Lolita in Love

Di

Editore: Pamela Geroni

4.7
(3)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 234 | Formato: Paperback

Isbn-10: 1521286434 | Isbn-13: 9781521286432 | Data di pubblicazione: 

Genere: Adolescenti

Ti piace Lolita in Love?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Avere diciassette anni non è facile, soprattutto se vivi a Fort Rose, dove non succede nulla, e ti chiami Rainbow Day come me. Lo so, non dire niente: l’idea del nome è stata di mia madre, una fotografa hippy con più sogni che buon senso. La vedo poco, da quando mi ha piantata qui con mio fratello e mio padre. Non che veda molto anche lui, dato che sembra aver messo radici nel suo ufficio. Per fortuna a salvarmi ci sono il cinese che consegna a domicilio, le storie che scrivo e Chloe, la mia migliore amica, alla quale racconto tutto. O… quasi. Okay, ho un segreto, ma a te posso dirlo. Nell’armadio, accanto alla divisa scolastica, nascondo la mia collezione di abiti Lolita. Vestirmi così mi fa sentire bene, ma lo faccio solo quando sono da sola, nella mia camera o nel parco abbandonato vicino a casa. Proprio lì, qualche giorno fa, ho incontrato un tipo strano, Tristan, una specie di stalker col piercing al sopracciglio che non la smetteva di farmi domande. Ha preso bene le mie riposte da stronza, comunque. L’ho rivisto, e mi è piaciuto, ma se lo cerco di giorno sembra che non esista. E se me lo fossi inventato? Se fosse solo un sogno, una creazione della mia mente? Grandioso, Rainbow, sei messa così male da aver bisogno di un innamorato immaginario. Patetico. Un momento… ma chi ha parlato d’amore?
Ordina per
  • 5

    Dolce e magico

    La protagonista di "Lolita in Love" è un'adolescente di nome Rainbow che colleziona abiti Lolita all'insaputa di tutti, per poi indossarli di notte, di nascosto, in un solitario parco cittadino.  Che ...continua

    La protagonista di "Lolita in Love" è un'adolescente di nome Rainbow che colleziona abiti Lolita all'insaputa di tutti, per poi indossarli di notte, di nascosto, in un solitario parco cittadino.  Che poi forse tanto solitario non è: infatti una sera Rainbow incontra lì un misterioso ragazzo di nome Tristan, che sembra averla spiata già altre volte e inizia ad apparirle anche in sogno...Chi sarà davvero? Un ragazzo reale o un frutto della fantasia? 
    Un romanzo con i piedi per terra e la testa tra le nuvole, lo descriverei così! :D
    Perché se da un lato segue la problematica vita quotidiana di Rainbow (tra le incomprensioni con l'amica di sempre e il rapporto difficile con una madre assente) dall'altro è sempre un po' sospeso tra sogno e realtà, e anche se non sfocia nel paranormale è dotato di quel pizzico di soprannaturale che in questo genere di libri mi intriga sempre!
    Tra le righe si leggono anche tematiche importanti, come la necessità di aprirsi con gli altri per essere compresi e aiutati nei momenti difficili.
    Mi sono immedesimata molto nella protagonista è nelle sue insicurezze... d'altronde sono un po'un'eterna adolescente! XD
    Una boccata d'aria fresca, arricchita da uno stile impeccabile e coinvolgente!

    ha scritto il 

  • 4

    Quando ci si sbuccia il cuore, lo si vede dagli occhi.

    Lolita in love è l'esordio di Pamela Geroni. Conoscevo già l'autrice perchè la seguo sul blog (Last century girl) e sul canale YouTube, quindi appena ho saputo che avrebbe pubblicato un libro non pote ...continua

    Lolita in love è l'esordio di Pamela Geroni. Conoscevo già l'autrice perchè la seguo sul blog (Last century girl) e sul canale YouTube, quindi appena ho saputo che avrebbe pubblicato un libro non potevo che essere contenta.
    All'inizio non mi ero nemmeno informata sulla trama, cosa che invece faccio sempre... semplicemente ho pensato: "Deve essere mio".
    Ebbene, non sono rimasta delusa. Penso che oggettivamente sia uno young adult onesto... è vero che ormai è difficile trovarne uno che si distingua dalla massa al cento per cento ma chi mi conosce sa che è tra i miei generi preferiti, ho un debole per le storie che hanno come protagonisti degli adolescenti (sebbene io non lo sia più da un pezzo con i miei 25 anni suonati!) disagiati, che si sentono un pò fuori dal mondo e quella di Pamela non è da meno. Anzi, per quanto parta dalla tipica idea di base che caratterizza uno YA, in realtà ci sono degli elementi che lo differenziano da altri e cioè:
    - una protagonista non proprio amabile ma indubbiamente umana, con i suoi difetti, dubbi, paure... non è la classica eroina forte e decisa, al contrario, è fragile e solo pian piano riuscirà a maturare durante il suo percorso di formazione. Devo ammettere che mi ci sono rivista molto in alcuni lati del suo carattere (sì, sono decisamente poco amabile XD) e in parecchie sue riflessioni;
    - una storia d'amore che (finalmente!) non è tormentata ma bella nella sua semplicità e il cui sviluppo non è banale
    - l'atmosfera onirica e soprannaturale;
    - lo stile intrigante e delicato ma anche diretto, che colpisce nei punti giusti;
    - i riferimenti ai classici, alla musica, all'amore per la lettura e la scrittura e al Giappone
    Insomma è un mix di elementi che sinceramente ho apprezzato e trovo che siano ben incastonati in un libro che parla di abbandono, amicizia, senso di inadeguatezza e insoddisfazione nei confronti di una società che ti vuole perfetto e omologato alla massa, crescita personale, superamento delle difficoltà, possibilità e speranza, voglia di essere ascoltati accettati e compresi... a tratti tenero e dolce (ma che carini sono Rainbow e Tristan ♥) a tratti ironico e divertente (soprattutto nei loro battibecchi) e a tratti malinconico e nostalgico.
    Nel complesso penso sia piacevole e godibile, toccante e riflessivo; trasmette un messaggio positivo. Inoltre, più volte ci ho ritrovato pezzi di me: sembrava come se il libro mi stesse parlando, consolando e non c'è sensazione più bella di questa quando si legge.
    Pertanto secondo la mia opinione non gli manca nulla rispetto agli innumerevoli esordi di autori e autrici stranieri/e che vengono poi portati in Italia (anzi come dicevo ha quel nonsochè che lo rende un pò diverso dal solito). Di conseguenza spero vivamente che qualche casa editrice lo prenda in considerazione e nel frattempo auguro un grande in bocca a lupo a Pamela! Se pubblicasse qualcos'altro lo leggerei senza pensarci due volte :*

    ha scritto il