Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lord of the Flies

(Centenary Edition)

By

Publisher: Faber & Faber

4.0
(13543)

Language:English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , German , Chi simplified , French , Italian , Polish , Russian , Catalan , Swedish , Portuguese , Japanese , Greek , Galego , Czech , Farsi , Korean , Dutch , Estonian

Isbn-10: 0571273572 | Isbn-13: 9780571273577 | Publish date: 

Preface Stephen King

Also available as: Audio Cassette , Hardcover , Library Binding , School & Library Binding , Audio CD , Unbound , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Social Science , Teens

Do you like Lord of the Flies ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A plane crashes on a desert island and the only survivors, a group of schoolboys, assemble on the beach and wait to be rescued. By day they inhabit a land of bright fantastic birds and dark blue seas, but at night their dreams are haunted by the image of a terrifying beast. As the boys' delicate sense of order fades, so their childish dreams are transformed into something more primitive, and their behaviour starts to take on a murderous, savage significance.

With a new introduction by Stephen King.
Sorting by
  • 5

    La crudeltà

    Non esiste modo migliore di rappresentare la crudeltà del genere umano attraverso gli occhi di un ragazzino. L'infanzia, l'adolescenza, la maturità, attraversano tutte la stessa identica porta: quella della reale umanità, quella volta a constatare che le convenzioni sociali, le regole e le norme ...continue

    Non esiste modo migliore di rappresentare la crudeltà del genere umano attraverso gli occhi di un ragazzino. L'infanzia, l'adolescenza, la maturità, attraversano tutte la stessa identica porta: quella della reale umanità, quella volta a constatare che le convenzioni sociali, le regole e le norme non sono altro che ostacoli da superare per dare libero sfogo alla nostra vera natura, una natura istintiva e primordiale. Alla fine tutti cederemo.
    Un libro che lascia sgomenti e allo stesso tempo consapevoli.

    said on 

  • 1

    Non interessante...

    Niente di particolare, ho dovuto interrompere la lettura.
    Non mi ha suscitato interesse; ma forse non è il mio genere preferito di lettura....
    Saluti.
    Ginseng666

    said on 

  • 5

    Letto qualche anno dopo aver visto il bel film di Peter Brook.
    Gran bella storia scritta in crescendo angosciante. Nonostante sapessi già tutto mi ha catturato.
    Il film riesce decisamente meglio a rendere l'atmosfera, ma non so se perché visto prima di aver letto il romanzo.

    said on 

  • 4

    Il genere umano descritto con un atroce realismo

    Questo è un romanzo ambizioso, che giunge fino al nocciolo della natura umana e la sviscera di tutto il suo contenuto. È di un'atrocità disarmante ma, forse, l'aspetto più crudo è il realismo con cui è descritta tale atrocità. Mi ha ricordato molto il saggio di Bocchiaro "I fiori del male", in cu ...continue

    Questo è un romanzo ambizioso, che giunge fino al nocciolo della natura umana e la sviscera di tutto il suo contenuto. È di un'atrocità disarmante ma, forse, l'aspetto più crudo è il realismo con cui è descritta tale atrocità. Mi ha ricordato molto il saggio di Bocchiaro "I fiori del male", in cui viene esposto come, ogni essere umano, posto in determinati contesti, possa divenire un carnefice. Golding mostra come anche l'infanzia, da sempre vista come benevola, celi in realtà un aspetto malvagio e crudele, intrinseco in ogni uomo. Forse solo conoscendo i nostri limiti potremo migliorare il nostro essere. Forse.

    said on 

  • 5

    Un capolavoro dell'orrore puro che si annida sempre nell'essere umano.

    Un libro da leggere assolutamente. Un capolavoro il libro di Golding.
    Mi torna alla mente Cuore di tenebra di Conrad per alcune associazioni di idee riguardo Il signore delle mosche: l'orrore; l'orrore di guardare dentro se stessi in luoghi e condizioni disperate per la psiche umana.
    ...continue

    Un libro da leggere assolutamente. Un capolavoro il libro di Golding.
    Mi torna alla mente Cuore di tenebra di Conrad per alcune associazioni di idee riguardo Il signore delle mosche: l'orrore; l'orrore di guardare dentro se stessi in luoghi e condizioni disperate per la psiche umana.
    Guardare dentro di sè e scoprire l'abisso nero dell'istinto celato dentro ogni essere umano sotto forma animale, genere al quale dimentichiamo troppo spesso di appartenere.
    Questo reso ancora più evidente dall'età dei protagonisti: la loro verginità, il loro stupore, che ancora non li ha formati del tutto e li contraddistingue come semi-umani, selvaggi, ancora senza una vera morale e senso dell'etica.
    Il tutto porterà ad un'insano ritorno atavico della violenza tribale, al tributo di sangue, e alla paura del non reale.

    said on 

  • 5

    questo libro mette in discussione l'umanità intera ed i concetti di "corruzione" e "malvagità", inserendoli in un contesto puerile, fra i bambini, da sempre considerati l'innocenza per eccellenza. La visione che Golding ha dell'uomo, ovvero di un essere crudele per "natura", è ben evidente in que ...continue

    questo libro mette in discussione l'umanità intera ed i concetti di "corruzione" e "malvagità", inserendoli in un contesto puerile, fra i bambini, da sempre considerati l'innocenza per eccellenza. La visione che Golding ha dell'uomo, ovvero di un essere crudele per "natura", è ben evidente in queste pagine, che inevitabilmente porteranno il lettore a riflettere, anche non volendo, sull'unica, grande, scomoda verità : L'essere umano è corrotto da un qualcosa di oscuro, da una "Bestia" che " non si può cacciare nè uccidere". Io personalmente adoro questo libro fin dalle viscere, tornare a sfogliarlo è inevitabile.

    said on 

  • 2

    Il finale doveva esser questo : i soccorsi che arrivano quando ormai per i protagonisti non c'è più nulla da fare. Il contesto dell'isola e l'idea dei bambini lasciati a sè stessi erano molto interessanti, ma lo stile e il modo in cui son stati sviluppati non m'hanno convinto proprio . Deludente. ...continue

    Il finale doveva esser questo : i soccorsi che arrivano quando ormai per i protagonisti non c'è più nulla da fare. Il contesto dell'isola e l'idea dei bambini lasciati a sè stessi erano molto interessanti, ma lo stile e il modo in cui son stati sviluppati non m'hanno convinto proprio . Deludente..e poi tifavo per Simon, non può morirmi per primo, proprio no!

    said on 

  • 0

    Un aereo cade su un'isola deserta, ci sono alcuni superstiti che dovranno iniziare una nuova vita in un ambiente che consente di poter sopravvivere.
    Sembra la trama di Lost, leggendo lo strepitoso romanzo di Golding si scopre invece come la celebre serie televisiva di J.J. Abrams sia ispir ...continue

    Un aereo cade su un'isola deserta, ci sono alcuni superstiti che dovranno iniziare una nuova vita in un ambiente che consente di poter sopravvivere.
    Sembra la trama di Lost, leggendo lo strepitoso romanzo di Golding si scopre invece come la celebre serie televisiva di J.J. Abrams sia ispirata in larghissima parte a questo libro.

    I superstiti in questo caso sono dei bambini, l'emblema dell'innocenza e della mancata malizia. Loro stessi si trasformeranno però in dei mostri, mandando il messaggio di come l'indole umana sia irrimediabilmente portata alla crudeltà, al regredire fino a tornare ad essere degli animali, incapaci di stare in una società ordinata e "giusta", con delle leggi da rispettare al fine del benessere comune.

    La trama lineare e piuttosto semplice, appare banale soltanto agli occhi di chi non riesce a scavare più in fondo, notando i numerosi temi che risaltano attraverso gli eventi di questa tremenda storia che colpisce e si rende indelebile nelle menti di chi ha avuto la fortuna di poterla leggere con attenzione.

    Voto: 8,5/10

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    I bambini sono gli esseri innocenti per eccellenza. E’ la società che corrompe l’animo umano. Quante volte abbiamo sentito ripetere queste affermazioni o magari le abbiamo lette su libri e manuali? A me è capitato spesso, e di conseguenza di fronte al “signore delle mosche” qualche cosa è scattat ...continue

    I bambini sono gli esseri innocenti per eccellenza. E’ la società che corrompe l’animo umano. Quante volte abbiamo sentito ripetere queste affermazioni o magari le abbiamo lette su libri e manuali? A me è capitato spesso, e di conseguenza di fronte al “signore delle mosche” qualche cosa è scattata nel mio cervello. Di fatti Golding prende questi concetti e li rivolta. Costruisce una storia che ha per protagonisti solo bambini e ragazzi, e li mette in una situazione certamente difficoltosa ma dopotutto neanche troppo. L’isola pacifica che ospita la brigata di rifugiati dopotutto non è un ambiente così ostile, fornisce cibo e riparo a sufficienza e il loro compito principale è semplicemente quello di mantenere il fuoco accesso nella speranza di essere avvistati da qualche nave di passaggio. Anche se c’è un unica cosa che l’isola non può fornire. Delle regole precise per la convivenza pacifica. E purtroppo è proprio questo il punto di partenza che darà vita alla spirale di violenza che culminerà nelle ultime pagine del romanzo. L’animo umano è corrotto per natura, e senza dei principi da rispettare si sconfina nella brutalità dell’istinto puro. Ho trovato il “Signore delle Mosche” un libro davvero interessante soprattutto grazie alle riflessioni che fa sorgere in chi legge. Non credo che abbia granché in comune con romanzi utopistici quali “1984” oppure “Il Mondo Nuovo” per questo forse chi ci si approccia considerandolo tale può rimanere deluso.

    said on 

Sorting by
Sorting by