Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Madame Bovary

By Gustave Flaubert

(809)

| Paperback | 9788879837682

Like Madame Bovary ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

1042 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Dov'è la sesta stella ??????
    Cinque non bastano per i capolavori assoluti.

    Is this helpful?

    Paola dv said on Aug 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ma una donna ha continui impedimenti. A un tempo inerte e cedevole, ha contro di sé le debolezze della carne e la sottomissione alle leggi. La sua volontà, come il velo del suo cappello tenuto da un cordoncino, palpita a tutti i venti

    un classico senza tempo nel senso letterale del termine: amore,ambizione,insoddisfazione,bramosia,dolore,morte tutte emozioni che come allora possono cambiare destini di intere famiglie.
    ambientazione,scrittura,personaggi indimenticabili

    Is this helpful?

    Jane Austen said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "...entrambi si creavano un ideale al quale adattavano adesso il loro passato. Del resto la parola è un laminatoio che sempre dilata i sentimenti."

    Is this helpful?

    Laura said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    La stronza che c'è in noi

    Ma perché ce l'avete tutte con Emma, porella!
    E' un personaggio che fa solo compassione (cum - patior, patire con) con quella disperata voglia di vivere una vita diversa da quella grigia e monotona a cui è relegata, senza soprassalti, senza turbament ...(continue)

    Ma perché ce l'avete tutte con Emma, porella!
    E' un personaggio che fa solo compassione (cum - patior, patire con) con quella disperata voglia di vivere una vita diversa da quella grigia e monotona a cui è relegata, senza soprassalti, senza turbamenti, senza la possibilità di stupirsi come ci si può stupire quando si affonda nel cuore della vita! Calma piatta attorno a lei e sotto i suoi piedi. Emma si riduce a entusiasmarsi per un nastro di trine, un ventaglio, un bastone col pomo d'argento: il senso della vita cercato in freddi oggetti, perché non riesce ( o non le è concesso) di sperimentare altro.
    S'innamora dell'amore, mai delle persone, e qui sbaglia.
    Ma a chi di noi non è mai capitato?
    E' circondata da una anaffettività tremenda, a cominciare dal padre, dallo stesso marito (che la ama, sì, ma che cosa ama? che lei sia dolce e tranquilla e soddisfatta a vegliare il focolare), da vicini, dal farmacista, dal curato, da tutte quelle persone che, quando muore, prendono la cosa come un diversivo alla noia del paesello.
    Noia, noia, noia.
    Ecco quello a cui cerca di ribellarsi Emma.
    E la scelta finale di quel veleno, di quella lenta, lucida agonia, è forse il suo riscatto: che almeno la morte abbia un senso, e le dia dignità.
    Ohibò, senza volere ho fatto una recensione. E sì che non ho neanche messo Madame Bovary in libreria!

    *****************

    Ritrovo dopo anni questo commento postato in una discussione. Metto il libro nei miei scaffali e aggiungo che Emma mi piace. Sì, mi piace. E mi ci ritrovo. Perché finalmente ha avuto il coraggio di tirare fuori la parte che disturba tanto gli altri (uomini e donne compresi), quella della donna strega, un po' stronza, se si vuole, o perlomeno considerata tale perché ha il coraggio di mettere da parte il ruolo che da sempre le si richiede, quello materno nell’accezione più ampia di grembo, conforto, consolazione, comprensione e perdono. Il mondo si aspetta (pretende) da lei, e lei sfida il mondo, le convenzioni, la morale, per occuparsi finalmente di sé stessa e prendersi ciò di cui ha bisogno.
    E paga, Emma. E pagano le donne che decidono di dire dei no. “Quei” no. E non sanno, gli altri che giudicano, che etichettano Emma di immoralità, (oh, la puttana che la dà a tutti! oh la puttana che non è riconoscente al bravo maritino che l’adora!), che quei “no” servono alla poveretta per non soccombere, per tirare avanti, per credere che la vita sia – in qualche modo, da qualche parte nell’incompiuto – ancora degna di essere vissuta.

    Ad maiora.

    Is this helpful?

    cc said on Aug 23, 2014 | 6 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Un libro che scorre senza nessun problema, e devo ammettere che mi piace il modo di scrivere di Flaubert ma non posso che porre l'attenzione sul personaggio di Emma, che non sopporto affatto. In realtà l'antipatia non è nata immediatamente, solo dopo ...(continue)

    Un libro che scorre senza nessun problema, e devo ammettere che mi piace il modo di scrivere di Flaubert ma non posso che porre l'attenzione sul personaggio di Emma, che non sopporto affatto. In realtà l'antipatia non è nata immediatamente, solo dopo il matrimonio con Charles: lei è sempre in cerca di qualcosa di nuovo, qualche passione nuova che possa far tacere quel forte senso di soddisfazione che la angoscia, ma dopo un po' di tempo quello che ha comincia ad annoiarla. E' da considerare sicuramente che sono gli uomini a proporsi a lei, ma lei, per sua scelta, sceglie di tradire il marito; ho provato solo grande pena per il povero Charles, che nonostante tentasse di accontentarla in ogni modo, veniva spesso bistrattato o trattato con quell'aria di sufficienza che ho odiato profondamente, e come se non bastasse pure alla bancarotta lo ha portato: non c'è niente da fare, nulla di positiva riesco a rintracciare in questa donna

    Is this helpful?

    Riccardo said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book