Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Los elefantes pueden recordar

By

Publisher: Editorial Molino

3.7
(810)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) English , Chi traditional , Italian , Chi simplified , German , French , Czech , Portuguese

Isbn-10: 8427202903 | Isbn-13: 9788427202900 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Hardcover , Others

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Los elefantes pueden recordar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Crime novelist Ariadne Oliver again turns to Hercule Poirot, this time to solve a case the police consider closed. Oliver’s interest in the murder-suicide of General and Lady Ravenscroft is more than academic: Celia Ravenscroft is her goddaughter. This is one of Poirot's most daunting cases – even he begins to doubt he can solve it – since the investigation relies on memories from years earlier.
Sorting by
  • 3

    Pochissime sorprese per un giallo dai toni dimessi (persino la strampalata Ariadne Oliver è sottotono e quasi malinconica!) e abbastanza prevedibile nella soluzione. Ci avviciniamo lentamente a 'Sipario', epilogo delle avventure di Poirot...

    said on 

  • 4

    " La gente dimentica. Non come gli elefanti . Gli elefanti , a quanto dicono. hanno un'ottima memoria. "

    "Poirot e la strage degli innocenti " mi aveva fatto sorgere il dubbio, questo libro invece me lo ha definitivamente confermato : Ariadne Oliver è l'alter ego di Aghata Christie. Proprio lei tirerà dentro l'investigatore belga in una caccia alla verità su di una coppia protagonista , a quanto si ...continue

    "Poirot e la strage degli innocenti " mi aveva fatto sorgere il dubbio, questo libro invece me lo ha definitivamente confermato : Ariadne Oliver è l'alter ego di Aghata Christie. Proprio lei tirerà dentro l'investigatore belga in una caccia alla verità su di una coppia protagonista , a quanto si dice, di un suicidio premeditato, avvenuto molti anni prima. Poirot e la scrittrice di gialli si immergeranno in una ricerca a ritroso nel tempo servendosi degli "elefanti", ovvero quelle persone che hanno un ottima memoria appunto come gli animali citati.
    Come sempre un bel libro (anche se x una volta , finalmente, sono riuscito a semi indovinare il finale).
    La Christie è una garanzia !

    said on 

  • 3

    Lettura scorrevole

    Una lettura scorrevole niente di più. Si intuisce già a metà racconto come si sono svolti i fatti, e sembra rifarsi ad un mondo distante da quello in cui i fatti si svolgono.

    said on 

  • 3

    Per fortuna gli uomini sanno dimenticare...

    Non all'altezza di altri grandi libri scritti da zia Agatha. La trama non è appassionante e anche il finale è facilmente intuibile. Poirot non è molto presente salvo,come sempre, arrivare verso la fine con le sue spiegazioni "da cellule grigie superiori" e risolvere il mistero. Da quanto ne so è ...continue

    Non all'altezza di altri grandi libri scritti da zia Agatha. La trama non è appassionante e anche il finale è facilmente intuibile. Poirot non è molto presente salvo,come sempre, arrivare verso la fine con le sue spiegazioni "da cellule grigie superiori" e risolvere il mistero. Da quanto ne so è l'ultimo romanzo scritto dalla Christie ad avere come protagonista Poirot e pur essendo carino non è di certo imperdibile. Per fortuna gli uomini sanno dimenticare...ma non solo gli elefanti hanno buona memoria... E quindi tutti i fan della Christie possono andare a rileggersi i suoi grandi capolavori!

    said on 

  • 4

    Non sto neanche a polemizzare sul fatto che la Christie, di intrecci, ne ha confezionati di migliori: aveva ben 82 anni quando scrisse questo gioiellino, cerchiamo di comprendere.
    Però se mi venite a dire che, almeno un pochino, non vi ha fatto commuovere, o riflettere su cosa siano i veri ...continue

    Non sto neanche a polemizzare sul fatto che la Christie, di intrecci, ne ha confezionati di migliori: aveva ben 82 anni quando scrisse questo gioiellino, cerchiamo di comprendere.
    Però se mi venite a dire che, almeno un pochino, non vi ha fatto commuovere, o riflettere su cosa siano i veri sentimenti, l'Amore in primis, allora vi debbo andare contro.
    E poi non trovate toccante questo fatto di voler esorcizzare, già con il titolo, "Gli elefanti hanno buona memoria", il peso incombente della vecchiaia che a quel tempo gravava su Agatha? Io sì...

    Di solito nei suoi libri cerco, quasi sempre, raffinatezza, classe, e un pizzico d'ironia british, che non guasta mai:
    ancora una volta, miei cari signori, Agatha non è riuscita a deludermi!

    said on