Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'onore perduto di Katharina Blum

!! SCHEDA INCOMPLETA !!

By Heinrich Böll

(38)

| Hardcover

Like L'onore perduto di Katharina Blum ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

67 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Amo Böll forse persino al di là dei suoi meriti, nel senso che ho proprio un pregiudizio positivo nei suoi confronti, probabilmente perché l'ho molto amato quand'ero giovanissima. Ma a rileggere Katarina Blum poco dopo aver riletto Foto di gruppo con ...(continue)

    Amo Böll forse persino al di là dei suoi meriti, nel senso che ho proprio un pregiudizio positivo nei suoi confronti, probabilmente perché l'ho molto amato quand'ero giovanissima. Ma a rileggere Katarina Blum poco dopo aver riletto Foto di gruppo con signora, benché mi sia piaciuto assai anche alla seconda lettura non ho potuto fare a meno di rimarcare quanto sia per diversi aspetti simile la vicenda narrata, quasi che Katarina fosse un compendio di Leni. Un compendio a cui però mancano inevitabilmente molte delle complessità e delle sfaccettature del primo. Tuttavia, considerato quel che circola oggidì e che spesso viene persino spacciato per capolavoro, avercene di Böll.

    Is this helpful?

    Lucy van Pelt said on May 18, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' un romanzo che mi è piaciuto molto x lo stile: sembrano quasi dei verbali che riguardano una vicenda che negli anni '70 piace molto ai giornali! Per vendere di piu' descrivono la protagonista Katharina Blum x quello che non è. Le menzogne su di le ...(continue)

    E' un romanzo che mi è piaciuto molto x lo stile: sembrano quasi dei verbali che riguardano una vicenda che negli anni '70 piace molto ai giornali! Per vendere di piu' descrivono la protagonista Katharina Blum x quello che non è. Le menzogne su di lei la portano ad ammazzare un giornalista!!

    Is this helpful?

    lalla said on Apr 22, 2014 | Add your feedback

  • 9 people find this helpful

    Lo so che il paragone sembrerà ardito...ma l'altro giorno rivedevo La febbre del sabato sera e mi stupivo della sua attualità. Si fa un gran parlare della nostra come di una società basata sull'apparire, sulla sua vacuità, sugli scandali, sui ...(continue)

    Lo so che il paragone sembrerà ardito...ma l'altro giorno rivedevo La febbre del sabato sera e mi stupivo della sua attualità. Si fa un gran parlare della nostra come di una società basata sull'apparire, sulla sua vacuità, sugli scandali, sui social network. Ecco, nella Brooklyn del 1977 mancavano i social network, ma tutto il resto era esattamente identico ad oggi. E lo stesso dice Boll della Germania in questo libro, precedente al film di cui accennavo di soli tre anni, nel quale fa un atto di denuncia e di accusa contro un certo tipo di giornalismo scandalistico, basato solo ed unicamente sul sensazionalismo a dispetto della verità e della sensibilità delle persone coinvolte.
    Katharina non riesce a sopportare questo accanimento e compie un gesto estremo, lo sappiamo fin dalla prima pagina, ma i brevi capitoli spingono ad una lettura agile e veloce, quasi fossimo noi a leggere degli articoli di giornale, alla scoperta morbosa di cosa stia per succedere. Proprio quella morbosità che Boll dichiara di non volere... In un clima di sospetto e di cattiveria, l'immagine di una Germania che non c'è più sulla carta, ci riporta ad un mondo attuale in maniera strabiliante. E pensare che il muro di Berlino non c'è più da tanto e per Katharina forse sarebbe stata possibile una fuga, che non voleva...

    Is this helpful?

    Chiara White said on Jan 7, 2014 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Il "suono" ed il messaggio mi hanno convinto molto, complici giorni memorabili. Non conosco questa lingua.

    Is this helpful?

    Daniele Primon said on Sep 10, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    piacevole sopresa

    Questo libro mi aveva incuriosita in libreria e l'ho preso così su due piedi, a volte è bello anche seguire solo dall'istinto, (anche a rischio di grandi fregature). Poi prima che lo leggessi un paio di persone di cui mi fido me l'hanno bocciato, qui ...(continue)

    Questo libro mi aveva incuriosita in libreria e l'ho preso così su due piedi, a volte è bello anche seguire solo dall'istinto, (anche a rischio di grandi fregature). Poi prima che lo leggessi un paio di persone di cui mi fido me l'hanno bocciato, quindi l'ho iniziato un po' perplessa ma sempre attirata, e sono rimasta pienamente soddisfatta. Stupenda scrittura, stupendi personaggi.

    Is this helpful?

    Annette said on Aug 22, 2013 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    La lingua taglia più della spada

    Vorrei cominciare col dire che essere meraviglioso e raro é Katharina. Pura e semplice, laddove semplice é un giudizio positivo di valore, a tal punto che più di un uomo si innamora di lei, ma vagamente ingenua, anche se non al punto da non essere c ...(continue)

    Vorrei cominciare col dire che essere meraviglioso e raro é Katharina. Pura e semplice, laddove semplice é un giudizio positivo di valore, a tal punto che più di un uomo si innamora di lei, ma vagamente ingenua, anche se non al punto da non essere conseguente e reagire in misura per lei uguale e contraria all'azione contro di lei compiuta.
    Katharina é una domestica, ma non una domestica qualunque, una di quelle che nessuno si lascerebbe mai sfuggire, un po' rigida, forse, ma irrinunciabile; é precisa, pulita, affidabile, sincera. E irrimediabilmente sola, tanto che nei tristi pomeriggi invernali, per non farsi inghiottire dalla solitudine, si mette in macchina e si sfinisce di chilometri. Sola finché non incontra lui, Ludwig Gotten. E vediamo chi è lui.
    Lui é un ricercato dalla polizia, accusato di terribili misfatti. Ma per lei è solo l'uomo che lei aspettava da tutta la vita. Diverso da tutti quelli che la offendono volendo approfittarsi di lei, diverso da quella sotto umanità che la circonda e che da lei vuole solo incomprensibilmente una cosa.
    Torniamo al libro. La polizia cerca lui e arriva a lei e irrimediabilmente a lei arrivano anche i giornalisti. Parte il caso giornalistico-scandalistico che paradossalmente diventa più importante e soprattutto più vero dell'accaduto. E mai come ora il libro diventa di attualità. A chi non é capitato di leggere un giornale, anche non strettamente scandalistico, e avere la sensazione che quello che c'è scritto è ben di più di quello che è accaduto o senz'altro è ben diverso da quello che è accaduto? A chi non è mai capitato di provare rabbia e impotenza di fronte a certo giornalismo senza scrupoli? Chi non ha pensato almeno una volta che questo mestiere, anzi questa missione, così nobile e così preziosa e indispensabile sia spesso declinata in modo volgare e smaccatamente falso?
    La differenza tra noi e Katharina è questa: per Katharina il falso è semplicemente inaccettabile. Lei è una donna semplice, non dimentichiamolo, non ha strumenti raffinati di elaborazione della realtà, e quindi affronta la lettura delle pagine de "il Giornale" con l'indignazione e lo stupore di una bambina offesa, oltraggiata. E con questo spirito rivendicativo Katharina affronta il sordido giornalista totges, quello che l'ha diffamata per tutta la durata dell'inchiesta, che ha rovinato per sempre la sua reputazione, la sua vita, rendendogli la pariglia, rispondendo alla sua richiesta oltraggiosa di fare "bum-bum" facendolo lei bum bum, con una pistola e quattro proiettili.
    E qui il libro, la cui trama era già chiara dalle prime pagine, finisce. Lasciando un pacato senso di liberazione per la fine del giornalista e un sottile rammarico di non poter più avere a che fare con Katharina.

    Is this helpful?

    piperita patty said on Mar 19, 2013 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book