Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Madame Bovary

By Gustave Flaubert

(127)

| Paperback | 9781466210301

Like Madame Bovary ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

This anthology is a thorough introduction to classic literature for those who have not yet experienced these literary masterworks. For those who have known and loved these works in the past, this is an invitation to reunite with old friends in a fres Continue

This anthology is a thorough introduction to classic literature for those who have not yet experienced these literary masterworks. For those who have known and loved these works in the past, this is an invitation to reunite with old friends in a fresh new format. From Shakespeare s finesse to Oscar Wilde s wit, this unique collection brings together works as diverse and influential as The Pilgrim s Progress and Othello. As an anthology that invites readers to immerse themselves in the masterpieces of the literary giants, it is must-have addition to any library.

1039 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un libro che scorre senza nessun problema, e devo ammettere che mi piace il modo di scrivere di Flaubert ma non posso che porre l'attenzione sul personaggio di Emma, che non sopporto affatto. In realtà l'antipatia non è nata immediatamente, solo dopo ...(continue)

    Un libro che scorre senza nessun problema, e devo ammettere che mi piace il modo di scrivere di Flaubert ma non posso che porre l'attenzione sul personaggio di Emma, che non sopporto affatto. In realtà l'antipatia non è nata immediatamente, solo dopo il matrimonio con Charles: lei è sempre in cerca di qualcosa di nuovo, qualche passione nuova che possa far tacere quel forte senso di soddisfazione che la angoscia, ma dopo un po' di tempo quello che ha comincia ad annoiarla. E' da considerare sicuramente che sono gli uomini a proporsi a lei, ma lei, per sua scelta, sceglie di tradire il marito; ho provato solo grande pena per il povero Charles, che nonostante tentasse di accontentarla in ogni modo, veniva spesso bistrattato o trattato con quell'aria di sufficienza che ho odiato profondamente, e come se non bastasse pure alla bancarotta lo ha portato: non c'è niente da fare, nulla di positiva riesco a rintracciare in questa donna

    Is this helpful?

    Riccardo said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Non ho amato particolarmente lo stile di scrittura di Flaubert ed ho odiato questo libro per parecchi anni, almeno fino a quando non ho letto Tolleranza zero di Welsh che l'ha surclassato nel mio immaginario di libri o personaggi odiati (atten ...(continue)

    Non ho amato particolarmente lo stile di scrittura di Flaubert ed ho odiato questo libro per parecchi anni, almeno fino a quando non ho letto Tolleranza zero di Welsh che l'ha surclassato nel mio immaginario di libri o personaggi odiati (attenzione: con odiati non intendo dire che non mi siano piaciuti ma che per un motivo o per un altro, una sprangata in testa non gliel'avrebbe tolta nessuno.) , ad ogni modo nessun personaggio spicca per il proprio acume ed in quel poco di descrittività constatata, riescono comunque a farsi odiare, tutti.

    E comunque, che Flaubert si considerasse un perfezionista della scrittura non è, almeno da me, riscontrato. Trovo il romanzo forte per la tematica nel tempo ma davvero sbrigativo, praticamente non mi è rimasto null'altro se non diverse considerazioni sui frivoli personaggi che lo compongono.

    Is this helpful?

    Duchénne. said on Aug 12, 2014 | Add your feedback

  • 20 people find this helpful

    L’adorata doratura della vita

    Oggi ho terminato la rilettura di un bestseller della letteratura contemporanea: Madame Bovary, un libro che trascende la definizione di classico, non ha la benché minima patina dei secoli, sarà attuale anche nel 2300 e scalzerà le mezze calze ...(continue)

    Oggi ho terminato la rilettura di un bestseller della letteratura contemporanea: Madame Bovary, un libro che trascende la definizione di classico, non ha la benché minima patina dei secoli, sarà attuale anche nel 2300 e scalzerà le mezze calzette narrative che chissà come circoleranno in quel lontano futuro - magari direttamente dal cervello degli ideatori a quello dei consumatori, forse in un battito di pensiero. Vabbè. Figura inquieta e detestabile, tormentata ed egoista, fallibile dunque umana, Emma Bovary non riesce certo ad attrarre le immediate simpatie del lettore, salvo poi straziarlo con tutti i nefasti accadimenti che il suo comportamento, le circostanze e la (dis)umana specie condurranno all’arcinoto triste epilogo. Quanto ci sarebbe da dire su Emma! E come potevamo capirla, spronati dagli inderogabili diktat dei prof, noi manco ventenni, quando ancora non erano arrivate le scottature, le fregature della vita; e poi che ne sapevamo di vere illusioni, e delle prossime disillusioni, del desiderio di evasione o della soffocante angustia degli spazi domestici e non. Spazi, cioè, che prendono le fogge sconvolgenti della definitività. A quell’età, non si sono fatti ancora avanti gli stronzi, e forse noi non siamo stati stronzi per qualcun altro, ma ci predisponiamo fisiologicamente alle lusinghe degli idoli inevitabili. Già, vogliamo essere adoranti, vogliamo cercarli, toccarli, questi idoli, anche se ad un certo punto, implacabilmente, "resta la doratura sulle dita". Flaubert ha fatto di questo romanzo perfetto l’antidoto al potenziale venefico della vita - e della cattiva letteratura.

    Is this helpful?

    Krodì80 said on Aug 6, 2014 | 21 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Bugiarda, infantile, egoista ma soprattutto cretina. E anche un bel poco stronza. Ma soprattutto cretina.
    Certo che pure monsieur Bovary non brilla per intelligenza. Del resto il detto: "Dio li fa e poi li accoppia" non potrebbe descrivere meglio la ...(continue)

    Bugiarda, infantile, egoista ma soprattutto cretina. E anche un bel poco stronza. Ma soprattutto cretina.
    Certo che pure monsieur Bovary non brilla per intelligenza. Del resto il detto: "Dio li fa e poi li accoppia" non potrebbe descrivere meglio la relazione coniugale dei due sciagurati uniti da funesto destino.

    La lettura di Alessandra Bedino giustifica l'ascolto di questa storia già letta, che ad ogni piè sospinto mi fa prudere le mani...
    Non ho dubbi sulla favola metropolitana che dice Flaubert indispettito sul letto di morte che si lamenta perché lui stesso stava morendo, "mentre quella cretina di Emma vivrà per sempre".

    Is this helpful?

    Melinda said on Aug 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Ma è mai possibile trovare la felicità?" lei domandò.
    "Si, prima o poi è possibile" . "Prima o poi è possibile - ripeté Rodolphe - prima o poi, all'improvviso e quando ormai si disperava. Allora orizzonti si schiudono e pare che una voce gridi: "Ec ...(continue)

    "Ma è mai possibile trovare la felicità?" lei domandò.
    "Si, prima o poi è possibile" . "Prima o poi è possibile - ripeté Rodolphe - prima o poi, all'improvviso e quando ormai si disperava. Allora orizzonti si schiudono e pare che una voce gridi: "Eccola!". Si è spinti a confidare la nostra vita a quella certa persona, a darle tutto, a sacrificarle tutto. Non c'è bisogno di alcuna spiegazione, ci s'intende. Ci si era già confusamente visti nei sogni - e la guardava. - Eccolo insomma quel tesoro tanto a lungo cercato, eccolo a portata di mano, rifulgente, scintillante. Pure si dubita ancora, non si ha il coraggio di credere, si è abbagliati, al pari di chi esce dalle tenebre alla luce."
    Piccolo assaggio della penna di Flaubert.
    Confesso, ho preso in mano Madame Bovary con molta indifferenza all'inizio, sarà che tutti mi dicevano che era molto pesante, poco coinvolgente e via dicendo. Un consiglio? Non credete a nessuno! Un libro bisogna provarlo sulla propria pelle prima di giudicarlo, e Flaubert mi ha completamente conquistata: stile raffinato, trama intrigante - anche se triste -, introspezioni, sentimenti e attimi descritti perfettamente, e non solo, il tema dell'adulterio che non si riduce a sé, ma che apre le porte a profonde riflessioni tutt'oggi esistenti.
    Non metto 5 stelline solo per alcuni passaggi tediosi, per il resto..c'est parfait!

    Is this helpful?

    Felicia:) said on Jul 23, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book