Macbeth

Di

Editore: Newton Compton

4.3
(5332)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 92 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese , Chi tradizionale , Svedese , Portoghese , Catalano , Olandese , Galego

Isbn-10: 8879837184 | Isbn-13: 9788879837187 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ugo Dèttore

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook , Copertina morbida e spillati

Genere: Narrativa & Letteratura , Studio di Lingue Straniere , Storia

Ti piace Macbeth?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Il gotico diventa cifra oscura dell'angoscia dell'uomo che, con illusoria e credula fiducia di essere artefice del proprio destino, viene sbattuto dall'onde e dalle beffe di un destino incomprensibile ...continua

    Il gotico diventa cifra oscura dell'angoscia dell'uomo che, con illusoria e credula fiducia di essere artefice del proprio destino, viene sbattuto dall'onde e dalle beffe di un destino incomprensibile e misterioso.
    La vita come dolorosa commedia insulsa, recitata tronfiamente. Quando cala il sipario, restano solo le seggiole vuote in platea.

    ha scritto il 

  • 5

    La vita è soltanto un'ombra errante, un guitto che in scena s'agita un'ora pavoneggiandosi, e poi tace per sempre: una storia narrata da un idiota, colma di suoni e di furia, senza significato. ...continua

    La vita è soltanto un'ombra errante, un guitto che in scena s'agita un'ora pavoneggiandosi, e poi tace per sempre: una storia narrata da un idiota, colma di suoni e di furia, senza significato.

    ha scritto il 

  • 5

    Considerare il dramma di Macbeth esclusivamente come quello di un uomo accecato dal potere, che per il potere diventa uno spietato assassino e tiranno che alla fine viene giustamente punito è davv ...continua

    Considerare il dramma di Macbeth esclusivamente come quello di un uomo accecato dal potere, che per il potere diventa uno spietato assassino e tiranno che alla fine viene giustamente punito è davvero riduttivo in maniera imbarazzante, perché i livelli di lettura sono davvero tanti.

    Macbeth si crea e si sceglie il proprio destino, ma è un destino che gli è stato annunziato ed al quale non può comunque sfuggire.

    Dramma che, come nelle grandi tragedie greche, mette la responsabilità individuale di ciascuno rispetto al che fare della propria vita a confronto con un il destino che il Fato gli ha già irrevocabilmente assegnato.

    Libero arbitrio e predestinazione, verità e menzogna. Le tre streghe come "dee fatali" che preannunciano il destino di Macbeth con parole ambigue, veritiere e mentitrici allo stesso tempo. Quando Macbeth se ne rende conto e comincia a "sospettare l'equivoco del demonio che mentisce col vero" è ormai troppo tardi perché "Il fatto è fatto"...

    "La vita non è che un'ombra vagante, un povero attore che avanza tronfio e smania la sua ora sul palco, e poi non se ne sa più nulla. È un racconto fatto da un idiota, pieno di grida e furia, che non significa niente"

    ha scritto il 

  • 5

    Nella lingua appari come il fiore innocente. Ma sii la serpe che vi si cela sotto...

    Meraviglioso dramma che mette in scena il delirio di un essere umano accecato dal potere.

    ha scritto il 

  • 4

    Macbeth è decisamente uno dei personaggi che più mi sta antipatico. La sua sete di potere è qualcoisa di davverro orrendo, non guarda in faccia a nessuno amici, commilitoni ecc ecc in tutto ciò la mog ...continua

    Macbeth è decisamente uno dei personaggi che più mi sta antipatico. La sua sete di potere è qualcoisa di davverro orrendo, non guarda in faccia a nessuno amici, commilitoni ecc ecc in tutto ciò la moglie è esattamente come lui tanto che partecipa ai suoi crimini e lo appaggia nelle sue scelte sanguinose. Non riesc oa trovare nessun lato positivo o bello in questo personaggio e in fin dei conti mi viene da dire : Ben ti sta quello che ti succede. Il male è il protsgonista di questa opera incarnato prima dalle streghe e poi dalle scelte del personaggio. Il male capace di corrompere anche i cuori più coraggiosi e onesti. Tematica quanto mai attuale visto le vicende che accadono nel mondo ma qui da noi non c'è la componente del soprannaturale ( nell opera sono le streghe) e tutto una questione di animo umano ed interessi abominevoli. Il personaggio di Banquo visibile solo a Macbeth rappresenta la coscienza che lui ha perduto e il senso di cola che lo affligge dopo gli innumerevoli cirmini commessi.

    ha scritto il 

  • 5

    Cosa non si fa per raggiungere il potere, il prestigio, la ricchezza...
    Quanto corruttibile può essere l'animo male se insegue i beni materiali...
    Quanta crudeltà si può nascondere dietro il bel viso ...continua

    Cosa non si fa per raggiungere il potere, il prestigio, la ricchezza...
    Quanto corruttibile può essere l'animo male se insegue i beni materiali...
    Quanta crudeltà si può nascondere dietro il bel viso di una donna...
    Come sempre il Bardo riesce ad essere attuale, riesce a parlare di noi e dei nostri tempi, malgrado sia morto da 400 anni.

    ha scritto il 

  • 5

    Quest'anno shakespiriano (400 anni dalla morte del grande Will) fioriscono ovunque Maratone Shakespiriane, mi sono imbattuta per caso in una #MaratonaShakespiriana taggata su FB, in cui ci si propone ...continua

    Quest'anno shakespiriano (400 anni dalla morte del grande Will) fioriscono ovunque Maratone Shakespiriane, mi sono imbattuta per caso in una #MaratonaShakespiriana taggata su FB, in cui ci si propone di leggere un'opera al mese, per puro caso, scopro di aver iniziato da "Macbeth" che era proprio prevista per il mese di gennaio.
    Il caso, il Fato ineluttabile, è proprio uno dei temi di questa tragedia breve, ma intensissima per tematiche e personaggi: il potere accecante, la caducità della vita, le streghe come spiriti tentatori (al Male) e come inconscio raffigurato, al tempo stesso. La mia attenzione tuttavia, più che ai temi trattati, si è soffermata sulla lingua di Shakespeare, che incanta sempre per come è innovativa, potente nel creare immagini, arcana a volte. Ci sono frasi che fanno pensare, che non sono chiare, sono volutamente oscure come notava Marìas - grande studioso del Bardo - l'ambiguità di certi periodo fa parte del fascino di Shakespeare. Molto da pensare, anche a lui che ha preso spunto per il titolo di un suo libro è la famosa frase di Lady Macbeth, quando dopo aver spinto all'omicidio il dubbioso consorte, si offre di andare lei stessa ad inquinare la scena del delitto, mettendo le mani nel sangue (Macbeth non ha il coraggio di tornare nel luogo dell'efferato crimine). Lei freddamente va, torna indietro e dice:

    "Ecco vedi, adesso le mie mani hanno lo stesso colore delle tue, ma mi vergognerei di avere in petto un cuore così bianco".

    Dopo averci pensato un po' su, mi sto convincendo che in questa frase ci sia tutta Lady Macbeth, una donna talmente perfida e priva di rimorsi da chiamare in suo soccorso le forze dell'Inferno, per sbarrare la strada a qualunque possibile freno inibitore e di coscienza che impedisca il delitto:
    venite spiriti che presiedete a
    pensieri di morte, toglietemi il
    sesso e riempitemi tutta, dalla
    testa ai piedi, della piu'
    feroce crudelta'

    http://www.youtube.com/watch?v=RM8QQ...

    Lei è molto più ambiziosa del marito, si vergognerebbe di avere pietà, di avere un cuore innocente "un cuore così bianco", lo dice con scherno, al tremebondo marito (?). Chissà. E ora sono pronta per il prossimo step: Amleto. Tra qualche settimana, per fortuna una sola opera al mese, perché a me, leggendo Shakespeare vien sempre un po' voglia di invadere la Polonia

    ha scritto il 

  • 4

    Per onorare i 400 anni dalla morte del Bardo - 1

    Riletto per la Maratona Shakespiriana.
    Certo che la traduzione di Gassman non mi fa impazzire!
    Ho cercato diverse traduzioni per il discorso delle streghe...le differenze sono notevoli!
    E non sapevo c ...continua

    Riletto per la Maratona Shakespiriana.
    Certo che la traduzione di Gassman non mi fa impazzire!
    Ho cercato diverse traduzioni per il discorso delle streghe...le differenze sono notevoli!
    E non sapevo che la canzone cantata dal coro in Harry Potter "il prigioniero di Azkaban" riprende proprio le parole delle streghe del Macbeth.

    ha scritto il 

Ordina per