Madame Doubtfire

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.6
(76)

Language: English | Number of Pages: 192 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , French , Spanish

Isbn-10: 0140366490 | Isbn-13: 9780140366495 | Publish date:  | Edition Film & TV Tie-in Ed

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Teens

Do you like Madame Doubtfire ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Lydia, Christopher and Natalie Hilliard are used to domestic turmoil and have been torn between their warring parents ever since the divorce. But all that changes when their mother takes on a most unusual cleaning lady.
Sorting by
  • 3

    Una versione più cattiva e cinica del film, che adoro ma è effettivamente un concentrato di zuccheri. Qui entrambi i genitori sono molto più “umani”: i loro errori sono più gravi, le colpe più pesanti ...continue

    Una versione più cattiva e cinica del film, che adoro ma è effettivamente un concentrato di zuccheri. Qui entrambi i genitori sono molto più “umani”: i loro errori sono più gravi, le colpe più pesanti e il rancore cresciuto (a differenza del film, infatti, qui Daniel e Miranda sono ormai separati da anni). Non c’è un nemico da combattere, c’è solo da riconquistare la fiducia e l’amore dei figli (se mai si fosse perduto…).
    Come tutti quelli della mia generazione, sono troppo legata alla versione di Robin Williams di Mrs. Doubthfire per poter davvero apprezzarne la versione del romanzo, tuttavia Anne Fine si riconferma una scrittrice di talento in grado di affrontare temi spinosi - ancora di più negli anni novanta - quali il divorzio, l’affidamento, il mantenimento, senza esprimere giudizi moralistici ma presentando semplicemente la situazione. È come se dicesse, al ragazzino che legge: “Ecco, così sono i genitori. Hanno sbagliato anche loro; sono esseri umani, provano rabbia, dolore, smarrimento. È la vita. E tu non hai colpe”.
    Se letto al momento giusto, potrebbe essere anche d’aiuto.

    said on 

  • 5

    biblioteca;

    MADAME DOUBTIFIRE, 1987

    Non sapevo che ci fosse il libro, avevo visto solo il film con Robin Williams. Il primo di Anne Fine che ho letto è stato "Magia interrotta", che non mi ha detto nulla, ma l'ho ...continue

    MADAME DOUBTIFIRE, 1987

    Non sapevo che ci fosse il libro, avevo visto solo il film con Robin Williams. Il primo di Anne Fine che ho letto è stato "Magia interrotta", che non mi ha detto nulla, ma l'ho poi rivalutata con "Bambini di farina" e ora con questo.
    Bello davvero.

    E' diverso dal film, perché il film è più leggero, glissa parecchio sulle lacrime e il sangue, invece il libro è più duro, più vero.

    said on 

  • 3

    Quando ho scelto di leggere questo libro ero sicurissima di andare incontro ad una lettura divertente e spassosa, conoscendo già la storia tramite il film. Ma mi sbagliavo di grosso amici miei. Questa ...continue

    Quando ho scelto di leggere questo libro ero sicurissima di andare incontro ad una lettura divertente e spassosa, conoscendo già la storia tramite il film. Ma mi sbagliavo di grosso amici miei. Questa lettura non mi ha ricordato per nulla le grasse risate fatte con il film, evidentemente nella sceneggiatura cinematografica hanno volontariamente evidenziato l'aspetto comico della storia esaltandolo parecchio. Penso che lo scopo era quello di creare una commedia divertente, appunto.
    Ma di commedia divertente in questo libro c'è ben poco. In realtà mi stupisce anche che sia parte di una collana per ragazzi, certo è scritto per i giovanissimi ma se devo essere sincera non mi aspettavo una lettura così "impegnativa" e soprattutto a tratti anche poco adatti ai bambini o giovani adolescenti.. ci tengo a sottolineare, soprattutto se i bambini hanno genitori separati o divorziati.
    Ebbene si, dico questo perchè la storia si concentra per lo più sull'odio e i litigi di Miranda e Daniel, ex coniugi, e a risentire di tutto ciò, sono ovviamente i tre figlioletti. Infatti, la vita di Lydia, Christopher e la piccola Natalie è divisa fra i due genitori, in un continuo, precario, equilibrio di soddisfare i piaceri dell'una e dell'altro genitore e subire costantemente le lamentele e gli insulti, a volte anche pensati, rivolti da parte di un genitore nei confronti dell'altro. E poveri piccoli ne soffrono enormemente, e si evince in maniera chiara. In ogni lite i bimbi reagiscono in maniera diversa, Lydia si chiude in sè stessa, Christopher si rannicchia contro il muro cantando sotto voce una nenia, Natty si tappa le orecchie cercando di non sentire, e i continui scontri fra i genitori, i continui dispetti che si rivolgono, non fanno che sottolineare i malesseri dei figli, portandoli ad allontanarsi sempre più dall'affetto verso i genitori e soprattutto dall'idea che possa esistere un valore fondamentale come la famiglia.
    Miranda si ostina a non voler cedere i figli a Daniel, poichè lo ritiene un uomo estremamente irresponsabile e non si fida di lui, questo spinge Daniel a travestirsi da mega baby-sitter ed introdursi in questo modo nella vita dei propri figli. Questo è l'unico modo per lui di rimanere accanto a loro, più delle ore settimanali previste dal tribunale. Nei mesi in cui Mrs Doubtfire vivrà nella sua vecchia casa, avrà modo di parlare con Miranda del rapporto con l'ex marito, cogliendo i malesseri e le motivazioni che hanno portato Miranda ad allontanare il marito. Ovviamente la messinscena verrà scoperta e apriti cielo. Accade l'inferno tra i due genitori e questo davanti gli occhi dei figli. Per fortuna le cose non possono andare peggio di così, anzi la bufera causata da Mrs Doubtfire, porterà entrambi gli ex coniugi ad un attento esame di coscienza e a capire che le loro lotte non fanno affatto bene ai loro figli e in qualche modo sarà proprio l'amore verso il bene dei figli ad illuminare il loro cammino di genitori e provare quantomeno a venirsi incontro, trovando una soluzione alle loro incompatibilità.
    E' una storia estremamente reale, tante famiglie vivono, purtroppo, in queste condizioni, tanti genitori mandano avanti le loro lotte senza cogliere il male che, involontariamente, infliggono ai propri figli. D'altro canto i figli appaiono, a volte, egoisti, pretendendo l'infelicità dei genitori pur di avere ancora una famiglia unita, che unita non sarà mai, se alla base del rapporto tra marito e moglie c'è solo odio e insofferenza. Sia nel caso di genitori insoddisfatti, che nel caso di figli infelici, non si capisce che dall'altro lato ci sono persone con propri sogni e desideri, con proprie emozioni che hanno tutto il diritto di vivere, per tanto giungere ad una soluzione che soddisfi entrambe le parti è estremamente difficile e, nella maggior parte dei casi, impossibile!
    Insomma, una storia di famiglia, una storia di litigi, una storia di amore per i figli, e per fortuna una storia di riconciliazione. Ammetto che mi aspettavo qualcosa di molto diverso e devo dire che un pò mi ha lasciata delusa questa storia, credo perchè troppo influenzata dal film, che per una volta devo dire di aver preferito al libro.

    said on 

  • 4

    Mi è piaciuto molto!
    La tematica era molto forte, ho provato molta rabbia leggendolo. Il divorzio rimane tutt'oggi un problema. E Anne Fine l'ha descritto nella maniera più reale e spietata. Consiglia ...continue

    Mi è piaciuto molto!
    La tematica era molto forte, ho provato molta rabbia leggendolo. Il divorzio rimane tutt'oggi un problema. E Anne Fine l'ha descritto nella maniera più reale e spietata. Consigliato a genitori egoisti!

    said on 

  • 2

    Ok, era ovvio che avrei avuto delle delusioni sul piano libri nel 2015 ma non pensavo così presto, NON così cocente e soprattuto NON con questo libro, che ho desiderato ardentemente non appena scopert ...continue

    Ok, era ovvio che avrei avuto delle delusioni sul piano libri nel 2015 ma non pensavo così presto, NON così cocente e soprattuto NON con questo libro, che ho desiderato ardentemente non appena scoperto la sua esistenza (e causa di un ordine su Libraccio per rimediarlo).

    L'ho odiato e mi ha provocato profondo disagio, lo ammetto! NOn credo nemmeno ci arrivi, alle due stelline. Sigh.

    Ero pronta ad affrontare una storia che avesse ispirato il film (*Adoro*) e se ne discostasse, giuro.. Ma non ho mai visto personaggi così negativi, cattivi, avvelenati. Miranda e Daniel (che per me aveva i tratti di Robin Williams, quindi ancora più impossibile far coincidere le due figure) si dicono cose incredibili, l'odio e il veleno che traspaiono mi hanno messo, come dicevo, in uno stato di profondo disagio. Il modo in cui Daniel si relaziona con i figli, la sua violenza (verbale/fisica).. No, ma serio? Non so cosa abbia voluto dimostrare ma.. Io ad un bambino non lo farei MAI MAI MAI leggere, giuro!

    Il libro mi ha disturbato nella sua interezza, ma credo che già questi due passaggi esemplifichino il tutto:

    Due settimane dopo, Madame Doubtfire, appogiata alla ringhiera del pianerottolo, si grattava una gamba pelosa e fumava un mezzo sigaro, Lydia uscì di camera trasportando una pila di giornalini vecchi.
    "Non dovresti fumare" ]...]
    "Ascolta zuccherino" disse. "Quand'ero givoane e beatamente scapolo, bevevo il mio whisky in santa pace e fumavo le mie cicche senza che nessuno mi scocciasse. Quei giorni felici sono ormai lontani, finiti. Quindi se ora di tanto in tanto mi concedo mezza pinta di birra o un mezzo sigaro, ti pregherei di non rompere. Piuttosto datti da fare con le pulizie, fiorellino. Se queste camere non saranno lustre come specchi quando mammina torna a casa, il tuo umile servo potrebbe essere licenziato".
    "Non capisco perché dobbiamo farle noi, le pulizie. In fondo, sei tu quello che viene pagato"
    "Lo sai benissimo che finisce tutto nei dannati alimenti".

    E poi:

    "Dopotutto recitare è soltanto un lavoro. L'hai detto tu".
    Ormai incapace di controllarsi oltre, Daniel lo aggunatò per il bavero e lo sbatté rabbiosamente contro il muro.
    "Perché, piccola carogna" urlo fuori di sé, "Come tu sai benissimo un lavoro è un lavoto, ma la vita vera è vera!".

    Qui volevo chiudere il libro e abbandonarlo al suo destino.. Ma cos'è?? Cosa c'è di positivo in questa descrizione di Daniel? Mi sta rovinando la memoria del film, terribile.. Ho urgente bisogno di vederlo e riprendere l'idea che avevo di Miss Doubtfire ;_;

    Bocciato, bocciato, bocciato!!! Assolutamente bocciato. *piango*.

    said on 

  • 4

    A father struggling to see his children after divorce decides to become "Madame Doubtfire", the new housekeeper in his ex wife's house. Obviously that disguisement won't last...
    This book is meant for ...continue

    A father struggling to see his children after divorce decides to become "Madame Doubtfire", the new housekeeper in his ex wife's house. Obviously that disguisement won't last...
    This book is meant for children but it's very sad in my opinion. It shows you how painful can be a divorce. You can see the desperation of this father, the hatred between father and mother... above all the suffering of this children, always seeing their parents fighting and arguing...
    A good book but very sad indeed.

    said on 

  • 4

    Mrs Doubtfire è un personaggio che conosciamo più o meno tutti, e che ricordiamo col cuore stretto coi tratti di Robin Williams (già prima...di questa estate).
    La storia arriva dalla penna di Anne Fin ...continue

    Mrs Doubtfire è un personaggio che conosciamo più o meno tutti, e che ricordiamo col cuore stretto coi tratti di Robin Williams (già prima...di questa estate).
    La storia arriva dalla penna di Anne Fine, che già nei suoi libri per adulti ci racconta in modo sottile e molto rispondente al vero le ipocrisie tra parenti, i contrasti, le antipatie e gli antichi rancori all'interno della famiglie; nei suoi libri per ragazzi ha il merito speciale di saper raccontare come sia vivere all'interno di una famiglia che si è sciolta, cosa che hanno fatto in pochissimi altri autori, e purtroppo nel mondo di oggi (e anche in quello di quindici o venti anni fa...) c'è tanto bisogno di storie così, di storie che ci facciano sentire meno soli, che allevino un po' certe ferite, che ci facciano capire che non succede solo a noi, in questo modo, ma che lo stesso copione si replica con ben poche varianti da molte altre parti.

    La Mrs Doubtfire del libro è un po' diversa da quella del grande schermo: innanzitutto tutti e tre i figli sono al corrente dell'inganno (quindi, nessuna carrambata nel finale), e poi mentre è in casa con loro è scorretta da morire, tira su la gonna mostrando le gambe pelose, fuma il sigaro, fa fare ai bambini i lavori di casa...insomma, fa ridere, è divertente, e crea un bel contrasto col padre sofferente che vede poco i propri figli che troviamo nelle prime pagine.
    Ne consiglio caldamente la lettura a tutti i bambini o ex bambini figli di genitori separati, o anche solo a chi ha l'intelligenza e quel minimo di capacità di calarsi nei panni degli altri da poter immaginare come possa essere quando una famiglia va in pezzi.

    Mrs Doubtfire non è un libro particolarmente drammatico, perché il dramma è già avvenuto, ma ci fa vedere le macerie, e ovviamente è un libro triste, anche perché quello che mostra soprattutto è che i bambini vedono e sentono tutto, sempre, anche le stoccatine che scappano per il nervoso, persino il non detto, che si intuisce benissimo, specie per chi si abitua a crescere attento e con le antenne dritte, pronte a cogliere i segnali di una tempesta imminente. Per forza, sono lì, fanno parte della famiglia anche loro, come potrebbe essere altrimenti...?

    said on 

  • 2

    una lettura angosciante, che esprime fin troppo realisticamente il continuo sbattere da una parte all'altra dei figli di coppie divorziate, la paura di deludere uno dei genitori, l'ansia di dover asco ...continue

    una lettura angosciante, che esprime fin troppo realisticamente il continuo sbattere da una parte all'altra dei figli di coppie divorziate, la paura di deludere uno dei genitori, l'ansia di dover ascoltare i due litigare o uno dei due parlare male dell'altro...l'espediente comico del travestimento per me é passato totalmente in secondo piano!

    said on 

  • 3

    er poter rimanere con i suoi tre figli dopo il divorzio, Daniel Hillard si fa assumere come governante dalla moglie....a sua insaputa ! Infatti lui è Mrs Doubtfire, un'amorevole vecchietta perfetta in ...continue

    er poter rimanere con i suoi tre figli dopo il divorzio, Daniel Hillard si fa assumere come governante dalla moglie....a sua insaputa ! Infatti lui è Mrs Doubtfire, un'amorevole vecchietta perfetta in tutto per tutto.
    Da questo libro è stato tratto il film "Mrs Doubtfire", che ha come protagonista Robin Williams.

    Avrò visto il film almeno tre volte ed è in assoluto uno dei miei preferiti, forse è per questo che mi aspettavo molto dal libro.
    Eppure l'ho trovato molto diverso dalla pellicola, con dialoghi e descrizioni che rendevano la lettura piuttosto lenta e pesante.

    Ha però il pregio di contenere suspence ed è abbastanza divertente.

    said on 

  • 5

    E' una storia molto più vera di quella del film, tratteggiata con penna da maestra. I dialoghi raccontano moltissimo, ed è tutto incastrato perfettamente, credibile, bello... i simboli sono importanti ...continue

    E' una storia molto più vera di quella del film, tratteggiata con penna da maestra. I dialoghi raccontano moltissimo, ed è tutto incastrato perfettamente, credibile, bello... i simboli sono importanti ed è bello che ci siano. Stilisticamente perfetto, la storia è molto molto bella.

    said on