Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

L'uomo che credeva di non avere più tempo

By Guillaume Musso

(451)

| Paperback | 9788848603393

Like L'uomo che credeva di non avere più tempo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Prima di andar via" ci restano cose da fare e da risolvere e sapere di avere poco tempo per farlo ci spinge a rendere più intensa la nostra "banale" vita, riuscendo a vedere cose che per troppo tempo ci sono sfuggite... l'amore per esempio, quel sen Continue

"Prima di andar via" ci restano cose da fare e da risolvere e sapere di avere poco tempo per farlo ci spinge a rendere più intensa la nostra "banale" vita, riuscendo a vedere cose che per troppo tempo ci sono sfuggite... l'amore per esempio, quel sentimento che si è relegato in un angolo del nostro vivere sempre di corsa e sempre più materiale, egoista, duro e superficiale.
Finalmente sembra che gli occhi si spalanchino sulla vera vita, su quella strana avventura che troppo spesso ci è sfuggita, che abbiamo fatto finta di non vedere o che abbiamo ignorato per "mancanza di tempo"... proprio ora che il tempo sembra sia in procinto di scadere...
Il dolore prende il sopravvento, lo smarrimento, i dubbi, i rimpianti e i rimorsi assalgono l'animo umano e sono in grado di far nascere solo domande che iniziano con un "perché?"...

La rabbia rende smaniosi di fare, di risolvere, e la paura accompagna quelli che sembrano gli ultimi giorni di una vacanza concessa misteriosamente... Spiando nella vita di Nathan riusciamo a vedere e sentire le sue emozioni, le sue paure, la sua rabbia, la sua disperazione per qualcosa che non riesce a gestire, proprio adesso che ha compreso quale sia la verità... ma la verità reale è quella che gli si mostra solo alla fine di questo edificante cammino verso la vita e la morte... regalando a noi un insegnamento che non dovremmo dimenticare mai più...

248 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Primo libro per me di questo autore. Bellissima storia, affascinante, coinvolgente e molto commovente. Ho pianto come una fontana per 5 minuti alla fine... sicuramente leggerò altri libri di questo bravissimo autore

    Is this helpful?

    Nefertari81 said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da leggere

    Primo libro scritto da Musso, dove ancora manca la parte "thriller" che ha caratterizzato molti dei romanzi successivi. L'altro elemento chiave dei suoi libri, cioè il paranormale, qui invece si palesa subito, pur non essendo enfatizzato eccessivamen ...(continue)

    Primo libro scritto da Musso, dove ancora manca la parte "thriller" che ha caratterizzato molti dei romanzi successivi. L'altro elemento chiave dei suoi libri, cioè il paranormale, qui invece si palesa subito, pur non essendo enfatizzato eccessivamente. Un bel romanzo, dal finale triste, che però ci fa capire come sia importante dire alle persone che le amiamo e stare con loro il più possibile, senza sacrificare gli affetti al lavoro e al denaro, soprattutto per rivincita personale. Il colpo di scena finale, a ben leggere il titolo, si può anche intuire....

    Is this helpful?

    Laura Cortese said on Jun 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ho trovato davvero deludente! Non mi ha lasciato nessuna emozione.... Mi sono fatta convincere dal titolo! Avevo in mente tutt'altro! Invece ho trovato un libro ripetitivo poco interessante...

    Is this helpful?

    Piccola said on Jan 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'uomo che credeva di non avere più tempo, Guillaume Musso

    "Dall'origine, più di ottanta miliardi di esseri umani prima di noi hanno vissuto, edificato città, scritto libri e composto musica.
    Vivi, oggi siamo solo sei miliardi.
    I nostri morti, dunque, sono quasi quattordici volte più numerosi.
    Marcisco
    ...(continue)

    "Dall'origine, più di ottanta miliardi di esseri umani prima di noi hanno vissuto, edificato città, scritto libri e composto musica.
    Vivi, oggi siamo solo sei miliardi.
    I nostri morti, dunque, sono quasi quattordici volte più numerosi.
    Marciscono e si decompongono sotto i nostri piedi e nelle nostre teste. Rendono ricca la nostra terra e i nostri alimenti.
    Alcuni ci mancano."

    Nathan Del Amico è un brillante e ricco avvocato di New York, molto pieno di sé, divorziato con Mallory (di cui è ancora pazzamente innamorato) e con un'adorabile figlioletta di nome Bonnie.
    La sua vita è fatta di cause sempre vinte e di tanto lavoro extra che lo tengono libero dai sensi di colpa riguardanti la fine del suo matrimonio e la morte del figlioletto Sean in tenerissima età.
    L'incontro con il dottore Garrett Goodrich sarà determinante perché la sua vita subisca una brusca svolta: Nathan è costretto a rivedere le sue priorità e a riconoscere che ci sono molte cose nella vita che hanno la precedenza su tutto. Prima che sia troppo tardi.
    "L'uomo che credeva di non avere più tempo" è il primo romanzo che leggo di Guillame Musso. Suggeritomi da mio fratello, sono precipitata in questa lettura come se avessi fatto un salto nel vuoto. Fortunatamente l'impatto è stato morbido, perché ho trovato sotto di me un terreno del tutto inaspettato: il romanzo tratta temi forti, importanti, con un linguaggio semplice e delicato.
    Perché abbiamo così tanta paura della morte? Perché l'uomo non è capace di accettarla come parte integrante della vita?
    Musso ci spinge a riflettere su cosa sia realmente importante per la nostra esistenza. Cosa farsene dei soldi e del successo, se non vi è l'amore a dare un senso alla propria vita?
    È affezionandosi ai personaggi, alla storia romantica di Nathan e Mallory, al mistero che circonda la figura del dottor Goodrich (il sovrannaturale si spreca, dobbiamo esser sinceri!), che si viene catapultati in un romanzo gradevole, dai toni drammatici, che ti lascia - una volta terminato - allo stesso tempo sperduto e arricchito di nuove risorse.

    "Quella sera, per la prima volta, era pronto ad accettarla. Naturalmente la paura non era sparita, ma si accompagnava a una certa impazienza. Diventava curioso della morte come si può essere curiosi di vedere un nuovo continente. Forse partiva verso l'ignoto, ma circondato dall'amore. [...] Aveva l'impressione di essere vivo solo per poter morire."

    Sicuramente approfondirò la conoscenza di questo autore.
    Quattro stelline più che meritate.

    Is this helpful?

    Madame Blanche said on Dec 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Una cosa che proprio non sopporto è quando già dal titolo si capisce come andrà a finire la storia. "L'uomo che CREDEVA di non avere più tempo". A mio parere molto più suggestivo e misterioso il titolo originale, "Et après..."

    Is this helpful?

    Mimil said on Nov 26, 2013 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (451)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 372 Pages
  • ISBN-10: 8848603394
  • ISBN-13: 9788848603393
  • Publisher: Libri oro Sonzogno
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , eBook
Improve_data of this book