Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Londra tra le fiamme

Di

Editore: Fanucci

3.3
(157)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8834716809 | Isbn-13: 9788834716809 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luca Conti

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Londra tra le fiamme?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ned è vivo... Incredibile ma vero. Ned la foca, uno dei protagonisti di "Fuoco nella polvere", è sopravvissuto all'attacco subito nella sua ultima avventura. Ed è tornato per sorprenderci con una scorribanda ancora più bizzarra, che lo vedrà al fianco di Jules Verne, Mark Twain e di un giovane H.G. Wells, insieme ad altri ospiti, tra cui Toro Seduto, una scimmia marziana, un robot a vapore e un sigillo intelligente (e futuro romanziere da due soldi), dal cui diario attinge gran parte della narrazione. Sullo sfondo di un'invasione marziana nello stile della "Guerra dei mondi" c'è la storia di Ned la foca, avventuriero, scrittore futurista e amante dei pesci, precipitato in un mondo che non ha scelto. Oltre a lui incontreremo Rikwalk, la scimmia alta 12 metri, ma anche Beadle e John Feather, Signori del gigante di metallo delle praterie, un essere creato per annientare le macchine da guerra dei marziani. Tutti devono affrontare la devastazione causata da un viaggiatore nel tempo, il protagonista del romanzo di H.G. Wells "La macchina del tempo", che ha aperto, moltiplicandole, crepe nel continuum temporale.
Ordina per
  • 3

    Comprato usato, senza sapere minimamente di cosa trattasse, a 30 centesimi, proprio come se fosse una dime novel :-D Io lo definirei bizzarro e divertente, ma capisco che gli estimatori del genere ...continua

    Comprato usato, senza sapere minimamente di cosa trattasse, a 30 centesimi, proprio come se fosse una dime novel :-D Io lo definirei bizzarro e divertente, ma capisco che gli estimatori del genere fantascientifico (che non sono io) lo recensiscano con 5 stellette. Avessi un centesimo della fantasia di Lansdale!

    ha scritto il 

  • 5

    grasse risate!

    Su Lansdale se ne dicono tante. Consiglio di approcciare questo libro dimenticando tutto quello che si sa su di lui. Fantasia a livelli ultrastellari! La caratterizzazione di Ned rasenta tutte le ...continua

    Su Lansdale se ne dicono tante. Consiglio di approcciare questo libro dimenticando tutto quello che si sa su di lui. Fantasia a livelli ultrastellari! La caratterizzazione di Ned rasenta tutte le migliori cose rasentabili. Delirantemente incredibile!

    P.S. Prima c'è da leggere "fuoco nella polvere", visto che tutto inizio lì.

    ha scritto il 

  • 4

    Sei sicuro di non essere una foca?

    La guerra dei mondi è iniziata. Mark Twain ha appena perso la sua scimmia.Jules Verne sta per iniziare una bellissima avventura. Mentre Ned non fa che pensare a pesce e passera .

    Sei sicuro di non ...continua

    La guerra dei mondi è iniziata. Mark Twain ha appena perso la sua scimmia.Jules Verne sta per iniziare una bellissima avventura. Mentre Ned non fa che pensare a pesce e passera .

    Sei sicuro di non essere una foca?

    ha scritto il 

  • 4

    Come un goloso in una pasticceria

    Non c'è niente da fare, dai a Lansdale carta bianca per scrivere quello che che vuole e ne viene fuori qialcosa di unico. Questo non vuol dire bello o brutto ma comunque qualcosa di speciale. ...continua

    Non c'è niente da fare, dai a Lansdale carta bianca per scrivere quello che che vuole e ne viene fuori qialcosa di unico. Questo non vuol dire bello o brutto ma comunque qualcosa di speciale. Leggendo questo libro ti viene in mente che è come permettere ad un bambino con un grande talento per la scrittura di scrivere dando libero sfogo alla sua fantasia. Il che implica tutta l'assurdità, le esagerazioni e le stranezze che questo comporta. Detto ciò il libro è buono, non il miglior Lansdale ma un buon Lansdale, ironico, esagerato, fantasioso e narrativamente bulimico. Un libro per chi ha voglia di impiegare un paio d'ore del proprio tempo spegnendo il cervello e godendosi una ottima dime novel. Lansdale è Lansdale e ti deve piacere per apprezzarlo fino in fondo ma quando in una storia c'è una foca che sa scrivere, uno scimmione parlante, Marc Twain e H.G.Wells e jules Verne...e tutto bene o male funziona, cosa si può pretendere di più?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    un passo indietro...

    ...rispetto al precedente "fuoco nella polvere". In questo secondo capitolo si rivede Ned la foca (il vero protagonista del romanzo) alle prese con la stesura del suo diario, nel quale ci racconta ...continua

    ...rispetto al precedente "fuoco nella polvere". In questo secondo capitolo si rivede Ned la foca (il vero protagonista del romanzo) alle prese con la stesura del suo diario, nel quale ci racconta una nuova rocambolesca avventura. Stavolta i nostri eroi, tra i quali Jules Verne, Mark Twain e nel finale H.G. Wells, sono alle prese con degli invasori marziani (molto particolari...non voglio togliere a chi lo vuole leggere il piacere di scoprirlo), arrivati nel nostro mondo, attraverso uno degli squarci temporali che si sono aperti improvvisamente tra diversi mondi paralleli, che si intersecano e si sovrappongono tra loro e causati dai continui viaggi nel tempo dello scienziato protagonista del libro di H.G. Wells La macchina del tempo. La trama, seppure più "intrecciata" del precedente libro, risulta però molto più fragile e sottile, tanto da far rimpiangere la "leggerezza" della mitica avventura raccontata nel capitolo precedente. Il romanzo nonostante tutto però resta comunque abbastanza godibile e non mancano ancora una volta le "divertenti volgarità" e i dialoghi quanto mai esilaranti tra i diversi protagonisti. Quindi tirando le somme per me sono appena 3 stellette risicate. Di più proprio non mi sento di dare.

    ha scritto il 

  • 4

    Lansdale possiede evidentemente diverse cifre letterarie perché questo libro non ha nulla a che vedere con l’altro che avevo letto. “Londra tra le fiamme” è un libro assurdo, letteralmente ...continua

    Lansdale possiede evidentemente diverse cifre letterarie perché questo libro non ha nulla a che vedere con l’altro che avevo letto. “Londra tra le fiamme” è un libro assurdo, letteralmente senza capo né coda e in quanto tale anche godibile. Genere? Fantascienza letteraria? Niente di drammatico, però: anche se succedono cose orribili il tono è piuttosto quello di un “divertissement” un po’ grassoccio. Trama non riferibile (fra l’altro è il secondo di una trilogia).

    ha scritto il 

  • 4

    Impressioni | Flaming London, di Joe R. Lansdale

    Recensione tratta dal mio blog. Link diretto: http://federico-russo.blogspot.it/2012/09/impressioni-flaming-london-di-joe-r.html

    =====

    Il seguito di Zeppelin Wests, ma non necessariamente collegato, ...continua

    Recensione tratta dal mio blog. Link diretto: http://federico-russo.blogspot.it/2012/09/impressioni-flaming-london-di-joe-r.html

    =====

    Il seguito di Zeppelin Wests, ma non necessariamente collegato, si può leggere anche a sé. Per qualche strana ragione, non ho scritto nulla sull'episodio precedente. Devo essermi dimenticato. Flaming London non l'ho trovato da nessuna parte, né in libreria né su Internet. Però esiste, in italiano, l'ho scoperto da poco, col titolo Londra tra le fiamme. Io l'avrei tradotto Londra in fiamme, visto che il titolo originale è abbastanza immediato e "tra le fiamme" a mio avviso ne smorza l'effetto, anche se per una sola sillaba. Comunque. La linea narrativa procede con due POV: il diario di Ned, una foca con un cervello umano e un cappello meccanico, e un generico POV di Mark Twain. Altri personaggi sono Jules Verne e compare anche H. G. Wells. In effetti, Flaming London è una specie di Guerra dei Mondi.

    Ho apprezzato lo stile: dato che la storia tende principalmente all'umorismo, ogni scelta stilistica va considerata secondo quest'ottica. In alcuni punti la narrazione è eccentrica (per esempio, una scena di "corsa", suddivisa in quattro o cinque paragrafi titolati e con uno stile da cronista sportivo - ma non voglio spoilerare). Divertentissime le parti di narrazione del Diario di Ned che, in quanto foca, ci tiene a far sapere le sue opinioni da foca nelle diverse situazioni (per esempio, che gli piace molto il pesce, soprattutto nelle situazioni meno opportune), e la caratterizzazione sommaria degli alieni. Altro punto a favore di Flaming London è l'uso dei vocaboli. Fa uso di una ristretta gamma di termini (sono soprattutto i verbi, che si ripetono), e questo è difficile da notare nella propria lingua madre, ma risulta lampante in un'altra lingua. Si tratta di una cosa buona: un vocabolario ristretto implica semplicità che implica immediatezza che implica abilità nel comunicare. A sfavore dell'opera sono invece alcuni aspetti della storia stessa. L'idea, seppur non originale, è accattivante - i marziani che invadono la terra, ma parliamo comunque di un Lansdale che prende storie ottocentesche e le rielabora con del bizzarro o meglio ancora con del nonsense -, ma la vera Londra in fiamme si vede solo verso le ultimissime pagine. Il resto è un po' di cammino senza che succeda granché, qualche sprazzo di avventura qua e là. Inoltre la storia non ha alcuno snodo particolarmente interessante. Pare che Lansdale si sia solo divertito a mischiare varie storie e personaggi - da qualche parte ho letto che il primo libro, quindi immagino tutto il ciclo, possa essere pensato come un divertissement dell'autore. Una novella semplice e leggera, insomma, che può interessare soprattutto gli appassionati di letteratura ottocentesca e della pura comicità. Nonostante l'ambientazione storica e il "pretesto" sci-fi, gli elementi precipui della storia sono l'avventura, la comicità e il miscuglio di personaggi, un po' provenienti da diverse opere e un po' realmente esistiti. Rispetto alla novella precedente, è un gradino più in basso, ma chi ha apprezzato la prima, non rimarrà deluso da questa seconda parte.

    ha scritto il