Lo stesso mare

Voto medio di 434
| 83 contributi totali di cui 68 recensioni , 15 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
In tre stagioni si dipana l'intreccio di questa storia. Troviamo uncommercialista rimasto vedovo da poco, un figlio partito per il Tibet nontanto in cerca di sé quanto spinto dal desiderio di andare più lontanopossibile, una giovane fidanzata ... Continua
Ha scritto il 15/04/15
Inno alla solitudine.
Impossibile non pensare a “ognuno è solo sul cuore della terra”. I protagonisti si inseguono, si desiderano, si ricordano, si aspettano. A volte si ignorano: pensano ad altro. La solitudine ti può aggredire ma a volte te la scegli come stile ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 07/04/15
La libertà e la responsabilità
Non avevo mai letto Amos Oz, e il caso ha posto rimedio. Solo un autore così grande può rappresentare nei contenuti e nella forma un concetto di libertà talmente alto. Pensieri, prose e racconti, intessuti di romanzo: una forma libera che si ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 16/03/14
“ Narimi Narimi “
Pensieri , stati d’animo , sensazioni , dialoghi , tratteggi di persone diverse tra di loro ma accomunate da uno stesso disagio , dalla stessa solitudine , da una sottile sofferenza . Pagine , molte delle quali costituite da frasi di poche parole ..." Continua...
  • 5 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 15/02/14
Non amo(s) Oz
A metà tra la prosa e la poesia. E questo non sarà "nuovo" ma è bello o, meglio, lo sarebbe se poi ci fosse una storia con un qualche senso. Qui c'è solo un'accolta di solitudini diverse, di personaggi, a volte strani (perfino il narratore ..." Continua...
  • 5 mi piace
  • 7 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 19/01/13
Narimi
Rileggo delle pagine di "Lo stesso mare" di Amos Oz Cambio qualcosa nel trascriverle.Un uomo solo seduto in cucinaGomiti sul tavolo appoggia il mento sui palmi lo sguardo contempla perso in pensieri una foto sulla credenza Una foto in piedi di lei ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi

Ha scritto il Oct 24, 2011, 17:26
Ora levati, va' in cerca, lieve e silenzioso, alzati, va' cerca quel ch'è perduto.
Pag. 236
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 24, 2011, 17:05
Verrà, non rinuncia.E tu torna a me in attesa che venga, non sparire, almeno le notti torna a me, desiderio di donna: quando ero ancora un adolescente brufoloso smunto, giorno e notte a fantasticare poemi, a fantasticare donne giorno e notte, mai ... Continua...
Pag. 207
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 24, 2011, 16:32
Questo libro mi porta sin qui, sino a Bat Yam, sentore d'autunno e di neve, profumi di parchi abbandonati al vento triste. E' tutto piuttosto sconfortante, ma al tempo stesso quasi buffo: se ne ricava che quel che non c'è e non ci sarà è in fondo ... Continua...
Pag. 185
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 21, 2011, 18:28
Dov'è la barca, Bettin? Dove le isole di cui hai detto?Qui c'è soltanto un muro spellato di cortile. Persiane arrugginite. Tettoie di lamiera. E una pioggia incessante che non scroscia ma sgocciola. Una specie di scolo. Per strada passa un autobus ... Continua...
Pag. 167
  • Rispondi
Ha scritto il Oct 21, 2011, 18:17
Pensa invece alla pioggia di nebbia sul bosco, alla volpe che cerca rifugio fra gli alberi col buio,e così il sonno verrà. Al buio fra gli alberi, vaga la vecchia insonnia con il fazzoletto in testa intriso d'acqua e la veste bagnata sino alle ... Continua...
Pag. 163
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi