Lo strano caso del dr. Jekyll e di Mr. Hyde

Di

4.0
(14338)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Giapponese , Portoghese , Galego , Svedese , Polacco , Ceco , Esperanto , Greco

Isbn-10: 8809772873 | Isbn-13: 9788809772878 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico , CD audio , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Lo strano caso del dr. Jekyll e di Mr. Hyde?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Tutti conosciamo questa famosissima storia per averla vista reinterpretata in mille modi diversi, ma è comunque interessante poter leggere l' originale, seppur meno "incisiva" di tanti riadattamenti m ...continua

    Tutti conosciamo questa famosissima storia per averla vista reinterpretata in mille modi diversi, ma è comunque interessante poter leggere l' originale, seppur meno "incisiva" di tanti riadattamenti moderni.
    Il grande pregio del romanzo sta nel saper spiegare perfettamente la motivazione profonda dietro al gesto del dr. Jekyll, quell' illusione di riuscire a separare il Bene dal Male una volta per tutte, non comprendendo quanto esse siano svincolabli e inconcepibili separatamente.
    Buona anche l' introduzione di Oreste Del Buono, capace di sottolineare qualche punto interessante e non scontato.

    ha scritto il 

  • 4

    Chi non conosce il mito del dr. Jekyll e mr. Hyde?

    Chi non conosce il mito di Dr. Jekyll e Mr. Hyde? Non solo trasposizioni cinematografiche e citazioni in altre opere letterarie; Dr. Jekyll/Mr. Hyde è un modo di dire ormai quotidiano, entrato nel lin ...continua

    Chi non conosce il mito di Dr. Jekyll e Mr. Hyde? Non solo trasposizioni cinematografiche e citazioni in altre opere letterarie; Dr. Jekyll/Mr. Hyde è un modo di dire ormai quotidiano, entrato nel linguaggio comune per indicare chi manifesta una doppia personalità. Ma quanti di noi hanno davvero letto la celebre opera di Robert L. Stevenson? Io ho finalmente colmato la mia lacuna, e ora posso affermare che in questo breve e piccolo libro, ci sono enormi e profondi concetti di psicanalisi, racchiusi in un eccellente giallo che svela il suo mistero unicamente nel capitolo finale.

    Riuscire a tenere il lettore incollato, scatenare la sua fantasia in quelle briciole di indizi nonostante si tratti di una storia di cui bene o male conosciamo già la verità, non fa che portarmi a riconoscere l'estrema abilità dell'autore nel creare coinvolgimento, sia a livello emotivo sia a livello di puro e godibile intrattenimento.

    Se ancora pensate che i classici della letteratura siano pesanti, con questo libro vi ricrederete senz'altro, complici lo stile scorrevole (lo si potrebbe leggere in una giornata!) e le descrizioni brevi ma fortemente evocative nella loro semplicità:

    "Fu durante una di queste passeggiate errabonde che il caso li portò in una via secondaria di un popoloso quartiere di Londra. La strada, che durante la settimana era piena di fiorenti commerci, appariva piccola e tranquilla. Gli abitanti dovevano essere tutti agiati e decisi a fare ancora di più con spirito di emulazione. Dovevano investire l'eccedenza dei loro guadagni in lavori di abbellimento, poiché le facciate delle botteghe lungo la via avevano una certa aria invitante, simili a una fila di sorridenti commesse. Persino la domenica, quando le sue attrattive più manifeste erano celate e, in proporzione, vi passava poca gente, la via risplendeva in contrasto con gli squallidi dintorni come un fuoco nella foresta."

    Il particolare di questo libro è che non è raccontato dal dottor Jekyll ma da un terzo personaggio, un avvocato di nome Utterson: egli ci narra il susseguirsi degli eventi e li incatena gli uni con gli altri man mano che si presentano, per cui è molto facile entrare in empatia con lui e tentare di risolvere il mistero del perché una persona stimata e rispettabile come il dottor Jekyll protegga e salvi da situazioni scomode un personaggio, prima maleducato, poi diabolico, come il signor Hyde, addirittura nominandolo come erede nel suo testamento. Ovviamente, noi del XXI secolo sappiamo benissimo che Jekyll difende Hyde poiché è l'altra faccia di se stesso, eppure è inevitabile subire la crescente attesa, affascinati della prospettiva di scoprire l'esatto momento in cui Jekill svelerà le sue carte, e soprattutto, come lo farà. Anche qui, lo stimato autore stupisce nuovamente, non solo perché condensa l'intera soluzione dell'enigma nell'ultimo capitolo, ma poiché in questo ultimo capitolo lascia che sia finalmente il dottor Jekyll a raccontare direttamente la sua esperienza: è un'immersione nella personalità disturbata del dottore, divisa tra la consapevolezza di sé e l'irrazionale volontà di cedere al lato selvaggio. Come saggiamente dice Jekyll, ognuno di noi ha un lato buono e uno malvagio, ma l'idea che mi sono fatta al termine della lettura è che il lato nascosto ("hide") del dottore, fosse in realtà la sua parte predominante, come dimostra l'eterno e irrefrenabile desiderio di liberarlo senza considerare le conseguenze ma unicamente i propri sadici bisogni. Non si tratta di denaro né di fama, poiché di queste Jekyll ne ha a sufficienza, quindi di pura malvagità; un distorto modo di divertirsi. C'è autocommiserazione, un disperato attacco alla vita, un negare le proprie responsabilità nel tentativo di estraniarsi dai fatti, ma la coscienza, in fondo, tiene sempre il conto delle azioni commesse.

    Tra le righe emerge anche una parabola religiosa, con Hyde come il diavolo in persona che tenta continuamente il dottor Jekyll: cedendo ogni volta a lui, il dottore firma la sua condanna in quello che è il gesto più disprezzato dalla Chiesa.

    Il libro ha rispettato le mie aspettative regalandomi una storia con la giusta dose di suspance e uno dei personaggi miglior riusciti di sempre, con un profilo psicologico perfettamente delineato.
    L'unico senso d'insoddisfazione che ho provato è stato assistere all'improvviso abbandono di Utterson quando cede la parola al dottor Jekyll e alla sua lettera; speravo (e credevo) che l'avvocato sarebbe riapparso in seguito per trarre le sue conclusioni e agire di conseguenza.
    Dopotutto, però, se è vero che Utterson è la personificazione del lettore, allora sapremo come avrà reagito alla verità osservando la nostra stessa reazione; Mr. Hyde potrebbe anche essersi risvegliato nel frattempo, e con questi ultimi interrogativi si creerà il mito.

    Questa e altre recensioni su Universi Incantati (http://valentinabellettini.blogspot.com)

    ha scritto il 

  • 4

    "NON ERO RIUSCITO A LIBERARMI DELLA MALEDETTA DUPLICITà DEL MIO CARATTERE"

    Con questo breve romanzo Stevenson vuole mostrare come non soltanto l'uomo sia duale (e come questa dualità sia impossibile da risolvere se non nella sua accettazione) ma soprattutto che quanto più le ...continua

    Con questo breve romanzo Stevenson vuole mostrare come non soltanto l'uomo sia duale (e come questa dualità sia impossibile da risolvere se non nella sua accettazione) ma soprattutto che quanto più le persone cercano di reprimere la loro parte malvagia/istintiva per mantenere un certo contegno, più questo lato oscuro prende il sopravvento. è quindi impossibile "creare" un essere umano o totalmente buono o totalmente cattivo, in quanto questi due aspetti sono due lati della stessa medaglia: l'uomo non esisterebbe senza entrambi. Sta però a noi, attraverso la razionalità e la saggezza data dall'esperienza, cercare di limitare la parte cattiva senza però far finta che essa non esista. Ignorarla sarebbe pericoloso.

    ha scritto il 

  • 0

    The girl knew something was odd. She investigated desire and power and everything was still odd. At night she slept always on the same side, and in the morning she had breakfast beneath the sun. She k ...continua

    The girl knew something was odd. She investigated desire and power and everything was still odd. At night she slept always on the same side, and in the morning she had breakfast beneath the sun. She kept investigating desire and power and everything was still odd. One day she stopped in the middle of a sentence and stayed mute. 'What happened?' asked the person she was talking with, but she didn't reply. The person asked again, and she cried. She run away and once at home she locked herself in her bedroom. That night she slept on the floor and rubbed her skin against the carpet until it burnt and stank. When her flesh was unveiled she stood up. The wounds were already shaded with a dark, yellow liquid. She went out on the street and walked slowly until she reached the door bell of the doctor. She rang and the man himself opened. He let her in, and offered a cup of tea. 'What is your question?' he said then, and she asked, 'is a tool still a tool if I can't stop using it?' The doctor didn't reply. 'What tool are you talking about?' he asked then, and she replied, 'is a shelter still a shelter if you can't get out?' The doctor sat on his armchair and lit up the tobacco in his pipe. She then explained what she meant, which tool she was talking about, and the doctor shook his head. 'I don't know what you are talking about', he said, 'please tell me more', he said, and the girl understood the doctor was lying. He knew. He knew exactly what device she was talking about. She shrank a bit, lowered her head, looked right and left. 'You are... ' she said, and couldn't finish the sentence cause the doctor was already strangling her.

    ha scritto il 

  • 5

    That's amore

    Stupendo, c'è poco da dire. Ottima storia e ottima scrittura. Ogni volta che mi capita di rileggerlo capto qualche sfumatura diversa che mi fa nuovamente innamorare. Ovviamente consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo di notevole verve ed originalità, è parte di una letteratura così tanto presente nell'immaginario da diventare epitetico; è così spoilerata la trama che risulta quasi astrusa l'idea di cogli ...continua

    Romanzo di notevole verve ed originalità, è parte di una letteratura così tanto presente nell'immaginario da diventare epitetico; è così spoilerata la trama che risulta quasi astrusa l'idea di coglierne il succo. L'idea del male puro , una cattiveria di concetto, isolabile e circoscrivibile ad un corpo è una delle idee -a mio avviso- più geniali della storia letteraria e di rimando cinematografica di sempre.

    ha scritto il 

  • 4

    Un dottore rispettato e altolocato, nella Londra vittoriana, riesce a trovare il modo di trasformarsi nel suo alter ego malefico e assassino. Il protagonista riesce così a vivere in modo diverso da qu ...continua

    Un dottore rispettato e altolocato, nella Londra vittoriana, riesce a trovare il modo di trasformarsi nel suo alter ego malefico e assassino. Il protagonista riesce così a vivere in modo diverso da quello a cui è abituato, senza regole e convenzioni, ma purtroppo le conseguenze da pagare saranno care e salate.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo, tristissimo...

    ...e straordinariamente moderno se pensiamo in che anno è stato scritto.
    Pur conoscendo la trama mi sono decisa a leggerlo solo ora (mea culpa, ma meglio tardi che mai) e devo dire che mi sono lettera ...continua

    ...e straordinariamente moderno se pensiamo in che anno è stato scritto.
    Pur conoscendo la trama mi sono decisa a leggerlo solo ora (mea culpa, ma meglio tardi che mai) e devo dire che mi sono letterariamente innamorata di questa storia e del suo tormentato protagonista.

    ha scritto il 

  • 4

    Da Leggere per Riflettere

    Il tema del doppio vissuto a 360°.
    Non si parla del solito scontro tra bene e male bensì di qualcosa di più profondo.
    L'animo umano viene messo a nudo in questo romanzo, dove l'uomo viene visto per qu ...continua

    Il tema del doppio vissuto a 360°.
    Non si parla del solito scontro tra bene e male bensì di qualcosa di più profondo.
    L'animo umano viene messo a nudo in questo romanzo, dove l'uomo viene visto per quello che è realmente: un essere volubile, soggetto a continui cambiamenti e schiavo del desiderio.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per