Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Luisito

Una storia d'amore

Di

Editore: Rizzoli

3.5
(515)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8817021113 | Isbn-13: 9788817021111 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1ª ed.

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , eBook

Genere: Fiction & Literature , Pets , Romance

Ti piace Luisito?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una storia d'amore tenera e insolita: solo i sentimenti intensi e ricambiati, anche per un animale, possono ridare colore a un'esistenza troppo spesso arida e grigia.
Ordina per
  • 4

    Un libro grazioso, scorrevole. Ho adorato Anselma, Luisito e anche la "vera" Luisita. Dopo aver letto "va dove ti porta il cuore" circa sedici anni fa (un'altra vita, un altro periodo emotivo) non avevo letto più nulla della Tamaro. Poi ho colto il suggerimento per questo libro e non mi sono affa ...continua

    Un libro grazioso, scorrevole. Ho adorato Anselma, Luisito e anche la "vera" Luisita. Dopo aver letto "va dove ti porta il cuore" circa sedici anni fa (un'altra vita, un altro periodo emotivo) non avevo letto più nulla della Tamaro. Poi ho colto il suggerimento per questo libro e non mi sono affatto pentita.

    ha scritto il 

  • 4

    LUISITO

    Dalla penna di Susanna Tamaro, nota scrittrice italiana, nasce questa favola toccante e delicata ispirata ad un fatto di cronaca vera: ad una coppia di anziani, fu sequestrato, nel rispetto delle leggi sugli animali esotici, il pappagallo che viveva con loro da oltre quarant’anni, con quale straz ...continua

    Dalla penna di Susanna Tamaro, nota scrittrice italiana, nasce questa favola toccante e delicata ispirata ad un fatto di cronaca vera: ad una coppia di anziani, fu sequestrato, nel rispetto delle leggi sugli animali esotici, il pappagallo che viveva con loro da oltre quarant’anni, con quale strazio è possibile immaginare.
    La storia di Anselma, anziana maestra in pensione, vedova e con figli distratti, con tanto poco affetto a colmare la sua solitudine, inizia con il ritrovamento in un cassonetto di un pappagallo abbandonato e gettato tra i rifiuti. D’istinto lo prende e lo porta a casa. Ed è subito amore, un amore che porta nel suo cuore un arcobaleno di colori e di vitalità che sciolgono il gelo che vi albergava da troppo tempo. Anselma in un riaffiorare di ricordi belli e brutti,riesce ora a ripercorrere e ad analizzare tutta la sua vita ritrovandone il gusto in una scambio di comunicazione e sollecitudini con la dolce bestiolina.
    A cominciare dai ricordi della cara amica dell’adolescenza, la riflessiva Luisita ( e Luisito sarà il nome che darà al pappagallo in ricordo di questa amicizia, nome che poi per uno strano scherzo del destino dovrà mutare in Luisita, in quanto scoprirà che il pappagallo ha fatto l’uovo e quindi è una femmina) e dei loro discorsi su un mondo che credevano pieno di aspettative e poesia . Lo scorrere dell’esistenza deluderà i loro sogni e i loro entusiasmi.
    Anselma vivrà uno sconfortante matrimonio, accanto ad un uomo incapace di darle affetto e sostegno, un uomo che annienterà ogni sua fantasia. Vivrà una maternità che avrà la sue gioie solo nei primi anni di vita dei suoi figli che ora sono lontani, superficiali, poco attenti ai bisogni ed al conforto della propria madre. Anche la sua vita lavorativa, nonostante tutto il suo impegno e il legame con tanti dei suoi scolari, avrà un finale fallimentare: una sua reazione nei confronti di un alunno che osò insultarla pesantemente, non trovò solidarietà in un mondo di maleducazione dilagante costringendola ad un prepensionamento forzato e quasi imposto.
    La vita grigia e anonima di Anselma incontra quindi questo dono inaspettato. L’arrivo di Luisito nella sua esistenza le ridà la voglia e l’entusiasmo, tanto da indurla ad organizzare una festa a casa sua richiamando accanto a sé tutte le colleghe che le erano state vicine e l’avevano sostenuta, le quali accorrono numerose a fare la conoscenza di Luisito e a gioire per la nuova coppia di amici. Il sole entra finalmente nella casa di Anselma finchè, il solito vicino di casa antipatico ed intollerante ( un vero orco delle fiabe) porrà fine a quel sodalizio di vitalità. Anselma combatterà strenuamente per salvare il suo nuovo amico e se stessa fino ad un finale dolce e garbato,in cui sarà difficile distinguere i contorni del sogno e della realtà.
    Scritto in maniera ineccepibile, semplice nel linguaggio e nello stile, poetico ma nel contempo realistico per i tanti temi sociali che sfiora lasciandoci tanti suggerimenti da approfondire, “Luisito” ci comunica, attraverso questa bellissima relazione, tutta l’importanza delle piccole cose che fanno grande la vita, come i sorrisi e le carezze che accompagnano la multiforme magia dell’amore.

    ha scritto il 

  • 4

    Sulle ali dell'amore

    Molto bello questo racconto che descrive l'espiazione di una donna e delle sue mancanze verso se stessa e gli altri. Un libro che mette a nudo l'ipocrisia vecchio stampo, qui l'autrice ci descrive una donna che abbraccia l'amore e fa di tutto per preservarlo e tutelarlo dalla cattiveria e l'incom ...continua

    Molto bello questo racconto che descrive l'espiazione di una donna e delle sue mancanze verso se stessa e gli altri. Un libro che mette a nudo l'ipocrisia vecchio stampo, qui l'autrice ci descrive una donna che abbraccia l'amore e fa di tutto per preservarlo e tutelarlo dalla cattiveria e l'incomprensione altrui.Una donna che ci insegna ad accogliere quanto ci viene regalato dalla vita.

    ha scritto il 

  • 3

    una favola molto carina (e non l'avrei mai detto). io sarò Anselma, tra qualche anno. sono convinta che la penserò esattamente come lei e mi circonderò di bestioline perchè il resto del mondo non mi capisce

    ha scritto il 

  • 0

    Che cosa può cambiare all'improvviso una vita? Quale emozione o sentimento può risvegliare una persona spenta che sopravvive in una triste quotidianità? Sicuramente l'amore. Questo è il messaggio che Susanna Tamaro vuole comunicare in questa favola che è racchiusa nelle pagine del suo ultimo libr ...continua

    Che cosa può cambiare all'improvviso una vita? Quale emozione o sentimento può risvegliare una persona spenta che sopravvive in una triste quotidianità? Sicuramente l'amore. Questo è il messaggio che Susanna Tamaro vuole comunicare in questa favola che è racchiusa nelle pagine del suo ultimo libro.
    L'amore nasce se esiste un oggetto da amare che sa rispondere ai nostri sentimenti. E Luisito, il pappagallo salvato da Anselma dal cassonetto in una notte estiva, è davvero in grado di farlo.
    Tutti i pappagalli hanno una grande capacità di comunicare e di richiedere la compagnia di chi li accudisce. Non solo perché, cosa che lascia senpre stupiti, hanno l'uso della parola, ma perché hanno comportamenti molto affettuosi e pieni di sollecitazioni.
    Anselma così ritrova quella voglia di vivere che un matrimonio (ora è vedova finalmente, lei dice) con un uomo senza fantasia e senza capacità d'amore le aveva anno dopo anno, tolto. Anche la maternità, tranne i primissimi anni, non le aveva dato grandi gioie: due figli egoisti, superficiali, che non le trasmettevano né affetto né attenzione.
    Anche la professione l'aveva delusa. Aveva fatto per tanti anni la maestra elementare, molti bambini le avevano voluto bene, ma la cattiva educazione dilagante aveva portato un ragazzino ad insultarla pesantemente e lei aveva reagito: nessuna solidarietà da parte del suo direttore e una richiesta di pensionamento quasi imposta.Così una vita che sentiva inutile, neppure confortata dai ricordi, era trascorsa per lungo tempo senza che quasi se ne accorgesse: questo fino a che non aveva trovato in quel cassonetto, dono inaspettato, Luisito. A quel punto tanti ricordi erano improvvisamente riemersi e il nome stesso che aveva dato al nuovo amico pennuto corrispondeva a quello della sua grande amica d'infanzia con cui aveva condiviso allegria e momenti di riflessione.
    In quella rinnovata vitalità, Anselma pensa di riconvocare le colleghe che un tempo le erano state vicine e fare una festa per presentare loro la sua nuova fonte di gioia.

    Tutto sembra andare per il meglio, ma il classico vicino di casa odioso (l'antagonista delle fiabe), rovina quell'armonia e quel nuovo ménage.
    Saltando i particolari (qualche sorpresa va lasciata al lettore) vorrei solo dire che il successivo comportamento di Luisito/a (si scoprirà che è una femmina) è assolutamente normale nei pappagalli.
    Sicuramente l'autrice ha studiato le abitudini e gli atteggiamenti di questi animali, il loro modo di rispondere e di richiedere attenzione e ciò che la Tamaro scrive può sembrare irreale solo a chi non sappia che è vitale per loro la compagnia e l'affetto.
    Una fiaba dolce il cui finale non si riesce bene a capire se è reale o lo è, ma solo nella mente di protagonista. Un messaggio esplicito: è solo l'amore nelle sue diverse forme che ci fa vivere, l'egoismo invece uccide.

    ha scritto il 

Ordina per