Los novios búlgaros

By

Publisher: Tusquets (Andanzas, 203)

3.3
(22)

Language: Español | Number of Pages: 240 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian

Isbn-10: 8472236994 | Isbn-13: 9788472236998 | Publish date:  | Edition 1

Category: Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Do you like Los novios búlgaros ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Esta desgarrada y conmovedora historia de amor arranca con esta contundente reflexión : «Era un caballero y tenía un novio búlgaro. Pero ahora me he quedado sin novio y dudo mucho de que siga siendo un caballero. Creo que soy una perdida». De la mano del bellísimo y pícaro búlgaro Kyril y gracias a las peripecias no siempre gratas ni muy legales en que éste embarca al caballero Daniel Vergara, vamos adentrándonos en ese mundo ignorado, ajeno a toda moral establecida, que, para muchos jóvenes inmigrantes de los países del Este, se inicia en España en el «chaperío» de la emblemática Puerta del Sol de Madrid.
Sorting by
  • 3

    Stando a ciò che racconta il libro, nei primi anni ‘90 a Madrid ci fu un’invasione di giovani uomini bulgari senza lavoro e senza permesso di soggiorno che per tirare avanti cercavano di guadagnarsi i ...continue

    Stando a ciò che racconta il libro, nei primi anni ‘90 a Madrid ci fu un’invasione di giovani uomini bulgari senza lavoro e senza permesso di soggiorno che per tirare avanti cercavano di guadagnarsi i favori delle affamate finocchie della capitale spagnola ciondolando per la Puerta del Sol.
    Belli i tempi in cui in ogni città c’erano luoghi in cui si andava per guardare e abbordare, se non per battere: le maledette chat hanno ucciso questo piacere per certi versi simile a quello del flâneur. Per non parlare dei soprannomi (scusate, nickname) che adesso non vanno oltre “Top Milano” o “Sex subito”. Orrore! Se nel libro i gay madrileni erano la Tremenda, la Perseguitata, la Mogambo o la Tiralinee, ricordo che anche noi in quegli anni non eravamo certo da meno. Tutti avevamo un nome d’arte che nasceva da una caratteristica fisica (la Bionda, la Butterata, la Bale – Balena per intero sarebbe stato oltremodo offensivo) o dalla professione (la Mini Parru, Jenny la Tennista, l’Armatrice e la Trice) oppure da hobbies ed inclinazioni personali (la Lady, la Centocreme, la Bambolina Voodoo, l’Enricchissima, la Carta d’identità e la Chicca Foundation). Sono nostalgico, è vero (e non riesco a scrivere un commento al romanzo senza andare fuori tema), ma anche in queste frivolezze penso che ci divertissimo tutti di più con tanta tecnologia in meno.

    said on 

  • 5

    Ironico, divertente ma molto amaro: chi sfrutta chi in un mondo che vede crollare il comunismo e i rapporti umani sembrano basarsi solo sullo sfruttamento reciproco?

    Tenerissimo il personaggio del ca ...continue

    Ironico, divertente ma molto amaro: chi sfrutta chi in un mondo che vede crollare il comunismo e i rapporti umani sembrano basarsi solo sullo sfruttamento reciproco?

    Tenerissimo il personaggio del caballero che racconta la storia.

    said on 

  • 3

    Una storia molto delicata, trattante il sempre scottante tema dell'omosessualità e non solo, ma poteva venirne fuori qualcosa di meglio: magari un romanzo più sentimentale e maggiormente incentrato su ...continue

    Una storia molto delicata, trattante il sempre scottante tema dell'omosessualità e non solo, ma poteva venirne fuori qualcosa di meglio: magari un romanzo più sentimentale e maggiormente incentrato sulla storia d'amore tra Kyril e Daniel.

    said on