Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Lord of the Flies

By William Golding

(13)

| Others | 9780399534065

Like Lord of the Flies ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1396 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    La cruda verità

    Se hai amato 1984 e Il mondo nuovo come me, allora non puoi non leggere Il signore delle mosche. Tutt'altra storia, altri luoghi, altro stile narrativo, ma sempre lo stesso lucido racconto di chi siamo e di cosa potremmo diventare. Di diverso, una sp ...(continue)

    Se hai amato 1984 e Il mondo nuovo come me, allora non puoi non leggere Il signore delle mosche. Tutt'altra storia, altri luoghi, altro stile narrativo, ma sempre lo stesso lucido racconto di chi siamo e di cosa potremmo diventare. Di diverso, una speranza per l'umanità. Da leggere da entrambe le parti, guardando la bottiglia mezza vuota (il rischio) e mezza piena (la speranza).

    Is this helpful?

    Cristina Cama said on Aug 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inizio col far rilevare che si tratta di un libro tutto al maschile e già questo non mi piace.
    Detto ciò, dopo un inizio niente male, con belle descrizioni naturalistiche, diventa estremamente ripetitivo e povero di argomenti: conchiglia, caccia, fuo ...(continue)

    Inizio col far rilevare che si tratta di un libro tutto al maschile e già questo non mi piace.
    Detto ciò, dopo un inizio niente male, con belle descrizioni naturalistiche, diventa estremamente ripetitivo e povero di argomenti: conchiglia, caccia, fuoco, paura della bestia; conchiglia, caccia, fuoco, paura della bestia: conchiglia, ca……
    Il tutto condito, sul finale, con un po’ di sana violenza.
    Il senso della storia comunque, che verte sulle deviazioni comportamentali che vengono a galla quando ci si deve arrangiare, è quanto di più scontato ci possa essere, è come sentir parlare di un’isola dei famosi versione blasonata.
    Con tutto quel che di stimolante c’è sulla piazza, questo testo viene fatto leggere ai ragazzi del liceo classico (forse per timore reverenziale verso un Nobel). Ora capisco molto bene il disamore nei confronti della lettura che alberga nelle nuove leve.

    Is this helpful?

    Abert said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro interessante dal punto di vista del pensiero dell autore, ovvero che ogni uomo nasce cattivo e solo le regole e la società possono fermare ( in parte ) la sua ferocia. Idea, che si va a scontrare con quella di Rosseau, nettamente opposta. Sono ...(continue)

    Libro interessante dal punto di vista del pensiero dell autore, ovvero che ogni uomo nasce cattivo e solo le regole e la società possono fermare ( in parte ) la sua ferocia. Idea, che si va a scontrare con quella di Rosseau, nettamente opposta. Sono d accordo con Golding ma il libro in se per se ( parlo della scrittura ) non mi ha colpito più di tanto. De gustibus, ma è un libro che a mio parere va letto almeno una volta nella vita.

    Is this helpful?

    La versione di Doc said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ah..l'età dell'innocenza..

    Se volete avere dei bambini, lavorare con dei bambini i più in generale avere a che fare loro evitate questo libro. O almeno evitate di restare soli con loro in un'isola deserta.
    Dopo aver visto una puntata di "Un pugno di libri" dedicata a questo ps ...(continue)

    Se volete avere dei bambini, lavorare con dei bambini i più in generale avere a che fare loro evitate questo libro. O almeno evitate di restare soli con loro in un'isola deserta.
    Dopo aver visto una puntata di "Un pugno di libri" dedicata a questo pseudo-classico ero rimasta molto incuriosita.
    Purtroppo la lettura mi ha soddisfatto solo a metà.
    I personaggi mi sono piaciuti molto ma avrei voluto approfondirli meglio, all'inizio mi sono sembrati troppo stereotipati in caratteri fissi e immutabili (il capo poco capace ma civile, il pensatore che nessuno considera, il cacciatore attivista..) ma poi ho capito che riferendosi a bambini ed adolescenti queste caratterizzazione nette sono più credibili e realistiche di quanto non sarebbero state se rapportate a personaggi adulti e alle loro personalità già sviluppate e sfaccettate.
    La storia è avvincente e l'idea mi piace molto, purtroppo mi è sembrata un po' frettolosa nello svolgimento. Di punto in bianco le cose precipitano, senza troppe spiegazioni, creando a mio avviso qualche forzatura.

    Is this helpful?

    Lauretta said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Certamente attuale nelle tematiche affrontate, la lettura mi è risultata "pesante". I personaggi sono troppo caricaturali e lo sviluppo narrativo è molto lento, forse perché mancano le indicazioni temporali.

    Il "lieto fine" stona un po' con la dire ...(continue)

    Certamente attuale nelle tematiche affrontate, la lettura mi è risultata "pesante". I personaggi sono troppo caricaturali e lo sviluppo narrativo è molto lento, forse perché mancano le indicazioni temporali.

    Il "lieto fine" stona un po' con la direzione scelta dall'autore nella trama.

    Is this helpful?

    CortoMaltese said on Aug 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I piccoli spinsero avanti Percival, poi lo lasciarono solo. Il bambino stava immerso fino alle ginocchia nell'erba centrale, si guardava i piedi nascosti, e si sforzava di fingere d'essere sotto una tenda. Ralph si ricordò d'un altro bambino piccolo ...(continue)

    I piccoli spinsero avanti Percival, poi lo lasciarono solo. Il bambino stava immerso fino alle ginocchia nell'erba centrale, si guardava i piedi nascosti, e si sforzava di fingere d'essere sotto una tenda. Ralph si ricordò d'un altro bambino piccolo proprio nello stesso atteggiamento, e scacciò via il ricordo. Quello era un pensiero che aveva bandito e soppresso, relegandolo in fondo alla coscienza, e solo una circostanza come questa poteva ricondurlo alla superficie. Non si era più fatto il conto dei piccoli, un po' perché non c'era nessun modo di assicurarsi che tutti rispondessero all'appello, e un po' perché Ralph sapeva la risposta ad almeno una delle domande fatte da Piggy sulla cima della montagna. C'erano dei bambini biondi, bruni, lentigginosi, e tutti erano sporchi, ma su nessuna faccia c'erano delle grosse macchie, e questo era terribile. Nessuno aveva più visto quella voglia di more (Una bestia dal mare).

    Is this helpful?

    pink_rose_72 said on Aug 10, 2014 | Add your feedback

Improve_data of this book