Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lobos

By

Publisher: Planeta

4.0
(4545)

Language:Español | Number of Pages: 422 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , German , French , Portuguese , English , Danish , Chi traditional

Isbn-10: 840808724X | Isbn-13: 9788408087243 | Publish date:  | Edition 1

Also available as: Mass Market Paperback

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Lobos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
El criminólogo Goran Gavila y el equipo de homicidios ses enfrentan a un caso perturbador: se han hallado enterrados los brazos izquierdos de niñas desaparecidas durante la última semana. El equipo no tarda en descubrir los cadáveres de las cinco niñas identificadas, pero cree que la sexta sigue con vida. Mila Vasquez, investigadora especializada en personas desaparecidas, entre en escena y, junto con Goran, van a la caza del culpable. Sin embargo, el asesino al que se enfrentan no se parece a nada de lo que han visto antes y, cada vez que creen estar acercándosse al culpable, en realidad no hacen sino seguir con el plan concebido por una mente despiadada y brillante.
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Uhmmm... Ni

    Le basi sono ottime, tanto che me lo sono finito in poco tempo, tutto sommato.
    Mi piacciono tanto le trame a cerchio, ed è inevitabile che nel mezzo si trovi il gran bandolo della matassa che va sbrogliato.
    Ma qui non s' è sbrogliato niente, semmai s' è sfilacciato.

    L' unica co ...continue

    Le basi sono ottime, tanto che me lo sono finito in poco tempo, tutto sommato.
    Mi piacciono tanto le trame a cerchio, ed è inevitabile che nel mezzo si trovi il gran bandolo della matassa che va sbrogliato.
    Ma qui non s' è sbrogliato niente, semmai s' è sfilacciato.

    L' unica cosa ottima che ho trovato è l' idea dei ritrovamenti dei cadaveri laddove erano stati commessi altri crimini. Originale, ed intrigante.
    Ma tutto il resto, stendiamo un velo pietoso, a cominciare dai personaggi.
    La protagonista, Mila, ha seri problemi. Non problemi come persona eh: sarebbe stato nell' intenzione dell' autore probabilmente. Ma proprio come personaggio. Una che non prova empatia può svolgere con successo un lavoro che tutto ha a che vedere con la comprensione del prossimo? La sola idea è inverosimile. Per non parlare del suo autolesionismo forzato all' unico scopo di cosa? Di farsi uscire un paio di lacrime. Perchè? Si capisce benissimo che le dispiace per ciò che vede, per le morti, le scomparse. Allora lì l' errore o è dell' autore - che non sa come far rimanere indifferente un suo personaggio non empatico - o non ci ho capito niente io del personaggio - che non è vero che dovrebbe risultare non empatico.
    Il coprotagonista, Gavila, te lo presentano subito come il personaggio "figo" del gruppo, o almeno quella è l' intenzione. A me fino alla fine è parso sapido, tutt' al più. Poi si dimostra uno psicopatico, e qui avresti voglia di lanciare il libro dalla finestra.
    Mettendo insieme i due, poi - che ce n' era sentore già appena leggi per la prima volta di lui - si è fatta la cosa più banale ed allo stesso tempo senza senso che si poteva fare.
    Qualcuno mi spiega cosa ognuno di loro trovava nell' altro? Perchè si sono piaciuti questi due? Io ancora non l' ho capito. Li accomunava le intuizioni? Wow...

    Il resto della squadra... be'. Gli unici caratterizzati un po' meglio sono Stern e Rosa, che hanno peculiarità loro, tutto sommato. Ma Boris il piacione? Si capisce subito che non può essere stato lui ad uccidere la ragazza - anche se, considerati i fenomenali colpi di scena finali, tutto sarebbe stato lecito, a questo punto.

    E l' happy ending con il pancione no. Ma proprio no.

    Insomma signor Carrisi, si decida: duro e truculento dall' inizio alla fine. O cielito lindo che si annuvola e si riasserena.
    Ma con un senso, per favore.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    In medium stat virtus

    Storia intrigante, piena di svolte. Le ultime un pò troppo "brusche", alcune mi hanno lasciato un pò così...una su tutte l'ingresso della vecchia "medium" che alla fine risolve il caso dal nulla. Personalmente non ho apprezzato, ma in generale capisco il perchè del successo di Carrisi e di questo ...continue

    Storia intrigante, piena di svolte. Le ultime un pò troppo "brusche", alcune mi hanno lasciato un pò così...una su tutte l'ingresso della vecchia "medium" che alla fine risolve il caso dal nulla. Personalmente non ho apprezzato, ma in generale capisco il perchè del successo di Carrisi e di questo libro in particolare.

    said on 

  • 3

    I gialli thriller non sono il mio genere

    Ammaliato dallo stile e dalla prosa dello scrittore (adorato in la donna dei fiori di carta) mi sono avvicinato ad un genere che non è mai stato tra i miei favoriti, il giallo\thriller. E infatti, pur apprezzando ancora la narrativa proposta dal Carrisi più volte alcune interpretazioni\forzatura ...continue

    Ammaliato dallo stile e dalla prosa dello scrittore (adorato in la donna dei fiori di carta) mi sono avvicinato ad un genere che non è mai stato tra i miei favoriti, il giallo\thriller. E infatti, pur apprezzando ancora la narrativa proposta dal Carrisi più volte alcune interpretazioni\forzatura\colpi ad effetto esagerati mi hanno fatto storcere il naso. Per chi ama il genere da leggere sicuramente

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    di pancia:

    mi è piaciuto, mi ha tenuta incollata, dovevo andare avanti e finirlo per capirne l'epilogo. un libro che suscita questo, scritto tra l'altro da un autore italiano, merita di essere elogiato e letto.


    certamente, come si è accentuato poi nel seguito L'ipotesi del male, Carrisi talvolta esag ...continue

    mi è piaciuto, mi ha tenuta incollata, dovevo andare avanti e finirlo per capirne l'epilogo. un libro che suscita questo, scritto tra l'altro da un autore italiano, merita di essere elogiato e letto.

    certamente, come si è accentuato poi nel seguito L'ipotesi del male, Carrisi talvolta esagera e pecca un po' in credibilità. però nel primo approccio avuto con questo scrittore devo dire che mi ha impressionata positivamente. sicuramente è meritevole di descrivere con cura tecniche e particolari investigativi.

    il finale con Goran vittima e carnefice me lo sarei dovuto aspettare e invece ci sono cascata. spero però questo non diventi uno schema fisso di Carrisi, altrimenti oltre che in credibilità rischia anche di cadere nella prevedibilità.

    said on 

  • 4

    Un ottimo thriller, ben scritto e strutturato veramente. Colpisce la caratterizzazione dei personaggi, dettagliata e mai banale anche per i personaggi minori (sebbene non sia appropriato parlare di personaggi minori in quanto tutti poi risulteranno importanti ai fini della storia). In particolare ...continue

    Un ottimo thriller, ben scritto e strutturato veramente. Colpisce la caratterizzazione dei personaggi, dettagliata e mai banale anche per i personaggi minori (sebbene non sia appropriato parlare di personaggi minori in quanto tutti poi risulteranno importanti ai fini della storia). In particolare è apprezzabile l'approfondimento di questa figura di "serial killer" poco affrontata da altri autori di thriller e gialli. Non merita il massimo dei voti perchè in alcune parti, specialmente verso la fine, la trama risulta un po forzata e sembra che l'autore cerchi di stupire ad ogni capitolo, cosa non necessaria.
    Nel complesso però è un thriller che consiglio caldamente, appena possibile leggerò sicuramente altro di Carrisi. Bravo!

    said on 

  • 5

    "IL" THRILLER

    Esistono libri che, per la loro perfezione, hanno la forza di ridefinire un genere. "Il suggeritore" è uno di questi: nessuno potrà più cimentarsi nel thriller senza fare i conti con Carrisi.

    said on 

  • 0

    La casa di Asterione?

    Immaginate di avere una villetta familiare a due piani a pianta quadrata, completamente arredata.
    Al piano inferiore ingresso, cucina, soggiorno, sala da pranzo.
    Al piano superiore due camere da letto e due bagni.
    Immaginate ora con un operazione di copia e incolla di ampliare l ...continue

    Immaginate di avere una villetta familiare a due piani a pianta quadrata, completamente arredata.
    Al piano inferiore ingresso, cucina, soggiorno, sala da pranzo.
    Al piano superiore due camere da letto e due bagni.
    Immaginate ora con un operazione di copia e incolla di ampliare l'estensione della villetta,
    copiando un piano e mettendolo al lato di uno gia' esistente. Magari anche invertendo l'ordine tra
    supeiore ed inferiore, e anche ruotando di multipli di 90 gradi ogni piano base.
    Pero' non estendete in maniera infinita la villetta, fermatevi ad una superficie ragionevole.
    Se volete potere anche estenderla in altezza, copiano i piani uno sull'altro.
    Una volta fatto cio, aumentate inutilmente il numero di porte che collegano le varie stanze, e anche perche' no il
    numero di scale. Lasciate anche porte che danno nel vuoto e scale che non portano a nulla.
    Spostate anche i mobili se vi va, da una stanza all'altra.
    Il risultato piu' che una casa sara' un labirinto. Non infinito come la biblioteca di Babele,
    ma pur sempre un labirinto.
    Ecco questo romanzo di Carrisi e' cosi'.
    Tu credi di entrare in una casa e trovi un labirinto.
    Pensate sia un complimento? Liberi di pensarlo, di certo non la pensa cosi' chi pensava di aver acquistato una
    casa e si ritrova in un inutile labirinto.

    P.s. Il fatto stesso che io abbia copiato e incollato questa recensione a ben tre libri di Carrisi (il suggeritore, l'ipotesi del male, il tribunale delle anime), non depone a suo favore.

    said on 

  • 5

    Il migliore di Carrisi

    E' con il suggeritore che ho scoperto l'inquietante mondo di Donato Carrisi. Questo è per me uno dei 2 thriller migliori che abbia letto. L'autore ha il dono di descrivere in modo unico gli scenari e i personaggi, mi bastano poche sue parole per immaginare subito l'aspetto dei personaggi, nonchè ...continue

    E' con il suggeritore che ho scoperto l'inquietante mondo di Donato Carrisi. Questo è per me uno dei 2 thriller migliori che abbia letto. L'autore ha il dono di descrivere in modo unico gli scenari e i personaggi, mi bastano poche sue parole per immaginare subito l'aspetto dei personaggi, nonchè gli ambienti. La storia è davvero particolare, per non parlare dei colpi di scena da far spalancare la bocca! Si a me è successo... Se amate i thirller vi piacerà di sicuro.

    said on 

  • 5

    Un suggeritore non può essere fermato

    davvero brillante questo thriller, un disegno assolutamente perfetto quello messo in atto dal suggeritore, figura di malvagio davvero straordinaria. Un romanzo che non ha pecche, forse qualche elemento forzato visto l'intreccio continuo dei personaggi. La scrittura di un esordiente Carrisi ...continue

    davvero brillante questo thriller, un disegno assolutamente perfetto quello messo in atto dal suggeritore, figura di malvagio davvero straordinaria. Un romanzo che non ha pecche, forse qualche elemento forzato visto l'intreccio continuo dei personaggi. La scrittura di un esordiente Carrisi diventa mano a mano più sicura con lo scorrere delle pagine.

    said on 

Sorting by