Luftslottet som sprengtes

By

Publisher: Gyldendal

4.2
(15518)

Language: Norsk | Number of Pages: | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Swedish , French , German , Italian , Spanish , English , Catalan , Danish , Dutch , Portuguese , Finnish , Chi traditional , Polish , Hungarian , Czech , Japanese , Greek

Isbn-10: 8205347042 | Isbn-13: 9788205347045 | Publish date: 

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Luftslottet som sprengtes ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Kritikerroste Stieg Larssons tredje kriminalroman om Lisbeth Salander og Mikael Blomkvist To personer tas inn for øyeblikkelig hjelp på akuttmottaket på Sahlgrenska sjukhuset i Göteborg. Den ene er Lisbeth Salander, som er etterlyst mistenkt for dobbeltmord. Hun har en livstruende skuddskade i hodet og må opereres umiddelbart. Den andre heter Alexander Zalachenko, og det er Salander som har gått løs på ham med øks. Luftslottet som sprengtes starter der Jenta som lekte med ilden slutter. Lisbeth Salander har overlevd å bli levende begravd, men problemene hennes er langt fra over. Zalachenko er tidligere yrkesmorder i den sovjetiske etterretningstjenesten. Han er dessuten Salanders far, og han har prøvd å ta livet av henne. Sterke krefter vil nå uskadeliggjøre henne en gang for alle. Samtidig graver Michael Blomkvist i tidsskriftet Millennium i Salanders skjulte fortid. Luftslottet som sprengtes er den tredje i en serie på tre kriminalromaner om Mikael Blomkvist og Lisbeth Salander. Gyldendal har tidligere utgitt Menn som hater kvinner (2006) og Jenta som lekte med ilden (2007). Terningkast 6 (Berit Kobro, VG) « Det helt usedvanlig sterkt og drivende spennende verk, kanskje noe av det beste som er skrevet på mange år innen nordisk krim. » (Turid Larsen, Dagsavisen)
Sorting by
  • 1

    857 pag

    non mi è piaciuto come non mi sono piaciuti, a suo tempo, gli altri due. ogni volta mi sono sentita dire che "il prossimo è meglio", ma per quanto mi riguarda ho un ricordo decente solo del pr ...continue

    857 pag

    non mi è piaciuto come non mi sono piaciuti, a suo tempo, gli altri due. ogni volta mi sono sentita dire che "il prossimo è meglio", ma per quanto mi riguarda ho un ricordo decente solo del primo.
    il personaggio più interessante è lisbeth che nel terzo compare molto, ma tra ospedale e prigione ha un raggio d'azione molto limitato (se non verso il finale)
    l'autore infila personaggi e nomi per tutta la durata del romanzo, personaggi che, per la maggior parte spariranno entro le due pagine successive. tutto questo appesantisce la storia e la rallenta.
    ci sono un mucchio di ricerche (le fanno lisbeth, mikael, i poliziotti, gli altri giornalisti...), ma poco "movimento".
    per ovviare l'autore ci infila altre storie traverse come lo stalker di erika oppure il suo trasferimento lavorativo, ma mi sembra abbiano poco senso e che siano messe lì acaso per fare volume.
    non mi spiego il successo di un libro (e di una trilogia) che ha un solo grande punto di forza: lisbeth, che viene però "schiacciata" da altri personaggi e da storie meno importanti

    said on 

  • 5

    null

    Paradossalmente mi sono piaciuti più il secondo e il terzo del primo. Forse perché ho imparato a conoscere i personaggi. Forse perché la trama dell'affaire Vanger era meno interessante dell'affaire Za ...continue

    Paradossalmente mi sono piaciuti più il secondo e il terzo del primo. Forse perché ho imparato a conoscere i personaggi. Forse perché la trama dell'affaire Vanger era meno interessante dell'affaire Zalachenko. Cinque stelle anche per questo. Che peccato la morte precoce dell'autore. Ha saputo creare dei personaggi "vivi" che mi mancheranno nei prossimi giorni.

    said on 

  • 4

    Una tenera vendetta quella di Lisabeth Salander...maturata in più di vent'anni di vita e finalmente, accettando l'aiuto di chi prova una profonda stima per lei, riesce a compiere il verdetto finale ve ...continue

    Una tenera vendetta quella di Lisabeth Salander...maturata in più di vent'anni di vita e finalmente, accettando l'aiuto di chi prova una profonda stima per lei, riesce a compiere il verdetto finale verso tutti coloro che hanno cercato di distruggerla. Lisabeth è una tipa meravigliosa, con un grande potere, tosta e spietata ma con dei principi quasi sempre giusti. L'ho amata fin dal prima libro e per chi non ha ancora letto la trilogia, ve la consiglio!!

    said on 

  • 3

    Trilogia di Millennium. La penna da battitore di Larsonn è ormai sulle tracce della conclusione. Sfugge alla retorica del giallo, si rifugia nella complessità delle informazioni, senza mai perdersi. È ...continue

    Trilogia di Millennium. La penna da battitore di Larsonn è ormai sulle tracce della conclusione. Sfugge alla retorica del giallo, si rifugia nella complessità delle informazioni, senza mai perdersi. È questa innata capacità di ricalcolare migliaia di dati, che poi diventano storia, a rendere Larsonn, alla pari di Ellroy, uno scrittore diverso dai suoi simili. Ci sono poi Lisbeth Salander, Mikael Blomqvist, la Svezia degli scandali politici, un intreccio pieno di sgommate. Manca qualche incidente si, la strada é forse poco trafficata, ma che importa, il ritmo é cocente e Millennium finalmente è anche godere di un finale tutto in discesa, dove non si lesinano all'occorrenza sorpassi proibiti.

    said on 

  • 3

    Ultimo capitolo della trilogia Millennium.
    Un po' una delusione paragonato al primo che ho apprezzato decisamente di più.
    La caratterizzazione dei personaggi è ottima ed anche la trama è intrigante e ...continue

    Ultimo capitolo della trilogia Millennium.
    Un po' una delusione paragonato al primo che ho apprezzato decisamente di più.
    La caratterizzazione dei personaggi è ottima ed anche la trama è intrigante e ben studiata ma trovo che Larsson si dilunghi eccessivamente su discorsi tecnici che se non si conosce la materia si fatica a comprendere e sia anche alquanto ripetitivo su diversi punti.
    Insomma, il potenziale c'è, ma credo avrebbe potuto far meglio dimezzando le pagine.
    Mi aspettavo anche un approfondimento sulla sorella di Lisbeth, la protagonista, ottimo personaggio, che purtroppo sarebbe potuto essere interessante ma non c'è stato.
    Ad ogni modo una bella trilogia, che purtroppo si perde un po' nel finale.

    said on 

  • 5

    這個系列都是不小心一口氣讀到早上,讀完這個系列的最後一本書感覺有點傷感,尤其是作者早已過世。

    非常值得收藏的一套系列。

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    http://www.scaffalivirtuali.altervista.org

    Avevo letto il primo volume della trilogia, uno splendido mattone di oltre 600 pagine e non molto tempo dopo avevo letto il secondo volume, bellissimo, di oltre 700 pagine. Adesso che ho letto questo, ...continue

    Avevo letto il primo volume della trilogia, uno splendido mattone di oltre 600 pagine e non molto tempo dopo avevo letto il secondo volume, bellissimo, di oltre 700 pagine. Adesso che ho letto questo, terzo ed ultimo volume, mi chiedo come abbia potuto fare passare così tanto tempo per decidermi a prenderlo dallo scaffale in cui si trovava. Anche in questo volume i protagonisti principali sono Mikael, reporter della rivista "Millennium" e Lisbeth, hacker abilissima con qualche problema di socializzazione. Ma vi è tutto un gruppo di personaggi, molti dei quali già visti nei due precedenti volumi, che sono degli splendidi coprotagonisti. Ci sono anche personaggi nuovi, molti, e forse questo da un certo punto di vista può essere considerato un punto debole, perché si rischia di perdere il conto, ma la storia è eccezionale, come sempre. La Säpo, servizi segreti svedesi, sta cercando di rendere inoffensiva Lisbeth, in quanto sa troppe cose riguardo Alexander Zalachenko, suo padre, che in un paio di occasioni ha provato ad uccidere. La ragazza rischia di morire e l'ospedale diventa la sua prigione in vista del processo verso cui lo portano i tanti capi di accusa che gli vengono elevati. Mikael fiuta il servizio di grande successo contro la Säpo per ottenere la liberazione di Lisbeth e le vicende che i protagonisti vivono coinvolgono il lettore fino all'ultima pagina che mette la parola fine a una trilogia meravigliosa dalla prima all'ultima pagina.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    http://www.scaffalivirtuali.altervista.org

    Avevo letto il primo volume della trilogia, uno splendido mattone di oltre 600 pagine e non molto tempo dopo avevo letto il secondo volume, bellissimo, di oltre 700 pagine. Adesso che ho letto questo, ...continue

    Avevo letto il primo volume della trilogia, uno splendido mattone di oltre 600 pagine e non molto tempo dopo avevo letto il secondo volume, bellissimo, di oltre 700 pagine. Adesso che ho letto questo, terzo ed ultimo volume, mi chiedo come abbia potuto fare passare così tanto tempo per decidermi a prenderlo dallo scaffale in cui si trovava. Anche in questo volume i protagonisti principali sono Mikael, reporter della rivista "Millennium" e Lisbeth, hacker abilissima con qualche problema di socializzazione. Ma vi è tutto un gruppo di personaggi, molti dei quali già visti nei due precedenti volumi, che sono degli splendidi coprotagonisti. Ci sono anche personaggi nuovi, molti, e forse questo da un certo punto di vista può essere considerato un punto debole, perché si rischia di perdere il conto, ma la storia è eccezionale, come sempre. La Säpo, servizi segreti svedesi, sta cercando di rendere inoffensiva Lisbeth, in quanto sa troppe cose riguardo Alexander Zalachenko, suo padre, che in un paio di occasioni ha provato ad uccidere. La ragazza rischia di morire e l'ospedale diventa la sua prigione in vista del processo verso cui lo portano i tanti capi di accusa che gli vengono elevati. Mikael fiuta il servizio di grande successo contro la Säpo per ottenere la liberazione di Lisbeth e le vicende che i protagonisti vivono coinvolgono il lettore fino all'ultima pagina che mette la parola fine a una trilogia meravigliosa dalla prima all'ultima pagina.

    said on 

Sorting by
Sorting by