L'uomo che cade

Voto medio di 775
| 199 contributi totali di cui 166 recensioni , 33 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il mondo devastato dell'Undici settembre, le inquiete solitudini della famiglia di un sopravvissuto al crollo delle torri e la paradossale normalità di un terrorista che si prepara al martirio.
Dentro le torri e dentro gli aerei che le distruggon
...Continua
i
Ha scritto il 18/07/18
Non capita molto spesso di sentirsi parte della Storia con la maiuscola. Viviamo vite infinitesimali, quotidianità apparentemente trascurabili, gli effetti e le conseguenze delle quali mai visibili ad occhio nudo o nell’immediato. Guardiamo i telegio...Continua
GloriaA
Ha scritto il 19/07/17
Fantasmagorica e devastante
Lo dico, con grande rispetto per i morti e per l’infinita catena di effetti collaterali, devastanti distruttivi, destabilizzanti, destrutturanti. Lo dico. L’immagine delle due torri del world trade center, potenti e brillanti contro il cielo terso, t...Continua
Matteo Fumagalli
Ha scritto il 05/09/16
"Non erano solo i giorni e le notti passate a letto. Il sesso era ovunque, all'inizio, nelle parole e nelle frasi, nei gesti appena accennati, nei minimi indizi di alterazione dello spazio. Lei posava un libro o una rivista, e intorno a loro si adagi...Continua
Alexander451
Ha scritto il 18/07/16
Ni Inizialmente non mi ha convinto, poco ritmo, parte lento, volutamente lento nello svilupparsi di queste vite bloccate in un fermoimmagine dell'esistenza dopo il crollo delle torri. Un evento che irrompe e congela i protagonisti in un limbo, capaci...Continua
inertiatic85
Ha scritto il 20/06/16
Sentirsi meno soli
Tutto è cominciato una notte che non avevo molta voglia di leggere, in un periodo in cui non avevo molta voglia di leggere. Il libro l'ho tenuto lì, sul comodino, per giorni, una pagina ogni tanto, giusto per approcciarmi un po' con i personaggi. Poi...Continua

inertiatic85
Ha scritto il Jun 20, 2016, 15:02
Era impantanata nei suoi dubbi, ma stare in chiesa le piaceva. Ci andava presto, prima che la messa cominciasse, per restare un po' da sola, sentire quella calma che segnala una presenza esterna ai fraseggi incessanti della mente in veglia.
Pag. 242
inertiatic85
Ha scritto il Jun 20, 2016, 15:01
Il volto è la tua vita, diceva sua madre.
Pag. 240
inertiatic85
Ha scritto il Jun 20, 2016, 14:53
Ma forse si sbagliava su ciò che era ordinario. Forse niente lo era. Forse esisteva una piega profonda nella trama delle cose, nel modo che hanno le cose di attraversare la mente, nel modo che ha il tempo di oscillare nella mente, che è poi anche l'u...Continua
Pag. 109
inertiatic85
Ha scritto il Jun 20, 2016, 11:21
Era una battuta, ma loro l'avevano presa sul serio, perché abbandonare il tavolo era consentito soltanto nei casi più gravi di un sovraccarico della vescica, o di un ciclo di sfortuna così prolungato da spingere il giocatore di turno a piazzarsi dava...Continua
Pag. 100
inertiatic85
Ha scritto il Jun 20, 2016, 11:13
Era disteso su un lettino lungo e stretto dentro il macchinario. Aveva un cuscino sotto le ginocchia e due lucine di riferimento sopra la testa, e si sforzava di ascoltare la musica. Dentro il rumore potente dello scanner fissò l'attenzione sugli str...Continua
Pag. 20

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi