Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Making Money

Discworld, Book 36

By

Publisher: Corgi

4.2
(150)

Language:English | Number of Pages: 480 | Format: Mass Market Paperback | In other languages: (other languages) Czech

Isbn-10: 0552154903 | Isbn-13: 9780552154901 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Audio CD , Paperback , eBook , Others

Category: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Do you like Making Money ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
It's an offer you can't refuse. Who would not to wish to be the man in charge of Ankh-Morpork's Royal Mint and the bank next door? It's a job for life. But, as former con-man Moist von Lipwig is learning, the life is not necessarily for long. The Chief Cashier is almost certainly a vampire. There's something nameless in the cellar (and the cellar itself is pretty nameless), it turns out that the Royal Mint runs at a loss. A 300 year old wizard is after his girlfriend, he's about to be exposed as a fraud, but the Assassins Guild might get him first. In fact lot of people want him dead. Oh. And every day he has to take the Chairman for walkies. Everywhere he looks he's making enemies. What he should be doing is ...Making Money!
Sorting by
  • 4

    La saga del Mondo Disco è così vasta ed è stata scritta in un arco di tempo così ampio che la qualità dei romanzi ne risulta giocoforza altalenante. Tra i tanti cicli che la compongono uno dei più interessanti e complessi è senza dubbio quello dedicato a Moist von Lipwig, simpatico e impenitente ...continue

    La saga del Mondo Disco è così vasta ed è stata scritta in un arco di tempo così ampio che la qualità dei romanzi ne risulta giocoforza altalenante. Tra i tanti cicli che la compongono uno dei più interessanti e complessi è senza dubbio quello dedicato a Moist von Lipwig, simpatico e impenitente truffatore protagonista di tre romanzi: Going Postal, Making Money, e il recentissimo Raising Steam, ultima opera pubblicata da Terry Pratchett a novembre, cui si spera con tutto il cuore che – dato l'impietoso incedere della malattia – ne seguiranno altre.

    In Going Postal Pratchett ha presentato ai suoi lettori Moist, l'equivalente cartaceo del noto truffatore Frank Abagnale Junior: giovane e pieno d'inventiva, coadiuvato da un talento innato nel capire i desideri della gente e da una fortuna sfacciata, Moist vive di piccoli e grandi imbrogli finché le trame del Patrizio Vetinari non lo mettono a capo del fatiscente Ufficio Postale.
    In Making Money, ormai rimodernato il sistema postale cittadino, Vetinari solletica il suo spirito d'avventura mai sopito proponendogli la direzione della Royal Bank e della Zecca di Ankh-Morpork, incarico che Moist inizialmente rifiuta. Ma quando muore la signora Lavish, comproprietaria della banca, Moist si ritrova padrone di Mr Fusspot, un cane che incidentalmente possiede il 51% delle quote della Royal Bank. I ricchi parenti della signora – primi tra tutti i figli Cosmo e Pucci – non accettano di venire defraudati delle loro ricchezze da un capo dell'Ufficio Postale dal passato oscuro. Passato che, a proposito, rischia di venire alla luce grazie all'arrivo in città di Cribbins, ex socio di Moist, proprio mentre sta per lanciare una nuova e geniale idea: denaro di carta, il cui valore è determinato dalla solidità della banca e della stessa Ankh-Morpork, e non più dal peso in oro della moneta.

    Ancora una volta, Pratchett sforna un dilettevole romanzo d'intrattenimento denso di british humour, che come sempre farà breccia nell'entusiasmo dei suoi fedeli lettori con cammei, citazioni e riagganci ai precedenti libri - motivo per cui consiglio la lettura della saga in ordine cronologico di pubblicazione. Bersaglio della sua pungente ironia è questa volta il mondo degli affari: quale miglior banchiere di uno showman che con una mano gesticola per far ridere la gente mentre le ficca l'altra in tasca per derubarla?
    Come capita spesso all'autore, la storia tende a caricarsi eccessivamente, quasi fosse un minestrone con troppa verdura: ben pochi libri scampano alla furia narrativa di Terry Pratchett, che proprio non riesce a concentrarsi su poche situazioni ben definite e finisce per arricchire compulsivamente le sue storie di spunti che sarebbero anche divertenti se non facessero perdere la bussola. In ogni caso, la figura di Moist giganteggia così tanto sulla pagina che nel ciclo a lui dedicato si evita la moltiplicazione di personaggi e di punti di vista, e a dividersi la scena sono (quasi) sempre e solo lui, il Patrizio Vetinari e la cinica Adora, tre perfetti antieroi così ben definiti da non apparire macchiettistici.

    Consigliato a chi legge in inglese, perché, in base ai ritmi di pubblicazione della Salani, vedremo Going Postal e Making Money in Italia rispettivamente nel 2026 e nel 2028.

    Recensione pubblicata anche sulla Stamberga:
    http://www.lastambergadeilettori.com/2014/06/making-money-terry-pratchett.html

    said on 

  • 3

    Non certo uno dei libri migliori del Mondo Disco per quanto mi piaccia il trend di Terry Pratchett di mostrare come se la cava il Mondo Disco alle prese con problemi della nostra società (in questo caso le banche!). Sul mio giudizio pesa il fatto che: 1) l'inglese di Terry Pratchett non è banale ...continue

    Non certo uno dei libri migliori del Mondo Disco per quanto mi piaccia il trend di Terry Pratchett di mostrare come se la cava il Mondo Disco alle prese con problemi della nostra società (in questo caso le banche!). Sul mio giudizio pesa il fatto che: 1) l'inglese di Terry Pratchett non è banale e molte sfumature temo di essermele perse pur intuendole; 2) è il seguito di "Going Postal" che, ahimè, non ho ancora letto; 3) la città di Ankh-Morpork si popola di romanzo in romanzo con personaggi che compaiono successivamente senza più essere introdotti e se non ti ricordi bene gli eventi ad essi legati ti perdi parte del divertimento.
    Il Ciclo delle Guardie resta comunque il migliore!

    said on 

  • 5

    La historia de un 'crack' con un potencial que incluso él mismo desconocía. Una escalada de ladronzuelo a Señor Del Dinero que va tejiéndose y evolucionando a través de un itinerario sorprendente, inteligente, divertidísimo y que, como siempre, nos suena de algo (todo parecido con Mundobola es me ...continue

    La historia de un 'crack' con un potencial que incluso él mismo desconocía. Una escalada de ladronzuelo a Señor Del Dinero que va tejiéndose y evolucionando a través de un itinerario sorprendente, inteligente, divertidísimo y que, como siempre, nos suena de algo (todo parecido con Mundobola es mera coincidencia!).

    En la línea de Terry pratchett, que mejora a cada libro y nos deleita con la forma y el contenido a partes iguales.

    Mucho mejor si leemos antes 'Going Postal', ya que podremos conocer la historia de el protagonista desde cero.

    said on 

  • 4

    Il Discworld e le banche. Meno riuscito degli altri.

    Trentaduesimo (o trentaseiesimo, se consideriamo anche quelli "per giovani lettori") libro del Discworld, questo Making Money riprende il personaggio di Moist von Lipwig da <a href="http://xmau.com/notiziole/arch/200601/002024.html">Going Postal</a>, e stavolta lo manda ...continue

    Trentaduesimo (o trentaseiesimo, se consideriamo anche quelli "per giovani lettori") libro del Discworld, questo Making Money riprende il personaggio di Moist von Lipwig da <a href="http://xmau.com/notiziole/arch/200601/002024.html">Going Postal</a>, e stavolta lo manda a dirigere la banca principale di Ankh-Morpork. Il tutto insieme a golem vecchi e nuovi, maghi vivi e morti, naturalmente Lord Vetinari, e a una visione dell'economia che è simile in modo preoccupante a quella che si vede in questi mesi... se non fosse che il libro è uscito in edizione rilegata un anno e mezzo fa. Ecco, mancano i mutui subprime, ma tutto il resto lo si trova.
    Il libro non è certo brutto, ma devo dire che mi è piaciuto meno degli altri. La parte meno riuscita è quella centrale, dove mi sembra che Pratchett tenda a riempire pagine su pagine senza portare avanti la storia: cosa che non mi era mai capitato di vedere nei suoi libri. D'altra parte, ricordandosi dei suoi problemi, non mi sembra che sia quello il peggior problema.

    said on 

  • 4

    It doesn't live up to Going Postal, but it's quite good.
    The fact that I raced over the last 120 pages and finished them at 4 in the morning, after 2 hours of reading, speaks for itself.

    said on 

  • 0

    remarkable book, it makes pratchett the most imaginative economist since the times of John Maynard Keynes.


    An economy's transition from gold-standard to golem-standard should become a fundamental exercise for economists, so that they re able to forecast and model an equally unlikely event ...continue

    remarkable book, it makes pratchett the most imaginative economist since the times of John Maynard Keynes.

    An economy's transition from gold-standard to golem-standard should become a fundamental exercise for economists, so that they re able to forecast and model an equally unlikely event like a housing bust + stock market crash + widespread banking bankrupcies + whatever is awaiting us and we could forecast if only had we imaginative economists trained to explore the world of possibilities :-)

    said on 

  • 4

    Scoppiettante come al solito, anche se non eccelso. I personaggi sono tutti dei "vecchi amici", quindi non e' assolutamente da leggere in maniera "casual". Diciamo che come minimo ci sarebbe da leggersi Going Postal. Moist e' Moist, Spike e' Spike, e Mr. Fusspot e' semplicemente favoloso. Consigl ...continue

    Scoppiettante come al solito, anche se non eccelso. I personaggi sono tutti dei "vecchi amici", quindi non e' assolutamente da leggere in maniera "casual". Diciamo che come minimo ci sarebbe da leggersi Going Postal. Moist e' Moist, Spike e' Spike, e Mr. Fusspot e' semplicemente favoloso. Consigliatissimo, con le dovute precauzioni.

    said on 

  • 4

    Da Thud in avanti Pratchett diventa sempre più cupo e sempre affronta la satira pura di costume.
    In Making Money gli strali prendono di mira la finanza in primo luogo.
    Non raggiunge i livelli di Thud ma rimane sempre una lettura deliziosa.

    said on 

  • 4

    It's quite good, of course...

    ... only Thieves of Time I ever found less than satisfactory.
    Still it seems pretty much routine to me - as i found Thud!, and even the obvious comparison, Going Postal.

    Once again, we have a complex idea with fascinating social implications: here it's "where does financial reputati ...continue

    ... only Thieves of Time I ever found less than satisfactory.
    Still it seems pretty much routine to me - as i found Thud!, and even the obvious comparison, Going Postal.

    Once again, we have a complex idea with fascinating social implications: here it's "where does financial reputation come from?", just as in Thud! was the clash of different cultures proud of themselves - plus one that cares little about any.
    The story plays with familiar characters, wit, and Diskworld themes around this idea. So it is quite good.

    With some more sentiment, and a more thorough development of the driving idea, it could have been another Feet of Clay, or a Monstruous Regiment.

    Thanks all the same.

    said on