Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Madame Bovary

e Tre racconti

Di

Editore: Newton & Compton Editori

3.8
(379)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8854102407 | Isbn-13: 9788854102408 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Madame Bovary?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Si conoscevano troppo per avere quegi stupori del possesso che ne centuplicano la gioia.
Ella era tanto disgustata di lui quanto egli era stanco di lei.
Emma ritrovava nell'adulterio tutte le volgarità del matrimonio."
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Più passa il tempo e più mi convinco che non bisogna studiare le opere letterarie perché è molto meglio leggerle.
    Di Madame Bovary sapevo solo quello che era scritto nel libro di letteratura francese ...continua

    Più passa il tempo e più mi convinco che non bisogna studiare le opere letterarie perché è molto meglio leggerle.
    Di Madame Bovary sapevo solo quello che era scritto nel libro di letteratura francese e con così poche informazioni non sono riuscita a fare altro che crearne un'immagine distorta, lontana dalla realtà.
    Immaginavo una donna capricciosa e infantile che vive comportandosi da personaggio letterario, incapace di apprezzare quella serenità che il fato le aveva concesso e sempre alla ricerca di nuove avventure extra coniugali; in poche parole una Kampf di "némirowskiana" memoria che sogna balli e feste, grandi e piccoli amori aspettando di essere sempre al centro della scena, protagonista della sua vicenda real-letteraria.

    Leggendo questo romanzo invece ho scoperto che Emma Bovary non è affatto così. È una donna inquieta, annoiata dalla vita che attende qualcosa di nuovo in grado di smuoverle un'emozione; una donna che immagina la sua vita ideale come la trama di un romanzo e si ritrova delusa e amareggiata accanto a un uomo che la ama al punto da evitare perfino di toccarla, quasi fosse una divinità eterea e pura.
    Non voleva gli amanti voleva l'amore, il lieto fine, viaggi, attenzioni, avventure e si ritrovava rilegata in un villaggio che non le da i giusti stimoli. Ama, giura amore ed è pronta persino a fuggire ma viene tradita da qualcuno (Rodolphe) che sembra amare di più la propria libertà che non lei. È la causa delle sue disgrazie e di quelle capitate alla sua famiglia.
    Madame Bovary è la donna comune che cammina in mezzo alla strada incerta, guardando da una parte e dall'altra in cerca di una speranza che nella sua mente non può partire da lei; è la ragazza che sogna la grande storia d'amore e si ritrova vittima della propria fantasia, tradita dai propri sogni; è la signora che attende invano un cambiamento dall'esterno che non arriverà mai ma testarda com'è continua ad attendere invano.
    Il mondo è pieno di "Madame Bovary": ci sono molte più speranzose "Emma" di quel che s'immaginano, e spesso vengono accomunate alle "signore Kampf": astute, calcolatrici, materialiste e opportuniste.
    In realtà quella delle Bovary è una tragedia dell'anima. La signora è vittima delle aspettative troppo elevate rispetto alla vita che conduce e sarà proprio il risveglio dal sonno atavico della fantasia a condurla verso la morte. Solo alla fine infatti si renderà conto di avere tutto ciò che poteva desiderare e di essere stata cieca per orgoglio.

    [***]

    «Tre racconti»

    I tre racconti inseriti in questo libro sono stati pubblicati a parte da Gustave Flaubert e non hanno nulla a che vedere con il suo celebre romanzo.
    "Un cuore semplice" narra le disavventure di Felicité, una giovane donna a cui capitano le peggiori disgrazie. Sembra quasi che il destino si abbatta con una violenza inaudita contro una persona che non brama più di quel che serve per sopravvivere, una donna d'animo puro e in grado di trasmettere amore e misericordia.

    "La leggenda di san Giuliano L'Ospitaliere" narra in versione letteraria la storia del santo, così come è descritta sulla vetrata di una chiesa. Questo racconto è il più movimentato dei tre.

    "Erodiade" invece non è altri che la storia della decapitazione di Giovanni Battista da parte di Erode. Come racconto è anche abbastanza monotono.

    ha scritto il 

  • 2

    Iniziai a leggerlo all'età di 16 anni circa, ma arrivata più o meno a metà, probabilmente perché non ero sufficientemente matura per approcciarmi ad una lettura così impegnativa, decisi di abbandonarl ...continua

    Iniziai a leggerlo all'età di 16 anni circa, ma arrivata più o meno a metà, probabilmente perché non ero sufficientemente matura per approcciarmi ad una lettura così impegnativa, decisi di abbandonarlo, trovandolo poco coinvolgente e stucchevole. Non escludo che un giorno io possa provare a rileggerlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Bello, un classico.
    Devo ammettere che ci sono state alcune descrizioni che ho trovato non poco tediose, ma questo è uno di quei libri che ho apprezzato davvero solo una volta girata l'ultima pagina e ...continua

    Bello, un classico.
    Devo ammettere che ci sono state alcune descrizioni che ho trovato non poco tediose, ma questo è uno di quei libri che ho apprezzato davvero solo una volta girata l'ultima pagina e poco in lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Non avevano nient'altro da dirsi? I loro occhi, però, traboccavano di parole più gravi. Mentre si sforzavano di trovare frasi banali, si sentivano riempire tutti e due da uno stesso languore. Era come ...continua

    Non avevano nient'altro da dirsi? I loro occhi, però, traboccavano di parole più gravi. Mentre si sforzavano di trovare frasi banali, si sentivano riempire tutti e due da uno stesso languore. Era come un mormorio dell'anima, profondo, continuo, che l'aveva vinta sulla voce. Stupiti da questo questo nuovo, soave sentimento, non pensavano neppure a spiegarne il senso, a scoprirne la causa. Le felicità future, come le rive dei tropici, proiettavano, sulla immensità che le precede, il loro molle sentore come una brezza profumata: si scivola in quell'estasi e non importa se l'orizzonte non si vede.

    ha scritto il 

  • 0

    Lento e noioso, riascoltarlo (audio libro da Ad Alta voce di Radio Tre) è stata una delusione. Ne avevo solo un vago ricordo di lettura adolescenziale e sono rimasto perplesso. Grande letteratura?

    J. ...continua

    Lento e noioso, riascoltarlo (audio libro da Ad Alta voce di Radio Tre) è stata una delusione. Ne avevo solo un vago ricordo di lettura adolescenziale e sono rimasto perplesso. Grande letteratura?

    J. I.

    ha scritto il 

  • 5

    Cercavo Giuliano ritrovo Emma

    Compro questo libro perché solo in questa edizione trovo i Tre racconti, quelli stavo cercando. La Bovary già l'avevo letta, ma aprendo il libro verso il fondo, alle ultime pagine, a caso, mi sono gus ...continua

    Compro questo libro perché solo in questa edizione trovo i Tre racconti, quelli stavo cercando. La Bovary già l'avevo letta, ma aprendo il libro verso il fondo, alle ultime pagine, a caso, mi sono gustata di nuovo la scrittura perfetta di Flaubert. M'è capitata la scena dell'avvelenamento, proprio quella che aveva reso anche me avida, nella lettura.
    Erodiade, dei Tre racconti, è la perla. Ma Giuliano e Félicité mica scherzano. Gioielli, gioielli.

    ha scritto il 

  • 5

    Fantastico.
    A una prima lettura può risultare scontato e pesante, è molto più apprezzabile se analizzato e se viene prestata attenzione ai dettagli. Flaubert non scrive nulla per caso, ogni personaggi ...continua

    Fantastico.
    A una prima lettura può risultare scontato e pesante, è molto più apprezzabile se analizzato e se viene prestata attenzione ai dettagli. Flaubert non scrive nulla per caso, ogni personaggio o avvenimento ha un suo perchè e rappresenta esattamente qualcosa, sta all'attenzione del lettore capire cosa e perchè.
    Certo le descrizioni minuziose sono pesanti e spesso nemmeno molto utili, ma tralasciando questo aspetto, uno dei migliori libri mai letti!

    ha scritto il 

  • 4

    Ad una prima lettura le donne non ne escono molto bene da questo romanzo, Emma e' una vittima della sua societa' e della sua epoca, da' l'impressione di essere molto debole. In realta' e' un personagg ...continua

    Ad una prima lettura le donne non ne escono molto bene da questo romanzo, Emma e' una vittima della sua societa' e della sua epoca, da' l'impressione di essere molto debole. In realta' e' un personaggio forte e molto ben caratterizzato, che riesce a vivere la sua vita esattamente come voleva, e non capita a tutti. E' un romanzo che conquista, con una scrittura molto elegante e ricercata. E' un vero "classico" da leggere.

    ha scritto il 

Ordina per