Lolita

By

Publisher: Anagrama

4.1
(9539)

Language: Español | Number of Pages: 391 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , French , Chi simplified , Portuguese , Italian , Chi traditional , German , Catalan , Dutch , Finnish , Galego , Japanese , Slovenian , Russian , Swedish , Greek , Hungarian , Czech

Isbn-10: 8433920383 | Isbn-13: 9788433920386 | Publish date: 

Translator: Enrique Tejedor

Also available as: Others , Hardcover , Leather Bound , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Lolita ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
La historia de la obsesión de Humbert Humbert, un profesor cuarentón, por la doceañera Lolita es una extraordinaria novela de amor en la que intervienen dos componentes explosivos. la atracción perversa por las nínfulas y el incesto. Un itinerario a través de la locura y la muerte, que desemboca en una estilizadísima violencia, narrado, a la vez con autoironía y lirismo desenfrenado, por el propio Humbert.
Sorting by
  • 5

    Lolita. Lolita ovunque.

    Un libro che seguivo da anni o forse era lui a seguirmi. Non ho avuto il coraggio di leggerlo per un pò (essendo stata influenzata da diversi commenti), poi, ho deciso che era giunto il momento. Mi h ...continue

    Un libro che seguivo da anni o forse era lui a seguirmi. Non ho avuto il coraggio di leggerlo per un pò (essendo stata influenzata da diversi commenti), poi, ho deciso che era giunto il momento. Mi ha vista pronta, mi ha chiamata e io ho risposto. Così, dal mercatino dell' usato, ho portato con me questa storia e sono io stessa diventata quella storia. Il linguaggio di Nabokov, si sa, è straordinario. I particolari, i luoghi, le strade, il profumo di Lolita, li sento ancora accanto a me, come l'ombra di un lampo nel cielo.
    La psicologia di Humbert è così intricata e spaventosamente inconcepibile. E poi lei, Lolita, Dolores, Dolly, nei suoi pensieri, in ogni dove, in ogni tempo.
    Lo consiglio, mi par ovvio, pur avvisando che può non piacere, che può sembrare antipatico, pesante, petulante, ma a mio avviso, mai banale. E' qualcosa in più di ciò che immaginiamo possa essere.
    E' Lolita. Ed è un capolavoro.

    said on 

  • 5

    «Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le ...continue

    «Era Lo, semplicemente Lo al mattino, ritta nel suo metro e quarantasette con un calzino solo. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea tratteggiata dei documenti. Ma tra le mie braccia era sempre Lolita.»
    La voce narrante è quella del professor Humbert Humbert. E Lolita è la confessione disperatamente sincera e malinconica della sua ossessione per una dodicenne ribelle e maliziosamente spregiudicata, la ninfetta Dolores Haze.
    Per una serie di bizzarre scelte del destino, le strade dei due si incrociano durante un'estate del 1947 e comincia un lungo viaggio. Quello di entrambi a bordo di una vecchia auto, in giro per gli States, dentro e fuori squallidi motel. E quello di H.H. attraverso la sua ossessione per Lolita.
    È un enigma, questa ragazzina, così teneramente infantile e infinitamente adescante, distratta e sfacciata, dannatamente irresistibile. E dannato è lui, questo professore di mezza età, finito in un paradiso i cui cieli avevano il colore delle fiamme dell'inferno, prigioniero di un amore che non è amore o forse sì, patetica vittima della sua stessa vittima.
    Nabokov incanta con il suo linguaggio, elegante e ricercato, di una bellezza senza pari; incanta coi discorsi che mette in bocca ad H.H.; incanta fin dall'incipit, quando invita il lettore a scandire con lui quel nome, Lo-li-ta, a sentire come la punta della lingua compie un percorso di tre passi sul palato per battere, al terzo, contro i denti. Lo. Li. Ta.
    Lolita non è un romanzo erotico, né un elogio della pedofilia. E Nabokov non era uno scrittore a caccia del successo dato dallo scandalo. Da scaltro provocatore e audace sperimentatore, fa raccontare la storia ad un protagonista col quale è arduo immedesimarsi, ma non esprime alcun giudizio morale. Ha fiducia nel lettore, gli fornisce tutti gli elementi necessari e poi gli lascia libertà di scelta: starà a lui decidere se indignarsi e ripugnare l'opera o apprezzarne la vera essenza di capolavoro.
    "Lolita non si porta dietro nessuna morale. Per me un'opera di narrativa esiste solo se mi procura quella che chiamerò francamente voluttà estetica", spiega l'autore nella postfazione. E prosegue rivelando al lettore il suo personale modo d'intendere l'arte della scrittura: non laboriosa ricerca bensì liberazione di un'idea già viva e pulsante. Ed è qui che sta la differenza abissale tra gli abili artigiani della parola, di cui la letteratura è piena, e gli autentici fuoriclasse come Nabokov, di cui tutti avremmo più bisogno. Decisamente.

    said on 

  • 3

    Un sano "disprezzo"

    «Lolita» è stata certamente una lettura controversa e complicata. La scrittura di Nabokov è, di sicuro, qualcosa di meraviglioso, il suo stile è incredibilmente elegante e sublime, a volte anche tropp ...continue

    «Lolita» è stata certamente una lettura controversa e complicata. La scrittura di Nabokov è, di sicuro, qualcosa di meraviglioso, il suo stile è incredibilmente elegante e sublime, a volte anche troppo, ma quello che rende complicata la lettura di questo libro è il personaggio perverso e profondo di Humbert. Nabokov attraverso le parole di Humbert - narratore del libro - ci racconta la storia d'amore di quest'ultimo per Dolores Haze, ragazza di soli 12 anni, figlia di una donna vedova che si risposa con Humbert. L'innamoramento del protagonista per Dolores ci viene presentato in tutte le fasi più amare di questo rapporto così complicato e che non lascia certamente indifferenti.
    Pagina dopo pagina non potevo ignorare quello che era il rapporto malato che si creava tra Humbert e Lolita, e allo stesso modo non potevo accettarlo.
    Nel complesso è stata una lettura affascinante, ma il decorso degli eventi mi ha un po' delusa sopratutto l'ultima parte che mi è parsa dilungarsi troppo in descrizioni molto lunghe e un seguirsi di fatti che mi hanno lasciato al quanto perplessa.

    said on 

  • 2

    No, no!

    Mi dispiace, ma più di due stelline non riesco a dare, e forse sono anche troppe. Non sono riuscita ad andare oltre il tema trattato e godermi questo libro. Ho fatto fatica a finirlo. E' scritto in ma ...continue

    Mi dispiace, ma più di due stelline non riesco a dare, e forse sono anche troppe. Non sono riuscita ad andare oltre il tema trattato e godermi questo libro. Ho fatto fatica a finirlo. E' scritto in maniera egregia, assolutamente non disquisisco sulla bravura di Nabokov, ma il tema è insopportabile, e a tratti mi ha disgustato profondamente!

    said on 

  • 5

    Finis, amici miei; finis, demoni miei

    La perfezione di una prosa variopinta, tragica e dagli spazi enormi che crea un contrasto così forte con la malattia della passione. Un dipinto vero, ingiusto, che forse neanche vorremmo vivere; ma ch ...continue

    La perfezione di una prosa variopinta, tragica e dagli spazi enormi che crea un contrasto così forte con la malattia della passione. Un dipinto vero, ingiusto, che forse neanche vorremmo vivere; ma che, proprio nel momento in cui viviamo, ci avvolge, inebria, esalta, e ci fa chiedere: è malattia questa, malattia lo è, ma è malattia anche questa sofferenza, questo dolore?
    E il solo fatto che ci porti a chiedercelo - il solo fatto è pure forza letteraria. Capolavoro.

    said on 

  • 0

    La primera mitad de este libro es muy ágil y nos mantiene atentos, sin embargo después se vuelve un poco lento pudiendo ocasionar pérdida del interés en el mismo. Sin duda un libro que en su época deb ...continue

    La primera mitad de este libro es muy ágil y nos mantiene atentos, sin embargo después se vuelve un poco lento pudiendo ocasionar pérdida del interés en el mismo. Sin duda un libro que en su época debió causar mucha controversia.

    said on 

  • 5

    Un libro memorabile.

    Un altro libro come questo non esiste. Scorre talmente leggero che non ti accorgi neppure di essere arrivato alle ultime pagine. Trama originale e senza tempo. Scritto talmente bene che non si riesce ...continue

    Un altro libro come questo non esiste. Scorre talmente leggero che non ti accorgi neppure di essere arrivato alle ultime pagine. Trama originale e senza tempo. Scritto talmente bene che non si riesce a non "giustificare" il punto di vista, seppur assai perverso, del protagonista. Geniale!

    said on 

  • 4

    Odi et amo

    Ho letto questo libro con grande fatica e tra me e lui si è instaurato un rapporto di odio-amore. Il modo di scrivere di Nabokov è elevato, dotto, elegante, ho apprezzato ogni singola parola di quel l ...continue

    Ho letto questo libro con grande fatica e tra me e lui si è instaurato un rapporto di odio-amore. Il modo di scrivere di Nabokov è elevato, dotto, elegante, ho apprezzato ogni singola parola di quel libro, nonostante alcune frasi risuonassero un po' oscure. A volte mi sono completamente immersa nelle digressioni del protagonista e penso di essermi persa qualche pezzo della storia. Eppure per me è stato così difficile leggerlo - ho impiegato più di un mese per terminarlo - che a volte ho dovuto abbandonare la sua lettura per sfogliare libri molto più frivoli.
    Di sicuro non è un romanzo da leggere a cuor leggero e consiglio la sua lettura a chi magari ha già un'idea di chi sia Nabokov.

    said on 

Sorting by
Sorting by