono capire, interpretare e prevedere i conflitti mondiali, non se ne può fare a meno. Tesi centrale del libro è che l'occidente è solo una delle civiltà del mondo, che è peculiare, ma non "totale" e che per vivere in pace occorre riconosce ...(continue)

    Se si vogliono capire, interpretare e prevedere i conflitti mondiali, non se ne può fare a meno. Tesi centrale del libro è che l'occidente è solo una delle civiltà del mondo, che è peculiare, ma non "totale" e che per vivere in pace occorre riconoscere che esistono civiltà diverse (non più di 7 o 8) e che una, l'Islam, è particolarmente aggressiva, molto più delle altre. Libro fondamentale.

    Is this helpful?

    Marco Cobianchi said on May 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'avessero letto gli americano, prima di rovinarci la vita con le "guerre umanitarie", magari avrebbero capito gli sbagli che stavano facendo e il perchè. Il libro rimane attuale ancora adesso.

    Is this helpful?

    MAGIO said on Apr 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che si è cercato invano di esorcizzare

    Per zittire un libro mediocre bastano due stroncature. Quando le stroncature arrivano a duecento e il libro sopravvive imperterrito, significa che ha rivelato molte verità scomode e soprattutto ha messo in discussione luoghi comuni ben consolidati. ...(continue)

    Per zittire un libro mediocre bastano due stroncature. Quando le stroncature arrivano a duecento e il libro sopravvive imperterrito, significa che ha rivelato molte verità scomode e soprattutto ha messo in discussione luoghi comuni ben consolidati.

    Lo scontro delle civiltà è un libro scomodo, scomodissimo, che il "politicamente corretto" ha cercato invano di esorcizzare. Informatissimo, profondamente documentato e rigoroso pur se piuttosto ripetitivo nel modo di esprimere le proprie tesi. Probabilmente non avrebbe destato alcuna eco se non fosse accaduto l'11 settembre e lo scontro della civiltà tra Occidente e islam non avesse toccato un punto di crudeltà totale e senza precedenti.

    Noi occidentali potremo andare avanti chiudendo beatamente gli occhi davanti alla realtà geopolitica come fa l'amministrazione Obama (soprattutto dopo la strage di Boston), ma dopo Huntington lo faremo a nostro totale rischio e pericolo.

    Is this helpful?

    Giovann Roman said on Apr 21, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book