Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mai toccato da mani umane

Urania Collezione 007

Di

Editore: Mondadori (Urania Collezione)

4.1
(276)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 199 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Giapponese

Isbn-10: A000005288 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Andreina Negretti , Eugenio Gaglia , Daniella Selvatico Estense ; Curatore: Giuseppe Lippi ; Illustrazione di copertina: Giacomo Callo ; Prefazione: Bebo Storti

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Mai toccato da mani umane?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La fantascienza ci fulminò. Asimov, Heinlein, Mclntosh, Niven e Pohl, Brown e Sturgeon e mille altri pochi o nessuno come Robert Sheckley. Con il suo modo leggero e a volte crudele di trattare le cose degli altri pianeti. Con il suo tocco fatato e mai banale. Questa antologia o raccolta di racconti racchiude tutto ciò di buono che di Sheckley ho appena detto. Tutto l'umorismo o il gusto per lo spiazzamento.
lngegnoso, paradossale, brillante, crudelmente satirico: questo è Robert Sheckley. È soprattutto ai racconti che questo autore incandescente deve la propria fama, I testi qui raccolti sono fra "il meglio" della sua produzione e coprono una gamma di temi varia, sconcertante, divertentissima: dalle avventure spaziali ai robot, dall'utopia alla parodia, dalla colonizzazione dei pianeti alle creature extraterrestri.
Ordina per
  • 4

    Bebo storti

    Unica volta in cui ho letto due volte l'introduzione di un libro. Bebo Storti, che l'ha scritta, strappa più di un sorriso ed introduce il libro con grande simpatia.
    Il libro è una raccolta di racconti di un autore il cui nome non è certo famoso come quelli di Asimov, Ballard, Herbert, fors ...continua

    Unica volta in cui ho letto due volte l'introduzione di un libro. Bebo Storti, che l'ha scritta, strappa più di un sorriso ed introduce il libro con grande simpatia.
    Il libro è una raccolta di racconti di un autore il cui nome non è certo famoso come quelli di Asimov, Ballard, Herbert, forse perché col romanzo lungo non ha mai avuto grossa fortuna. Tuttavia quello che mette sul piatto sono piccole perle di ironia e fantasia. Davvero interessanti.

    ha scritto il 

  • 5

    ahhhh

    devo dire che sheckley è ad un passo dal diventare uno dei miei autori preferiti
    una piacevole scoperta di questi ultimi mesi

    anche questa raccolta di racconti è davvero notevole.

    ora devo procurarmi ancora dei suoi libri

    ha scritto il 

  • 4

    Avete presente il telefilm "ai confini della realtà"? Ci assomiglia molto, anche se le storie sono ambientate solo nel futuro. Bello, scorrevole, sorprendente, con alcuni episodi simpatici altri che ti lasciano un po' di stucco. Da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    SCI FI CLASSICA

    Gustosi racconti dell'epoca d'ora della fantascienza americana. Ben scritti, alcuni con un'interessante vena ironica. Ottime idee, ancora fresche, e ottimo stile. Autore da approfondire, magari con un romanzo (Gli Orrori di Omega) anche se dai commenti letti in rete pare che dia il suo meglio nei ...continua

    Gustosi racconti dell'epoca d'ora della fantascienza americana. Ben scritti, alcuni con un'interessante vena ironica. Ottime idee, ancora fresche, e ottimo stile. Autore da approfondire, magari con un romanzo (Gli Orrori di Omega) anche se dai commenti letti in rete pare che dia il suo meglio nei racconti.

    ha scritto il 

  • 4

    A volte non sempre a fuoco nei romanzi, lo statunitense Sheckley ha in special modo dato il meglio di sé sulla distanza più contenuta del racconto: le sue storie brevi sono uscite in più raccolte, di cui questa ne racchiude nove scritte nella prima metà degli anni Cinquanta, quando il loro autore ...continua

    A volte non sempre a fuoco nei romanzi, lo statunitense Sheckley ha in special modo dato il meglio di sé sulla distanza più contenuta del racconto: le sue storie brevi sono uscite in più raccolte, di cui questa ne racchiude nove scritte nella prima metà degli anni Cinquanta, quando il loro autore non era neppure trentenne. I temi sono classici, dall’avventura nello spazio ai robot, dalla colonizzazione dei pianeti al rapporto con le creature extraterrestri, ma l’ambientazione fantascientifica è più che altro un involucro esteriore per i temi che più stanno a cuore all’autore: uno sguardo sovente disilluso e carico di caustica ironia sull’agire dell’uomo nei confronti dei suoi simili e dell’ambiente che lo circonda. Non tutti gli episodi sono allo stesso livello, ma la qualità media è comunque alta: il migliore è anche il più conosciuto, quel ‘La settima vittima’ – alla base del film di Elio Petri ‘La decima vittima’ – in cui l’insopprimibile violenza insita nella razza umana viene incanalata in un gioco assai pericoloso. Non molto da meno sono l’amaro ‘Pellegrinaggio alla Terra’ – che narra di un colono torna al pianeta madre alla ricerca di un amore che scopre di potersi solo comprare – o la commedia degli equivoci narrata in ‘Criminali cercansi’, dove una civiltà vergine rischia di essere inquinata dai vizi umani - un tema analogo è presente anche ne ‘I mostri’. ‘Il catalogo delle mogli’ (titolo maldestro rispetto all’originale ‘Human man’s burden’) chiude il volume in leggerezza, con una sorta di commedia spaziale che fa indossare una nuova veste al vecchio tema delle donne che scelgono da quale uomo farsi scegliere: l’ideale per rischiarare l’atmosfera dopo il cupo ‘L’Accademia’, in cui la struttura del titolo stronca qualsiasi accenno di devianza sociale in un modo che si rivela più brutale di qualsiasi intervento chirurgico. I restanti racconti regalano comunque un ottimo intrattenimento, magari solo indebolito da una conclusione non efficace come negli altri casi: comunque sia, questo vecchio ‘Urania Collezione’ ripescato in un cestone per un paio di euro regala qualche ora di lettura di certo leggera ma mai banale.

    ha scritto il 

  • 3

    In questo caso tre stelle = più che buono

    Lettura d’evasione di alto livello: una godibilissima raccolta di racconti brevi in cui gioca un ruolo fondamentale il gusto per il paradosso e per il rovesciamento di prospettiva. La Terra, quando compare, è quasi sempre un luogo degenerato, in cui l’evoluzione della società ha portato a baratta ...continua

    Lettura d’evasione di alto livello: una godibilissima raccolta di racconti brevi in cui gioca un ruolo fondamentale il gusto per il paradosso e per il rovesciamento di prospettiva. La Terra, quando compare, è quasi sempre un luogo degenerato, in cui l’evoluzione della società ha portato a barattare l’individualismo e la varietà con la pace duratura e la stabilità sociale. Agghiacciante, a ben pensarci.

    Recensione di servizio
    Conoscendo la labilità della mia memoria, elenco i racconti accompagnandoli con un breve memo.
    Mai toccato da mani umane – Mangiare o essere mangiato?
    Pellegrinaggio alla Terra – E’ amore, o solo fiction?
    La montagna senza nome – L’uomo, questo parassita.
    Clandestino – Dove la scienza non arriva ( <-- non mi soddisfa, ma il racconto non mi è piaciuto e non ha stimolato la mia - scarsa - inventiva).
    I mostri – Chi è normale e chi no? (Mi ha ricordato “La sentinella” di F. Brown, sviluppato su un tema analogo)
    La settima vittima – Cacciatori e prede, per incanalare la violenza entro regole ben definite
    Criminali cercansi – Un pianeta-arcadia vuole imitare la Grande Madre Terra.
    L’accademia – Quando deviare dalla norma è reato
    Il catalogo delle mogli – Ma chi l’ha detto che i robot non hanno l’anima?

    ha scritto il 

  • 4

    Raccolta di racconti fantascientifici ma anche umoristici.
    Come sempre succede nelle raccolte, i racconti non sono tutti allo stesso livello, anche perchè alcuni trattano argomenti più "leggeri" di altri. Il più noto è probabilmente "La settima vittima", contenuto anche nelle "Meraviglie de ...continua

    Raccolta di racconti fantascientifici ma anche umoristici.
    Come sempre succede nelle raccolte, i racconti non sono tutti allo stesso livello, anche perchè alcuni trattano argomenti più "leggeri" di altri. Il più noto è probabilmente "La settima vittima", contenuto anche nelle "Meraviglie del possibile".

    Mai toccato da mani umane ★★★★
    Pellegrinaggio alla Terra ★★★
    La montagna senza nome ★★★★
    Il clandestino ★★
    I mostri ★★★
    La settima vittima ★★★★★
    Criminali cercansi ★★★★★
    L'Accademia ★★★★★
    Il catalogo delle mogli ★★

    ha scritto il