Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte

Noir 2

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

3.9
(16136)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 252 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Danese , Catalano , Tedesco , Francese , Portoghese , Olandese , Galego , Polacco , Lettone , Basco , Ceco , Russo , Svedese , Sloveno

Isbn-10: A000119201 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Adolescenti

Ti piace Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Prima ancora di leggerlo avevo immaginato che non si trattasse di un vero e proprio giallo (infatti non amo i gialli) ma mi interessava vedere come un bambino affetto da sindrome di Asperger potesse r ...continua

    Prima ancora di leggerlo avevo immaginato che non si trattasse di un vero e proprio giallo (infatti non amo i gialli) ma mi interessava vedere come un bambino affetto da sindrome di Asperger potesse risolvere un "caso".
    Se dobbiamo vederlo come "documento" che espone i comportamenti e i pensieri di un bambino affetto dalla sindrome di Asperger è un conto... se dobbiamo vederlo come "storia" è un altro conto.
    Era iniziato bene, devo dirlo... ma appena "risolto il caso" ho perso interesse e le pagine restanti le ho lette con molta difficoltà, non avevo proprio voglia di leggerle (ma l'ho fatto perché non mi piace abbandonare le letture a metà) e ho saltato interi periodi perché tanto non servivano a molto se non a far aumentare il numero delle pagine.
    Di base comunque non c'è caso, non c'è storia, tanto valeva proporlo diversamente perché così com'è non ha senso di esistere.

    ha scritto il 

  • 4

    A volte è bello leggere qualcosa che si discosta dal mio solito genere (il romance) e questo è uno di quei casi. Il titolo ha catturato la mia attenzione, la cover l’ha consolidata e la trama mi ha fa ...continua

    A volte è bello leggere qualcosa che si discosta dal mio solito genere (il romance) e questo è uno di quei casi. Il titolo ha catturato la mia attenzione, la cover l’ha consolidata e la trama mi ha fatto ben sperare. Così mi sono divorata il romanzo, che Mark ha scritto mantenendo un ritmo incalzante e avvincente, pur nella sua pseudo-semplicità. Non conoscevo bene la malattia (il protagonista è affetto dalla sindrome di Asperger), ma me ne sono fatta un’idea leggendo. Durante i dialoghi con gli adulti in cui Chris si imbatte ci si rende conto di quanto sia brusco il modo di fare di certe persone e, senza tirare in ballo delle sindromi, forse dovremmo soffermarci a pensare che la sensibilità di ognuno di noi è unica e particolare e che la gentilezza non ha mai ucciso nessuno. Mi fa venire in mente “Mio fratello Simple” della Murail, per certi versi. Una vera chicca, da rileggere.
    Il titolo è stato tradotto letteralmente ed è perfetto. Di cover preferisco quella italiana, che si focalizza di più sul ragazzo. La cover originale la trovo un po’ troppo cruenta.

    ha scritto il 

  • 3

    Per riflettere

    Libro che merita di essere apprezzato per il tema che tratta. Ci apre un mondo quasi del tutto sconosciuto ai più, ci fa entrare in contatto con la mente di un ragazzino autistico e ci fa capire il su ...continua

    Libro che merita di essere apprezzato per il tema che tratta. Ci apre un mondo quasi del tutto sconosciuto ai più, ci fa entrare in contatto con la mente di un ragazzino autistico e ci fa capire il suo modo di pensare e di agire. Cosa ancora più importante, ci fa riflettere su quanto sia difficile vivere in una famiglia con un bimbo "problematico", quanto sia brutto per un genitore non poter abbracciare il proprio figlio, quanto sia complicato entrare nel suo mondo. E quanto tutto ciò provochi contrasti tra i genitori (anche se nulla giustifica l'abbandono e l'egoismo). Ma nonostante tutti i lati diciamo negativi, il protagonista del romanzo, questo ragazzo così coraggioso che riesce ad arrivare da solo a Londra, è capace anche di dare enormi soddisfazioni nello studio della sua materia preferita. Per riflettere. Questo per quanto riguarda il significato. Per il resto, il romanzo si legge in breve tempo perchè è scorrevole, ma non è entusiasmante.

    ha scritto il 

  • 3

    “Una bugia vuol dire raccontare che è successa una cosa e invece non è vero. Soltanto una cosa può avvenire in un determinato momento e in un determinato luogo. E ci sono un’infinità di cose che non s ...continua

    “Una bugia vuol dire raccontare che è successa una cosa e invece non è vero. Soltanto una cosa può avvenire in un determinato momento e in un determinato luogo. E ci sono un’infinità di cose che non sono successe in quel determinato momento e in quel determinato luogo. Ma se comincio a pensare a una cosa che non è mai successa, non riesco a smettere di pensare anche a tutte le altre.”

    ha scritto il 

  • 2

    Christopher ha 15 anni e soffre della sindrome di Asperger . Christopher è dotato di una grande abilità quasi ossessiva per i numeri , per l'ordine e le abitudini quotidiane. Un giorno la sua routine ...continua

    Christopher ha 15 anni e soffre della sindrome di Asperger . Christopher è dotato di una grande abilità quasi ossessiva per i numeri , per l'ordine e le abitudini quotidiane. Un giorno la sua routine viene spezzata dal rinvenimento del cadavere del cane della signora Shears , mentre guarda Wellington trafitto da un forcone, decide di iniziare delle indagini , come il suo idolo Sherlock Holmes comincia a raccoglie indizi .
    La storia è molto carina e mi dispiace di non poter confermare le recensioni positive che ha raccolto da tanti lettori , ho preferito di gran lunga We are family di Bartolomei .
    Ho fatto fatica a finirlo perché lo scrittore , per far avvicinare il lettore a questo tipo di disturbo , inserisce nel libro molte riflessioni che fa il protagonista su calcoli matematici lezioni di fisica e astronomia , rendendo la lettura ( per chi non sa la materia) pesante e un po noiosa .

    ha scritto il 

  • 3

    Buona l'idea. ma non è tutto così semplice.
    Da far leggere a dei ragazzi, affinchè non abbiano paura del diverso
    Da far leggere a tanti adulti, perchè capiscano e aiutino i loro figli a capire.
    Ma com ...continua

    Buona l'idea. ma non è tutto così semplice.
    Da far leggere a dei ragazzi, affinchè non abbiano paura del diverso
    Da far leggere a tanti adulti, perchè capiscano e aiutino i loro figli a capire.
    Ma come insegnante che ha avuto in classe tante volte ragazzi così se sapessi che uno di loro può andare in giro tranquillamente, come il protagonista, con un coltellino svizzero con la lama a seghetto in tasca non ci dormirei di notte.

    ha scritto il 

  • 2

    El curioso incidente del perro a medianoche es uno de los libros más sobrevalorados y que menos merezcan su fama, que he leído en mi vida. Y con esto quiero decir que me ha resultado una lectura estér ...continua

    El curioso incidente del perro a medianoche es uno de los libros más sobrevalorados y que menos merezcan su fama, que he leído en mi vida. Y con esto quiero decir que me ha resultado una lectura estéril y completamente aburrida.

    Ya había leído "Un pequeño inconveniente" del mismo autor. Y me he dado cuenta de que están escritas de formas similares. Los capítulos son muy cortos y llenos de diálogos, lo que facilita la lectura. Lenguaje sencillo, desarrollo plano y abundantes descripciones, muy parcas la mayoría y algunas demasiado exhaustivas. También cuenta con numerosas ilustraciones, recortes y diagramas, más propios de una novela para jóvenes que para adultos. Sin embargo, la mayoría de estos "fallos" de estilo, son justificados gracias a la peculiar personalidad de Christopher, protagonista y "escritor" de esta historia, que padece el Síndrome de Asperguer. Desde el punto de vista psicológico el personaje está muy bien hecho y mantiene el tipo a lo largo de todo el libro, algo que es difícil cuando escribes sobre enfermedades mentales. Desde la perspectiva del lector, Christopher te acaba hastiando , consiguiendo que leer esta novela sea tedioso y desees acabarla cuanto antes.

    Centrándome en la historia solo puedo expresar lo profundamente decepcionada que estoy. Obviando el hecho de que la muerte de una animal no es motivo de risa, el principio del libro es interesante. Pero de repente, la trama da un giro imprevisto y encontrar al asesino de Wellington, el caniche asesinado, pasa a segundo plano, mientras que se desarrolla una historia más sobre un matrimonio deshecho y una familia rota, que no entraña ningún aliciente y acaba "matando" el posible interés que pudieras mantener.
    Pero el principal problema no es la historia en si misma, si no la manera en que las editoriales la venden. Hablan de una novela "verosímil", "conmovedora" (no he visto eso) y "divertida" (¿QUÉ?). Repito lo que dije al terminar de leer Un pequeño inconveniente del mismo autor: "Debo ser yo, pero a mi su lectura no me pareció graciosa ni entrañable."

    Definitivamente no recomendaría este libro ni loca. Lo único que sacas en claro, aparte de la muerte del perro, es que parece que Christopher ha destrozado la vida de sus padres. Y lo más gracioso es que encima pretende ir a la universidad y hasta casarse... ¡Eso sí que da risa!

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle, buono.
    Purtroppo man mano procedevo con la lettura, l'interesse per le vicende del ragazzo diminuiva sempre più. Nonostante le premesse, il libro non mi ha particolarmente coinvolto; forse ...continua

    Tre stelle, buono.
    Purtroppo man mano procedevo con la lettura, l'interesse per le vicende del ragazzo diminuiva sempre più. Nonostante le premesse, il libro non mi ha particolarmente coinvolto; forse per la scrittura, forse per i troppi 'enigmi' matematici, forse per la presenza di troppi personaggi antipatici.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per