Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Luna di miele intorno al mondo

Di

Editore: Il Saggiatore (Nuovi saggi)

3.6
(79)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 307 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8842811378 | Isbn-13: 9788842811374 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elina Klersy Imberciadori

Disponibile anche come: Altri

Genere: Travel

Ti piace Luna di miele intorno al mondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Agli inizi degli anni Cinquanta, il giovane Dominique Lapierre e la sua novella sposa decidono di intraprendere la straordinaria avventura di una luna di miele attorno al mondo. Per realizzare questo grande viaggio, la coppia ha a disposizione solo trecento dollari, ma conta sulla possibilità di trovare lavori occasionali nei luoghi visitati. Attraversano gli Stati Uniti, arrivano in Messico, si spingono fino in Giappone, Cina, Corea - scenario bellico di quel periodo storico - Tailandia, Pakistan e India, dove sbarcano per la prima volta in quella Calcutta che Dominique imparerà ad amare. La grande avventura continua fino a Beirut, prima di riprendere la via del ritorno verso la Francia.
Ordina per
  • 4

    Luna di miele di Lapierre

    Me gusta mucho viajar y me gustan mucho las novelas de Delapierre.Su estilo simple y directo te hace entrar enseguida dentro de la historia.Como he visitado algunos de los paises que ellos nombran,me ha hecho placer de revivir ciertos momentos y lugares.Positiva y bonita su lectura.

    ha scritto il 

  • 4

    La luna di miele dei miei sogni

    Questo libro mi è piaciuto molto per svariati motivi.
    Innazitutto per l'invidia che ho provato nei confronti dei coniugi Lapierre che possono vantare di aver avuto come meta del viaggio di nozze, il mondo.
    In secondo luogo perchè tutti i luoghi visitati, nessuno escluso, mi affascinan ...continua

    Questo libro mi è piaciuto molto per svariati motivi.
    Innazitutto per l'invidia che ho provato nei confronti dei coniugi Lapierre che possono vantare di aver avuto come meta del viaggio di nozze, il mondo.
    In secondo luogo perchè tutti i luoghi visitati, nessuno escluso, mi affascinano.
    Terzo perchè le avventure raccontate sono vere e ammiro qualcuno che ha così tanto c..o, emhh fortuna :) di averle vissute realmente. Certo tutto questo rende il filmino del mio viaggio di nozze (che io vantavo essere movimentato) più noioso della proiezione della corazzata Potemkin, ma amen...me ne farò una ragione.
    Infine ho adorato Aliette, la moglie dell'autore, che mi ricorda tanto me in viaggio, con le sue vesciche ai piedi, le sue lamentele e il suo accumulare improbabile paccottiglia con l'accondiscendenza rassegnata del marito.
    Lo stile narrativo è leggero e scorrevole, aleggia il clima degli anni cinquanta e la guerra in Corea è nel pieno svolgimento.
    Da leggere perchè istruttivo e divertente al tempo stesso.

    ha scritto il 

  • 5

    "Da ogni parte ci sono scale che scendono verso il grande cortile dove giacciono enormi frammenti di colonne scanalate, architravi, statue... Il sole tramonta lentamente, e l'edificio di sinistra si copre d'ombra. Sopra le nostre teste stridono stormi di rondini che planano verso i bocchi frantum ...continua

    "Da ogni parte ci sono scale che scendono verso il grande cortile dove giacciono enormi frammenti di colonne scanalate, architravi, statue... Il sole tramonta lentamente, e l'edificio di sinistra si copre d'ombra. Sopra le nostre teste stridono stormi di rondini che planano verso i bocchi frantumati e risalgono verso le colonne. In lontananza la montagna appare tutta rosa, e brandelli di nuvole bianche navigano lenti nel cielo. Alle nostre spalle il sole sta calando, e il riflesso rosa sulle pietre si stempera a poco a poco nel grigio. Le rondini continuano a volteggiare impazzite, e dai monti del Libano scende l'oscurità. Dall'alto di un minareto la voce acuta di un muezzin annuncia il crepuscolo e la fine del digiuno. Una vespa ronza per un istante, un asino raglia nella campagna, un alto pioppo si curva alla brezza della sera, e ai piedi di un arco che si ostina a rimanere bianco, freme un ciuffo di erba medica. Poi tutte le pietre si addormentano come cadaveri sul campo di battaglia."

    ha scritto il 

  • 4

    Compiere il giro del mondo agli inizi degli anni Cinquanta non era affatto impresa da poco: le insidie di ogni natura erano sempre dietro l'angolo, i mezzi di trasporto erano meno diffusi e ben più lenti rispetto a oggi e lo spostarsi, sia su breve che su lunga distanza, aveva spesso tutto il fas ...continua

    Compiere il giro del mondo agli inizi degli anni Cinquanta non era affatto impresa da poco: le insidie di ogni natura erano sempre dietro l'angolo, i mezzi di trasporto erano meno diffusi e ben più lenti rispetto a oggi e lo spostarsi, sia su breve che su lunga distanza, aveva spesso tutto il fascino di un'avventura, per non parlare poi del costo che una simile impresa poteva comportare.
    Dominique Lapierre e sua moglie Aliette, entrambi francesi, non rinunciano, tuttavia, a realizzare questo loro sogno e, appena sposatisi a New York, con un budget esiguo di appena 300 dollari in tasca e col proposito di guadagnarsi da vivere strada facendo, iniziano una lunga e alquanto inconsueta luna di miele che nell'arco di un anno li porterà a compiere la traversata del globo!
    Guidati entrambi da un entusiasmante desiderio di conoscere e scoprire altre culture e nuovi orizzonti, la giovane coppia francese si lancia in auto all'esplorazione del Messico, dove conosceranno il regista Luis Buñel durante le riprese di Le avventure di Robinson Crusoe e degli Stati Uniti, dove lavoreranno come commessi nei grandi magazzini a San Francisco. Si imbarcheranno su una nave alla volta del Giappone e mentre la giovane Aliette rimpinguerà le scarse finanze della coppia disegnando un'intera collezione di moda, il marito Dominique riuscirà a farsi assumere come inviato di guerra in Corea. Il viaggio proseguirà alla volta del sud est asiatico e da qui verso India, Pakistan, Afghanistan e Iran prima di fare rientro a Parigi. La semplicità e il comune abile destreggiarsi tra spirito di adattamento, curiosità e difficoltà di ogni sorta, porterà la coppia a stringere innumerevoli amicizie con gente comune, maragià, e personaggi di ogni estrazione sociale in tutti i paesi visitati descrivendo con sguardo libero da ogni preconcetto la mondanità a bordo delle navi, i drammi umani nelle strade di Calcutta, le fumerie di oppio a Bangkok, lo splendido rito della casa del tè a Kyoto oppure lo stato di miseria e dignità di un Giappone appena uscito dal secondo conflitto mondiale.
    Un bellissimo libro scritto in modo accattivante e semplice con tanta voglia di capire la realtà di un mondo che allora poteva essere viaggiato e scoperto solo da pochi.

    ha scritto il