Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lo straniero

Di

Editore: Bompiani (I Grandi Tascabili Opere di Camus, 285)

4.2
(9376)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 161 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Portoghese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Spagnolo , Catalano , Finlandese , Turco , Svedese , Giapponese , Olandese , Greco , Polacco , Ceco

Isbn-10: 8845203239 | Isbn-13: 9788845203237 | Data di pubblicazione:  | Edizione 10

Traduttore: Alberto Zevi

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Lo straniero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato nel 1942, "Lo straniero", un classico della letteratura contemporanea, sembra tradurre in immagini quel concetto dell'assurdo che Albert Camus andava allora delineando e che troverà teorizzazione nel coevo "Il mito di Sisifo". Protagonista è Meursault, un modesto impiegato che vive ad Algeri in uno stato di indifferenza, di estraneità a se stesso e al mondo. Un giorno, dopo un litigio, inesplicabilmente Meursault uccide un arabo. Viene arrestato e si consegna, del tutto impassibile, alle inevitabili consegenze del fatto - il processo e la condanna a morte - senza cercare giustificazioni, difese o menzogne. Come Sisifo, Meursault è un eroe "assurdo": la sua lucida coscienza del reale gli permette di giungere attraverso una logica esasperata alla verità di essere e sentire. "E' una verità ancora negativa", ebbe a scrivere Camus in una prefazione per un'edizione americana dello "Straniero", "senza la quale però nessuna conquista di sé e del mondo sarà mai possibile"
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    The author has clearly used this novel to express his philosophy, eg. the meaningless life is probably just a series of haphazard events ?! It's quite cynical that the protagonist (Monsieur Meursault ...continua

    The author has clearly used this novel to express his philosophy, eg. the meaningless life is probably just a series of haphazard events ?! It's quite cynical that the protagonist (Monsieur Meursault) was given the death sentence mainly because he didn't show his sadness or emotion when his mother died. I like how the protagonist argued and became impatient with the chaplain. My thoughts are closer to nihilism than the author's absurdism but both of these two schools of thoughts deem that the universe has no intrinsic meaning.

    I feel like I can be the protagonist :-) The protagonist has still refused to tell himself to believe in God even near his execution or the end of his life. I hope that I'll be as brave as the protagonist towards the end of my life. I felt sad when my father died and probably occasionally years later when I really thought about it. But I felt that the funeral process was kind of not very meaningful.

    It's not as subtle as most of Haruki Murakami's novels in which the author doesn't really seem to aim at advocating anything in particular, even though the readers might enjoy reading. Nevertheless, a book with purpose is probably not necessarily a Nobel Prize criterion :-) E. Hemingway's major novel of "A Farewell to Arms" also didn't have any clear message (to me). Doris Lessing's "The Golden Notebook" may be great but she probably didn't seem to want to advocate any strong message to you or at least to me.

    Probably like "A Farewell to Arms", it's also not easy for me to understand why this work has been so highly regarded. The main substance is the thoughts of the protagonist which is apparently part of the author's philosophy. Apart from this, I have to say that I have come across nothing really spectacular.

    ha scritto il 

  • 5

    Letto a vent'anni fu tra i libri che mi plasmarono lo stare al mondo, assecondandone un certo vago e istintivo viziaccio esistenzialista.
    Riletto ora, quindici anni dopo, è stato come riprendere un di ...continua

    Letto a vent'anni fu tra i libri che mi plasmarono lo stare al mondo, assecondandone un certo vago e istintivo viziaccio esistenzialista.
    Riletto ora, quindici anni dopo, è stato come riprendere un discorso, con l'aggravante del senno di poi: la potenza d'angoscia e d'assurdo di certe pagine, moltiplicata, m'ha dato le vertigini.

    «Al principio della mia detenzione, comunque, la cosa più dura è stata che avevo dei pensieri di uomo libero. Per esempio mi veniva voglia di essere su una spiaggia e scendere verso il mare. Quando pensavo al rumore delle prime onde sotto la pianta dei piedi, al mio corpo che entrava nell'acqua e al sollievo che ne provavo, di colpo sentivo quanto erano stretti i muri della mia prigione. Ma questo durò qualche mese soltanto. In seguito non ebbi che pensieri di prigioniero. Aspettavo la passeggiata quotidiana che facevo nel cortile della prigione, o la visita dell'avvocato. Mi arrangiavo bene col tempo che mi restava. Ho pensato spesso, allora, che se avessi dovuto vivere dentro un tronco d'abero morto, senz'altra occupazione che guardare il fiore del cielo sopra il mio capo, a poco a poco mi sarei abituato. Avrei atteso passaggi di uccelli o incontri di nubi come, lì, attendevo le strane cravatte dell'avvocato e come, in un altro mondo, aspettavo pazientemente il sabato per avere il corpo di Maria. [...] Del resto era un'idea della mamma, e lei lo ripeteva sempre, che si finisce per abituarsi a tutto.»

    PS: sprone alla rilettura gentilmente offerto dall'adorato "Atti osceni in luogo privato" di Marco Missiroli http://www.anobii.com/books/Atti_osceni_in_luogo_privato/9788807031250/014ffe8d566b0e452f

    ha scritto il 

  • 5

    Essere stranieri davanti al mondo ma prima di tutto davanti a se stessi. Non riconoscersi, non affermarsi, semplicemente lasciarsi trasportare dalla passività e dagli eventi della vita.
    Troppo stupefa ...continua

    Essere stranieri davanti al mondo ma prima di tutto davanti a se stessi. Non riconoscersi, non affermarsi, semplicemente lasciarsi trasportare dalla passività e dagli eventi della vita.
    Troppo stupefatti davanti all'assurdo, non c'è possibilità di reale comprensione, per affermare qualcosa di più che semplici bisogni e desideri.
    Con Lo Straniero Camus arriva a definire una verità negativa. Un grado zero della consapevolezza umana, da cui ripartire senza lasciarsi sopraffare dal vuoto e dall'inutilità del tutto.
    Che sia un punto di partenza, che la consapevolezza diventi la pietra su cui affilare le nostre lame.
    Solo nelle pagini finali appare qualcosa come un'improvvisa quanto effimera scintilla:

    "Come se quella grande ira mi avesse purgato dal male, liberato dalla speranza, davanti a quella notte carica di segni e di stelle, mi aprivo per la prima volta alla dolce indifferenza del mondo".

    ha scritto il 

  • 5

    Come se quella grande ira mi avesse purgato dal male, liberato dalla speranza, davanti a quella notte carica di segni e di stelle, mi aprivo per la prima volta alla dolce indifferenza del mondo.

    Nel t

    ...continua

    Come se quella grande ira mi avesse purgato dal male, liberato dalla speranza, davanti a quella notte carica di segni e di stelle, mi aprivo per la prima volta alla dolce indifferenza del mondo.

    Nel trovarlo così simile a me, finalmente così fraterno, ho sentito che ero stato felice, e che lo ero ancora.

    Perché tutto sia consumato, perché io sia meno solo, mi resta da augurarmi che ci siano molti spettatori il giorno della mia esecuzione e che mi accolgano con grida di odio.

    ha scritto il 

  • 0

    記得國中時期,時常受「氣質」二字的驅動,狼吞虎嚥地翻了幾本經典名著,結果根本消化不良,僅依稀記得幾個片段。

    重讀《異鄉人》時,才發現我將莫梭在家中向窗外看的場景,記成了咖啡廳。也不記得後半段的故事,但我記得當初拾起這本世界名著,是因為在一排桂冠出版的圖書中,《異》是最薄的一本。

    如今再看,才開始讀懂卡繆的安排,開始能體會小說中的「荒謬」,而不再只是強記故事情節,便迫不及待宣告我讀過此書。

    或許是昨 ...continua

    記得國中時期,時常受「氣質」二字的驅動,狼吞虎嚥地翻了幾本經典名著,結果根本消化不良,僅依稀記得幾個片段。

    重讀《異鄉人》時,才發現我將莫梭在家中向窗外看的場景,記成了咖啡廳。也不記得後半段的故事,但我記得當初拾起這本世界名著,是因為在一排桂冠出版的圖書中,《異》是最薄的一本。

    如今再看,才開始讀懂卡繆的安排,開始能體會小說中的「荒謬」,而不再只是強記故事情節,便迫不及待宣告我讀過此書。

    或許是昨天看完《異鄉人》的影響,

    讓我深深覺得,我們沒有權利去評價別人。

    真的,我們憑什麼去評價別人,在我們聽取片段之後?

    剛買入手的《異鄉人》有著卡繆封面當書衣,由麥田出版。

    書衣上方寫著:

    我知道這世界我無處容身。

    只是,你憑什麼審判我的靈魂?

    閱讀完此書後,感受到一種「荒謬」。

    莫梭到底愛不愛母親,無關緊要,愛或不愛,又如何?

    他該受審的,是他開槍殺了一位阿拉伯人。

    他唯一解釋不清的,是他在開了第一槍後,停頓片刻,才又連發四槍。他說,是因為太陽的緣故。沒有人相信。

    (後來想起,因為夏日陽光的緣故,而殺了人,也有一種難以言喻的荒謬感)

    一度想從字裡行間析解出莫梭和母親的情感,但讀到故事尾聲,發現如此一來,我與檢察官和陪審團有何不同。

    我想做的,無異是想反駁檢察官的言論,希望藉由論述莫梭即使行為未有世俗常規表現,他仍是愛著母親的,不能因此行為表徵來斷定莫梭「精神上弒母」。

    後來我突然頓悟:愛不愛母親,究竟有什麼要緊?

    他今天之所以受審判,是他殺了一個人。

    可是判他死刑的關鍵,竟是扣上他不愛母親的罪名。

    瑪麗愛問莫梭愛不愛她,他說不知道,但應該是不愛。

    我不知道莫梭懂不懂得愛,但這真的重要嗎?

    另一點則是宗教,世俗的觀點。

    在法官和牧師的場景裡,我感受到卡繆所營造出的壓迫和枷鎖,強迫地同化。

    這也是種迫害吧。

    對於莫梭的態度,感到敬佩。因為他的思想是自由的。

    或做一般人,或許會在心裡感到罪惡,在十字架面前懺悔他曾否認上帝或是不信上帝。

    但是莫梭沒有。他並沒有受到社會輿論的壓力,而感到罪惡,他知道自己是無罪,沒有犯法。

    他是真正自由的人。

    ---

    《異鄉人》中,莫梭的媽媽曾說:「人到最後什麼事都會習以為常。」

    ha scritto il 

  • 3

    più che un romanzo un libro a tesi; sull'inutilità del mondo e della vita, sull'inutilità degli affanni. Quello che ne viene fuori è una lettura straniante (specie l'inizio, quando ancora non si ha ch ...continua

    più che un romanzo un libro a tesi; sull'inutilità del mondo e della vita, sull'inutilità degli affanni. Quello che ne viene fuori è una lettura straniante (specie l'inizio, quando ancora non si ha chiaro il piano di Camus) che tende rapidamente a sfiorire nell'interesse privo di gusto e in un finale inutilmente esagitato (e tutto sommato fuori luogo)

    ha scritto il 

  • 2

    Essendo molto interessata alla filosofia di Camus, ho letto questo libro verso il quale nutrivo grandi aspettative: aspettative che, però, sono state deluse del tutto. Premesso che sono il tipo di let ...continua

    Essendo molto interessata alla filosofia di Camus, ho letto questo libro verso il quale nutrivo grandi aspettative: aspettative che, però, sono state deluse del tutto. Premesso che sono il tipo di lettrice alla quale piace leggere fra le righe, mi sembra che si voglia tirar fuori da "Lo straniero" più di quanto ci sia realmente, e che siano di gran lunga più interessanti le interpretazioni date del libro piuttosto che il libro stesso. Insomma, va bene che Meursault è "straniero" (nel senso di estraneo) alla vita, va bene che quindi lo stile sia piatto per evidenziare questo distacco, ma da un classico tanto (abbastanza, diciamo) osannato ci aspetta di più.

    ha scritto il 

Ordina per