Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'ora prima dell'alba

By Michael Ondaatje

(104)

| Hardcover | 9788811684008

Like L'ora prima dell'alba ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

10 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Tre ragazzini in viaggio, da soli, nel meraviglioso mondo di un transatlantico che dalla natia Colombo li porterà in Inghilterra per diventare uomini. Un viaggio di tre settimane in cui i tre preadolescenti, diversissimi tra loro, si scambieranno pel ...(continue)

    Tre ragazzini in viaggio, da soli, nel meraviglioso mondo di un transatlantico che dalla natia Colombo li porterà in Inghilterra per diventare uomini. Un viaggio di tre settimane in cui i tre preadolescenti, diversissimi tra loro, si scambieranno pelle ed esperienze in un autentico rito di passaggio. Uno dei tre è la voce narrante del romanzo, quello che tesse la trama tra il passato del viaggio e il presente, rinnodando destini e ricordi, quello che prova nostalgia intravedendo i fili spezzati di futuri non avverati.
    Dolcissimo e bellissimo.

    Is this helpful?

    ombraluce said on Oct 11, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un ragazzino in viaggio da solo su un bastimento da Ceylon a Londra,la sua scoperta di un'umanità nuova, i suoi pensieri e le sue avventure.
    Un libro affascinante, anche perchè accompagnamo il protagonista con squarci sulla sua vita adulta e su quel ...(continue)

    Un ragazzino in viaggio da solo su un bastimento da Ceylon a Londra,la sua scoperta di un'umanità nuova, i suoi pensieri e le sue avventure.
    Un libro affascinante, anche perchè accompagnamo il protagonista con squarci sulla sua vita adulta e su quella di altri protagonisti.

    Is this helpful?

    AdrianaA said on Nov 6, 2012 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Una lettura che comincia con toni bassi, quasi tediosi, un ragazzo di undici anni viene imbarcato da Ceylon per raggiungere l'Inghilterra dove incontrerà la madre che non vede da quasi cinque anni, una traversata che durerà ventuno giorni sull' O ...(continue)

    Una lettura che comincia con toni bassi, quasi tediosi, un ragazzo di undici anni viene imbarcato da Ceylon per raggiungere l'Inghilterra dove incontrerà la madre che non vede da quasi cinque anni, una traversata che durerà ventuno giorni sull' Oronsay . Pian piano si tratteggiano i vari compagni di viaggio, le loro abitudini e come in un diario di bordo ogni episodio viene descritto con tale trasporto che a metà lettura si è come rapiti dalle storie intime infarcite dai flashback di Michael ragazzo e Michael adulto, non è un caso che l'autore abbia dato il suo nome al personaggio principale e che anche lui ad undici anni salpa da Colombo per raggiungere l'Inghilterra, ma L'ora prima dell'alba è una storia di fantasia, una storia che ha la capacità poetica di rendere reale l'idea di come col tempo le cose che si danno per scontate finiscono ad assumere dimensioni e pesi differenti, fino a svelare con malinconia cosa si nascondeva dietro a un prigioniero che veniva concessa l'ora d'aria prioprio l'ora prima dell'alba.

    "Cè una storia che è sempre avanti a noi. Una storia che quasi non esiste. Solo gradualmente ci attacchiamo a leie la nutriamo."

    Is this helpful?

    gracy said on May 23, 2012 | 1 feedback

  • 9 people find this helpful

    it is not down on any map; true places never are

    Michael Ondaatje nasce a Colombo nel 1943 e ha undici anni quando, nel 1954, affronta il viaggio con cui abbandona Ceylon per l’Inghilterra.
    L’incanto di quegli anni tropicali troverà sempre un modo per emergere nella sua narrativa, fino a cristalli ...(continue)

    Michael Ondaatje nasce a Colombo nel 1943 e ha undici anni quando, nel 1954, affronta il viaggio con cui abbandona Ceylon per l’Inghilterra.
    L’incanto di quegli anni tropicali troverà sempre un modo per emergere nella sua narrativa, fino a cristallizzarsi nel memoir dedicato alla propria bizzarra compagine familiare, ‘Aria di famiglia’. C’è sempre un indizio di India nella sua scrittura, e il tratto distintivo della sua giovinezza torna ancora una volta in questa sua ultima pubblicazione. Ecco perché è naturale per il lettore domandarsi quanto provocatorio l’autore voglia essere precisando che ‘pur assumendo a tratti le tinte e le ubicazioni del libro di memorie e dell’autobiografia, L’ora prima dell’alba è un’opera di fantasia’.
    Solo dopo svariati capitoli scopriamo che il nome dell’undicenne protagonista, passeggero per tre settimane sulla nave di linea Oronsay, è Michael. Al suo primo viaggio da solo, il ragazzo ha l’unica certezza del suo bagaglio: inconsapevole del microcosmo che la nave rappresenta, non è certo neanche di ciò (o di chi) lo aspetterà al suo arrivo a Tilbury. ‘Non erano tanto [...] le dimensioni del viaggio a preoccuparmi, quanto il dettaglio di come avrebbe fatto mia madre a sapere esattamente quando sarei arrivato in quell’altro paese. E se sarebbe davvero stata là.’.
    A bordo di una nave, il tavolo peggiore della sala da pranzo viene chiamato ‘il tavolo del gatto’ – nomignolo e titolo che purtroppo, con una scelta infelice, la Garzanti ha preferito non far apparire in copertina. Situato nel punto più distante dal Captain’s Table, il Cat’s table è la posizione meno privilegiata per un passeggero, ma la più interessante per un lettore e, di certo, la più stimolante per Michael. Circondato da una serie di personaggi stravaganti e misteriosi, il ragazzo riceverà da ognuno di loro un tipo di educazione molto diversa da quella tradizionale, arrivando così a condensare in ventuno giorni esperienze che impiegheranno venti anni per essere completamente comprese e accettate. Accanto a lui gli amici (e commensali) Cassius e Ramadhin, con i quali sperimenterà il terreno insolito fornito dall’Oronsay dove i genitori sonnecchiano nei ponti più inaccessibili, e l’occasione del proibito sembra offrirsi spudoratamente.
    Michael “Mynah” attraverserà così di volta in volta le tappe del passaggio dall’infanzia all’adolescenza, fino allo scioglimento finale. La costruzione stessa del romanzo ci permette, grazie ai vari flashback e flashforward, di avere una visione ampia della storia, ma mai completa. Ondaatje ha fatto un cavallo di battaglia della capacità di sfumare i contorni e i destini dei suoi personaggi, lasciando al lettore il potere di scegliere quali conclusioni immaginare. Ancora una volta, inoltre, l’autore decide di dare una valenza fortemente simbolica al paesaggio che fa da sfondo alla vicenda; se nel romanzo che gli valse il Booker Prize, Il paziente inglese, è il deserto a rappresentare l’aspirazione alla perdita dell’identità provata dai protagonisti, in L’ora prima dell’alba l’oceano diventa metafora di un carattere ancora in progress, di una vita completamente aperta ai cambiamenti suggeriti dal mare aperto.

    Intimo e disincantato, il punto di vista offerto dal tavolo del gatto ci permette di guardare con irriverenza tanto alla società europea, quanto alla borghesia ceylonese, fornendoci un approccio più fresco con cui ripensare alle ossessioni narrative di Ondaatje. Identità e memoria, realtà e immaginazione, passato e presente trovano a bordo della Oronsay una dimensione più leggera e limpida rispetto alle sue opere precedenti, ma non per questo meno significativa; lasciando a lettura terminata la stessa sensazione provata alla conclusione di un viaggio – stanchezza, rimpianto e un pizzico di riconoscenza.

    Is this helpful?

    Artemisia said on Apr 2, 2012 | 2 feedbacks

Book Details

  • Rating:
    (104)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 255 Pages
  • ISBN-10: 8811684005
  • ISBN-13: 9788811684008
  • Publisher: Garzanti
  • Publish date: 2012-01-19
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Margin notes of this book