Lo straordinario mondo di Ava Lavender

Voto medio di 69
| 29 contributi totali di cui 17 recensioni , 12 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ava Lavender è nata con le ali, ma non può volare. Non può nemmeno vivere come le coetanee, perché sua madre la tiene chiusa in casa, al riparo da occhi indiscreti. Ma ha sedici anni e non si rassegna a essere diversa. In cerca di un perché, ...Continua
Ha scritto il 15/01/17
Il fatto che l'amore non sia come te lo aspetti non significa che tu non ce l'abbiaNon mi aspettavo nulla del genere. Le uniche cose che avevo recepito erano young adult e protagonista con le ali ma dietro queste parole si nasconde un mondo. Prima ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 26/12/16
Una storia dolce-amara dal sapore fiabesco che per il sentore persistente di malinconia, magia ed emozioni ricorda un po' i film di Tim Burton.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 18/11/16
Dolcemente bello!
Una storia un po' surreale, ma che grazie alla maestria dell'autrice finisce per sembrarti possibile... dolcemente bello e consigliatissimo
Ha scritto il 31/01/16
"Love, as most know, follows its own timeline. Disregarding our intentions or well rehearsed plans."
Un libro che ti fa fare le ore piccole, un libro che non riesci a mettere giù, è un libro che si è conquistato una parte di te.E "The Strange and Beautiful Sorrows of Ava Lavender" è uno di questi libri.L’amore come protagonista assoluto della ...Continua
Ha scritto il 26/01/16
Surreale e intenso
Un libro particolare, fantastico e triste. Una storia che cattura e lascia qualcosa che non è descrivibile (almeno, io non riesco a farlo).

Ha scritto il Dec 26, 2016, 09:52
«Il fatto che l’amore non sia come te lo aspetti non significa che tu non ce l’abbia.»
Ha scritto il Dec 26, 2016, 09:52
Abituato a vivere ascoltando il cuore, trovare una logica nell’amore fu come vaccinarsi contro una malattia letale: alla fine si rivela un’ottima scelta, ma all’inizio il dolore non è per nulla piacevole.
Ha scritto il Dec 21, 2016, 14:48
[...] l’amore arrivava quando meno te lo aspettavi e se qualcuno diceva che non voleva farti del male, alla fine di sicuro te ne faceva.
Ha scritto il Dec 21, 2016, 14:48
La pioggia d’inverno sapeva semplicemente di ghiaccio, dell’aria fredda che bruciava la punta delle orecchie, le guance e le ciglia. La pioggia d’inverno era fatta per rifugiarsi sotto trapunte e coperte, per avvolgersi sciarpe di lana sul ...Continua
Ha scritto il Dec 21, 2016, 14:47
Il fato. La mia angoscia e la mia consolazione. La mia compagnia e la mia gabbia.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi