Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lucky Man

A Memoir

By

Publisher: Hyperion

4.2
(247)

Language:English | Number of Pages: 260 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Italian , Spanish

Isbn-10: 0786867647 | Isbn-13: 9780786867646 | Publish date:  | Edition 1st

Also available as: Paperback , Audio Cassette , Audio CD , eBook , Others

Category: Biography

Do you like Lucky Man ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A funny, highly personal, gorgeously written account of what it’s like to be a 30-year-old man who is told he has an 80-year-old’s disease.

"Life is great. Sometimes, though, you just have to put up with a little more crap." --Michael J. Fox

In September 1998, Michael J. Fox stunned the world by announcing he had been diagnosed with Parkinson’s disease -- a degenerative neurological condition. In fact, he had been secretly fighting it for seven years. The worldwide response was staggering. Fortunately, he had accepted the diagnosis and by the time the public started grieving for him, he had stopped grieving for himself. Now, with the same passion, humor, and energy that Fox has invested in his dozens of performances over the last 18 years, he tells the story of his life, his career, and his campaign to find a cure for Parkinson’s.

Combining his trademark ironic sensibility and keen sense of the absurd, he recounts his life -- from his childhood in a small town in western Canada to his meteoric rise in film and television which made him a worldwide celebrity. Most importantly however, he writes of the last 10 years, during which -- with the unswerving support of his wife, family, and friends -- he has dealt with his illness. He talks about what Parkinson’s has given him: the chance to appreciate a wonderful life and career, and the opportunity to help search for a cure and spread public awareness of the disease. He is a very lucky man, indeed.

The Michael J. Fox Foundation

Michael J. Fox is donating the profits from his book to the Michael J. Fox Foundation for Parkinson’s Research, which is dedicated to fast-forwarding the cure for Parkinson’s disease. The Foundation will move aggressively to identify the most promising research and raise the funds to assure that a cure is found for the millions of people living with this disorder. The Foundation’s web site, MichaelJFox.org, carries the latest pertinent information about Parkinson’s disease, including:

--A detailed description of Parkinson’s disease
--How you can help find the cure
--Public Services Announcements that are aired on network and cable television stations across the country to increase awareness
--Upcoming related Parkinson’s disease events and meetings
--Updates on recent research and developments

Sorting by
  • 4

    La vita di un'icona degli anni '80

    Michael J. Fox, uno degli eroi della mia infanzia: qualsiasi bambino o ragazzino degli anni '80 avrà amato la saga di Ritorno al Futuro e la sit-com Casa Keaton in cui il giovane attore canadese era protagonista. La classica faccetta pulita da bravo ragazzo, pur avendo passato qualche periodo bui ...continue

    Michael J. Fox, uno degli eroi della mia infanzia: qualsiasi bambino o ragazzino degli anni '80 avrà amato la saga di Ritorno al Futuro e la sit-com Casa Keaton in cui il giovane attore canadese era protagonista. La classica faccetta pulita da bravo ragazzo, pur avendo passato qualche periodo buio, classico delle super star, da quello che traspare dai suoi racconti è (stato) veramente un bravo ragazzo.
    Gossippari state lontani da questa biografia se quello che cercate sono aneddoti sulla vita da star di Hollywood, sono proprio pochini; quello che troverete è la storia di come Michael J. Fox, bambino vivace e creativo, ha trovato la strada per il successo facendo quello che più gli piaceva e riusciva. Le sue sensazioni, i suoi sentimenti, il suo legame con gli affetti più cari ma soprattutto il suo rapporto con il morbo di Parkison, da cui ha scoperto di essere affetto in giovane età: queste sono le cose che, ancora, troverete tra queste pagine.
    Biografia toccante ma che non scade nel vittimismo, anzi ha nell'auto-ironia un suo punto di forza.

    said on 

  • 4

    "Ritorno al futuro" è uno dei miei primissimi ricordi cinematografici: avrò avuto 4 o 5 anni quando lo vidi per la prima volta, e il simpatico volto del protagonista Michael J. Fox entrò a far parte della mia vita, come di quella di tanti altri fan. Non averlo più visto in film di successo ogni t ...continue

    "Ritorno al futuro" è uno dei miei primissimi ricordi cinematografici: avrò avuto 4 o 5 anni quando lo vidi per la prima volta, e il simpatico volto del protagonista Michael J. Fox entrò a far parte della mia vita, come di quella di tanti altri fan. Non averlo più visto in film di successo ogni tanto mi faceva chiedere che fine avesse fatto, ma ho saputo della sua malattia, il Parkinson a insorgenza precoce (non aveva neanche 30 anni quando gli fu diagnosticato) solo di recente, quando ho scoperto l'esistenza di questa sua bellissima biografia, divertente e scorrevole anche per chi non ama il genere biografico o non si interessa particolarmente di cinema.
    Da queste pagine traspare infatti una persona semplice, intelligente e autoironica, che considera la sua malattia un dono, rendendosi conto di come lo abbia salvato dalla china su cui stava scivolando in compagnia di tante altre star Hollywoodiane (penso al compianto Robin Williams). L'aver compreso questo, e non l'essere diventato un attore ricco e famoso, è ciò che fa di lui un uomo davvero fortunato. Leggetelo!

    said on 

  • 4

    "Non ho potuto fermarmi finché non mi è stato - letteralmente - impossibile rimanere fermo.!

    Autobiografia dell'indimenticabile interprete di Marty McFly di Ritorno al futuro. All'apice del suo incredibile successo, pieno di ammiratori, ricchissimo, proprietario di un parco macchine di lusso, M.J., a soli 29 anni, scopre di avere il morbo di Parkinson e da allora la sua vita cambia. Ques ...continue

    Autobiografia dell'indimenticabile interprete di Marty McFly di Ritorno al futuro. All'apice del suo incredibile successo, pieno di ammiratori, ricchissimo, proprietario di un parco macchine di lusso, M.J., a soli 29 anni, scopre di avere il morbo di Parkinson e da allora la sua vita cambia. Questo libro racconta il doloroso e difficile percorso che M.J.intraprende per arrivare, non più a negare anche a se stesso la sua malattia, ma ad accettarla come il prezzo da pagare per tutto quello che di meraviglioso ha avuto dalla vita, e a considerarsi, malgrado il Parkinson, un uomo molto fortunato. Leggetelo, è bellissimo!!

    said on 

  • 5

    C'è un albero che cresce a Burnaby...

    Una delle autobiografie più belle, ironiche, divertenti, commoventi, nostalgiche e cariche di forza che io abbia mai letto.
    Consigliata.

    said on 

  • 4

    La vita di un attore cambiata alla scoperta di una malattia terribile e invalidante. Mi ha attirato sicuramente la notorietà dell'attore e il fatto aver apprezzato molto alcuni suoi film. Il libro si legge bene è piacevole e ti trasporta nel mondo della malattia di come può cambiare la vita. Inse ...continue

    La vita di un attore cambiata alla scoperta di una malattia terribile e invalidante. Mi ha attirato sicuramente la notorietà dell'attore e il fatto aver apprezzato molto alcuni suoi film. Il libro si legge bene è piacevole e ti trasporta nel mondo della malattia di come può cambiare la vita. Insegna anche a non arrendersi e a combattere di fronte alla malattia.

    said on 

  • 3

    Ho iniziato a leggere questo libro per capire come questo attore aveva affrontato il dramma del Parkinson in giovane età, invece mi sono trovata a leggere una biografia che racconta la storia cinematografica di Michael J. Fox.

    said on 

  • 4

    mai banale

    bello, mai banale, la vita di Michael J.Fox, divenuto famoso con "ritorno al futuro" e che ha contratto il Parkinson a 30 anni. Le autobiografie mi sono sempre piaciute, in questo caso le storie hollywoodiane si intrecciano con la lotta alla malattia

    said on 

  • 4

    Interessante la parte sulla lotta contro il Parkinson, forse poteva trattarlo di più, l'argomento morbo. Però, forse, in quel caso, sarebbe diventato un libro medico e boh.
    Forse a 'sto punto è meglio così, coi racconti anche dei suoi esordi a Hollywood.

    Diciamo che, come autobiograf ...continue

    Interessante la parte sulla lotta contro il Parkinson, forse poteva trattarlo di più, l'argomento morbo. Però, forse, in quel caso, sarebbe diventato un libro medico e boh.
    Forse a 'sto punto è meglio così, coi racconti anche dei suoi esordi a Hollywood.

    Diciamo che, come autobiografia, quella di Agassi è dieci volte più appassionante (momento momento momento momento: se non ho capito male quella di Agassi è stata messa giù da uno che scrive di mestiere, mentre questa, sempre se non ho capito male, l'ha scritta Michael J. di suo pugno quindi un merito in più per lui) però Michael J. Fox è Marty McFly, cribbio!

    said on 

Sorting by