Lo zen e la cerimonia del tè

di | Editore: SE
Voto medio di 585
| 121 contributi totali di cui 95 recensioni , 25 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
"Il cielo dell'umanità moderna si è realmente frantumato nella lotta titanica per la ricchezza e il potere. Il mondo brancola nelle tenebre dell'egoismo e della volgarità. La conoscenza si compra a prezzo della cattiva coscienza, la generosità si pra ...Continua
panapp
Ha scritto il 05/11/18
È un libro importantissimo, oserei dire fondamentale (quantomeno per chiunque sia interessato alla cultura giapponese ed estremo-orientale), a cui potrei negare la quinta stelletta solo perché è un saggio molto breve che in un centinaio di paginette...Continua
BeatriceB.
Ha scritto il 24/03/18
Un'edizione curatissima per quello che è un saggio di vecchia data ormai diventato un classico su una delle più tipiche espressioni della cultura orientale, il "teismo". Scritto con un linguaggio semplice, tocca i punti chiave della cultura e religio...Continua
cassandra
Ha scritto il 22/07/17

Una buona infarinatura della cultura sen e dell'arte dei Maestri del te.

Nebula
Ha scritto il 11/04/17

Un bel modo per conoscere un po' della vita, della storia, e del pensiero di un popolo sentendo raccontare il significato di un suo rituale.

Massimo
Ha scritto il 07/04/17

Il tè racchiude, o contempla, una filosofia sofisticata e semplice nello stesso tempo, e dispone ad uno stile di vita più leggero. Un libro gradevole, da leggere tra due altri più impegnativi. Un cuscino per la mente!


_Lalli
Ha scritto il Apr 07, 2018, 20:29
Tradurre è sempre tradire e, come nota un autore Ming, la traduzione, nel migliore dei casi, può essere paragonata al rovescio di un broccato: ci sono tutti i fili, ma non la finezza dei colori e del disegno
Pag. 31
ao
Ha scritto il Jan 22, 2011, 14:10
[...] questo mare tumultuoso di insensati affanni che chiamiamo vita, [...] c'è gioia e bellezza anche nell'ondeggiare dei flutti che avanzano verso l'eternità.
Pag. 80
ao
Ha scritto il Jan 22, 2011, 14:09
Quando intuì l'uso che si poteva fare dell'inutile, l'uomo fece il suo ingresso nel regno dell'arte.
Pag. 67
ao
Ha scritto il Jan 22, 2011, 14:08
Il vuoto è onnipotente perché contiene ogni cosa. Solo nel vuoto il movimento è possibile [...]. L'intero può sempre dominare la parte.
Pag. 35
ao
Ha scritto il Jan 22, 2011, 14:07
[...] valore dell'allusione. Attraverso il non espresso offriamo all'osservatore la possibilità di completare l'idea; è così che i grandi capolavori attirano irresistibilmente la nostra attenzione, fino a quando ci sembra di entrare a farne veramente...Continua
Pag. 36

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Centro Milarepa
Ha scritto il Nov 14, 2017, 10:01
collocazione: B V, 60

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi