Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Lupi genti culture

Uomo e ambiente nel Medioevo (Biblioteca Einaudi)

Di

Editore: Einaudi

4.3
(15)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 209 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806141953 | Isbn-13: 9788806141950 | Data di pubblicazione: 

Genere: History , Social Science

Ti piace Lupi genti culture?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    L'ho letto diversi anni fa per un esame di Storia Medievale all'università (il corso era tenuto proprio dal professor Ortalli) ed è una delle letture più piacevoli che abbia mai fatto per motivi di st ...continua

    L'ho letto diversi anni fa per un esame di Storia Medievale all'università (il corso era tenuto proprio dal professor Ortalli) ed è una delle letture più piacevoli che abbia mai fatto per motivi di studio. Un saggio non solo interessante, ma anche scritto in maniera piacevolissima! 30 e lode! ;)

    ha scritto il 

  • 0

    Una ricostruzione dettagliata e interessante del momento storico in cui il lupo da predatore diventa un vero e proprio competitore diretto dell'uomo assumendo il ruolo di cattivo mangiatore di uomini ...continua

    Una ricostruzione dettagliata e interessante del momento storico in cui il lupo da predatore diventa un vero e proprio competitore diretto dell'uomo assumendo il ruolo di cattivo mangiatore di uomini personificazione del diavolo malvagio a tutti gli effetti giustificando la spietata caccia che comincia data sia agli animali sia a quelle persone che ne personificavano l'essenza (le streghe ecc.). Nascono i toponimi geografici presenti ancora oggi (nella mia regione sono tanti i luoghi che portano il nome con un riferimento al lupo), nascono i miti che accompagnano ancora alcuni modi di dire (mangiare come un lupo). Devo ringraziare l'amico anobiano che me ne ha consigliato la lettura veramente interessante.

    ha scritto il