L'ultima favola russa

Voto medio di 77
| 19 contributi totali di cui 7 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 7 note , 0 video
È con una verve straordinaria, e con un punto di vista originalissimo, che Francis Spufford racconta la storia dell’Unione Sovietica tra gli anni Cinquanta e Sessanta.
AdrianaT.
Ha scritto il 04/01/18
Anime russe - una preistoria della Perestrojka
"La notte sta scivolando verso quello sconsolato momento di minimo in cui per le strade deserte svolazzano solo i fogli di giornale adoperati per incartare il pesce, e ogni desiderio umano sembra vano." Pezzi di vita e di persone, alla "Anime baltich...Continua
Massimo Molteni
Ha scritto il 03/01/18
Una favola che fa paura ai grandi più che ai bambini
L'ultima favola russa racconta l'epopea del germinale che sorge e abbatte l'oscurantismo dei secoli bui. Ma il germinale del 1800 non è il comunismo. Come si capisce molto bene in questo splendido libro il fiore malato è quello di un materialismo fin...Continua
...
Ha scritto il 24/04/14
E dire che io, di solito, mi innamoro proprio dei libri strani, di quelli nè carne nè pesce, metà esperimento e metà colpo di genio, "oggetti narrativi" li chiama qualcuno più colto di me, a volte, per far bella figura. Bene, questo oggetto narrativo...Continua
Caffefondente
Ha scritto il 24/01/14
Favole o drammi?
La verve, la precisione e lo stile non bastano a soddisfare il lettore che vive le favole come sogni da realizzare, specie se dal racconto traspare, nonostante l'autocontrollo politicamente corretto dell'Autore, una fregola di morale del tipo "non po...Continua
Nahui69
Ha scritto il 07/11/13
Con gli studi effettuati ed il materiale raccolto per questo libro Spufford avrebbe sicuramente potuto scrivere un saggio di buon livello sulla storia politica , sociale ed economica dell'Unione Sovietica negli anni '50 e '60. Ma io non ce l' avrei...Continua

AdrianaT.
Ha scritto il Jan 04, 2018, 12:50
Uno dei grandi misteri storici del secolo scorso dovrebbe essere il perché i riformatori sovietici degli anni Ottanta non abbiano nemmeno preso in considerazione l'ipotesi di seguire la pragmatica via cinese, ossia quella di smantellare la struttura...Continua
Pag. 457
Massimo Molteni
Ha scritto il Jan 03, 2018, 22:11
C’era stato un caso , l’inverno precedente , in cui alcuni ragazzi russi di un dormitorio avevano deciso che sarebbe stato divertente chiudere fuori gli ebrei al gelo della notte . Avevano anche esposto un cartello scritto a mano che diceva : UN POLL...Continua
Massimo Molteni
Ha scritto il Jan 03, 2018, 22:10
Un gruppo di cibernetici dell’Armata Rossa proponeva una rete per lo scambio di dati a livello dell’intera Unione , che potesse essere usata tanto dai militari quanto dalla popolazione civile . . . Spufford, Francis. L'ultima favola russa (Italian E...Continua
Massimo Molteni
Ha scritto il Jan 03, 2018, 22:10
« E sta ’ zitto » l’interruppe l’amico , « prima che mi dimentichi cosa sto cercando di suonare . Blue in Green , di Mr Miles Davis » . 28 Fece cenno col capo verso di lei . « Roba che mi piace » . Si portò lo strumento alla bocca e cominciò a suonar...Continua
Massimo Molteni
Ha scritto il Jan 03, 2018, 22:09
Qui non c’erano cittadini pronti a sostenere in massa che la loro felicità era già incarnata in questa o quella decisione politica . Qui sembrava che le persone provassero davvero ad aggiungere le proprie aspettative alla gigantesca torre dei desider...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Lorenzo il Russo
Ha scritto il Sep 29, 2015, 21:42
《Un programmatore 》intonarono in coro 《deve coniugare la meticolosità di un bancario con l'intuito di un indiano a caccia di traccie, aggiungendo inoltre l'immaginazione dello scrittore di gialli e il pragmatismo dell'uomo di affari》.
Pag. 195
Lorenzo il Russo
Ha scritto il Sep 29, 2015, 21:36
[...] Quando i furgoni carichi arrivavano con tale frequenza che a volte lo scolo del pavimento del corridoio sotterraneo si intasava e qualche tapino doveva pescarci dentro per estrarre la carne ridotta in poltiglia, i frammenti d'ossa, le ciocche d...Continua
Pag. 161
Lorenzo il Russo
Ha scritto il Sep 26, 2015, 08:01
Roger Taylor parlava del prezzo delle merci come se fosse l'unico aspetto da prendere in considerazione, e a lei quel concetto non entrava in testa. [...] Lei viveva ancora in un paese dove era necessario pagare con la noia e l'imbarazzo la vita che...Continua
Pag. 70
Lorenzo il Russo
Ha scritto il Sep 25, 2015, 22:33
《Se vuoi davvero arrivare a destinazione, è importante dimostrare che non sei soltanto un passeggero》.
Pag. 58
Lorenzo il Russo
Ha scritto il Sep 25, 2015, 07:26
Che fosse o meno un ospite gradito, la forza e la capacità dello stato sovietico li aveva obbligati a lasciarlo entrare. Pensa! Quanti minatori avevano scavato nella terra ostinata, quanti operai dei cantieri ferroviari si sono soffiato sulle mani in...Continua
Pag. 49

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi