Mal Principio

(Series Of Unfortunate Events (Spanish))

By

Publisher: Rebound by Sagebrush

3.8
(1705)

Language: English | Number of Pages: | Format: School & Library Binding | In other languages: (other languages) Spanish , Chi traditional , Italian , French , German , Portuguese

Isbn-10: 1417628871 | Isbn-13: 9781417628872 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Library Binding , Audio Cassette , Audio CD , Paperback , Mass Market Paperback , Others

Category: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Do you like Mal Principio ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Dear Reader,

"Rare" is a word which can mean either "not burnt to a crisp, and likely to make you ill" or "slightly harder to find." I'm sad to say that this rare edition of the bad beginning fits both of these definitions. In this alleged box, you will find the following:

A woeful story entitled the bad beginning, featuring a disturbing new cover.

An entire chapter of previously unpublished author's notes, which are arguably even more woeful than the tale itself.

An alarming portrait of the heroes and villains of this tale, ready to display in a souvenir frame. You may prefer to display your own, less disturbing, 4" x 6" image.

It is my sad duty to provide these miserable materials to the public, but you are free to look for something easier to find and less likely to upset your stomach.

With all due respect,

Lemony Snicket

Sorting by
  • 4

    Letto con mia figlia di quasi sette anni che lo ha adorato, è una letture divertente per i ragazzi, che sembra prendere in giro il brodo di buonismo con cui dipingiamo spesso il mondo ai loro occhi. P ...continue

    Letto con mia figlia di quasi sette anni che lo ha adorato, è una letture divertente per i ragazzi, che sembra prendere in giro il brodo di buonismo con cui dipingiamo spesso il mondo ai loro occhi. Piacevole e originale.

    said on 

  • 4

    «They didn't understand it, but like so many unfortunate events in life, just because you don't understand it doesn't mean it isn't so»

    La storia degli sfortunati fratelli Baudelaire la conoscono anch ...continue

    «They didn't understand it, but like so many unfortunate events in life, just because you don't understand it doesn't mean it isn't so»

    La storia degli sfortunati fratelli Baudelaire la conoscono anche i sassi, quantomeno per il film, che io avrò visto decine di volte. E di recente ho guardato pure la nuova serie.
    Ma, nonostante me lo fossi ripromesso spesso e volentieri, non avevo mai intrapreso la lettura dei graziosi libelli di Lemony Snicket.
    Ebbene, ho rimediato!
    Altro che “tutto è bene quel che finisce bene”... in questo libro sembra non esserci limite al peggio!
    Il romanzo è un inno al pessimismo più nero, condito da amara ironia. Una specie di parodia di quei romanzi vittoriani dove all'orfanello di turno ne capitavano di tutti i colori, fino al tanto agognato e sofferto riscatto sociale.
    I personaggi che orbitano attorno a Violet, Klaus e Sunny, sono grotteschi al limite dell'immaginabile. Il Conte Olaf, ridicolo e spietato allo stesso tempo. Mr Poe, uomo di buon cuore ma ottuso in modo imbarazzante. il Giudice Strauss, tanto inflessibile nel suo lavoro alla Supreme Court quanto facile da raggirare nella vita reale. Il mondo degli adulti sembra davvero essere un gabbia di matti!!
    La contrapposizione che l'autore riesce a creare tra le disgrazie che piombano sul capo dei tre giovani Baudelaire e le assurde situazioni in cui vengono a trovarsi, così esilaranti nella loro tragicità, è davvero geniale.
    Un piccolo capolavoro di ingegno, finezza e sottile ironia senza tempo e senza età! :)

    said on 

  • 0

    Ho adorato il film e ho deciso di iniziare a leggere i libri per scoprire tutti quei dettagli che venivano tralasciati! La lettura è leggermente infantile ma me lo aspettavo, mi ha sorpreso vedere qua ...continue

    Ho adorato il film e ho deciso di iniziare a leggere i libri per scoprire tutti quei dettagli che venivano tralasciati! La lettura è leggermente infantile ma me lo aspettavo, mi ha sorpreso vedere quanto il film si fosse tenuto fedele anche nei più piccoli dettagli, non vedo l'ora di scoprire come va a finire!

    said on 

  • 3

    Eccellente libro per ragazzi. Appassiona, fa riflettere, e ha questa deliziosa abitudine di inserire nel racconto parole "difficili" e spiegarne il significato. Mi comprerò l'intera serie perché un gi ...continue

    Eccellente libro per ragazzi. Appassiona, fa riflettere, e ha questa deliziosa abitudine di inserire nel racconto parole "difficili" e spiegarne il significato. Mi comprerò l'intera serie perché un giorno i miei figli possano leggerla.

    said on 

  • 3

    Riletto dopo 5 anni (sigh) di distanza l’ho apprezzato maggiormente. Rileggendo il mio commento dell’epoca mi domando cosa stessi pensando… ancora non lo ritengo un capolavoro, per quanto sia ben cost ...continue

    Riletto dopo 5 anni (sigh) di distanza l’ho apprezzato maggiormente. Rileggendo il mio commento dell’epoca mi domando cosa stessi pensando… ancora non lo ritengo un capolavoro, per quanto sia ben costruito, maturo, intelligente e perfido. Credo che sia una di quelle letture che acquistano sempre più valore se lette durante la crescita.
    Incredibile, però, avevo completamente dimenticato la trama, come se non l’avessi mai letto! I misteri della memoria. Comunque sì, Lemony Snicket (alias Daniel Handler) potrebbe essere il Roald Dahl del XXI secolo. Un erede meno magico ma ancora più cattivo, con lo stesso obiettivo: comunicare in modo non convenzionale con i bambini.

    said on 

  • 3

    La sfortunata sorte dei lettori - da adulti

    Certi libri andrebbero letti da ragazzi.
    Questo è uno di quei certi libri.
    Si parla delle vicende di tre bambini - Violet di 14 anni, Klaus di 12 e Sunny di 4 - i Baudelaire.
    Già dall'incipit sappiamo ...continue

    Certi libri andrebbero letti da ragazzi.
    Questo è uno di quei certi libri.
    Si parla delle vicende di tre bambini - Violet di 14 anni, Klaus di 12 e Sunny di 4 - i Baudelaire.
    Già dall'incipit sappiamo che non si tratterà di vicende allegre, quindi non stupisce venire a conoscenza della sfortunata sorte dei nostri tre... che rimarranno orfani dopo un paio di pagine a causa di un grosso incendio che ha ucciso i loro genitori e distrutto la loro casa e i loro averi (i libri!!! Tutta una mega libreria ridotta in cenere!!!).
    Presi in custodia dal Signor Poe, che si occupava del patrimonio di famiglia, saranno portati dal loro "parente più prossimo" - dove per prossimo, il Signor Poe, intenderà per sua comodità e per i fini drammatici della storia, uno zio che vive a pochi isolati di distanza - un tale Conte Olaf che farebbe impallidire perfino It di Stephen King.
    Accolti in una casa fatiscente e putrida da un loschissimo figuro dai modi rudi e dagli intenti orribili, i tre saranno sotto la sua patria potestà fino ai diciotto anni di Violet.
    Il Conte, che pensava di impossessarsi degli averi dei suoi nipoti all'istante, all'apprendere la notizia si infuria. Sbatte i tre in una stanzupola, a dormire sul pavimento, e gli affida ogni giorno ingrati compiti. Nel mentre, elabora piani diabolici per ottenere il denaro e potersi liberare dei tre mocciosi.
    E adesso veniamo alle considerazioni. Innanzitutto c'è da dire che le illustrazioni sono molto belle. Almeno, a gusto personale: essenziali, dai tratti nitidi e lievemente caricaturali. Come mi aspetto da una illustrazione per bambini.
    La trama non brilla per originalità, ma il mio giudizio è falsato dall'aver visto il film che si basa sui primi tre libri della serie...
    Mi era piaciuto parecchio, devo ammetterlo. E forse per questo mi sono affezionata ai tre piccoli protagonisti. Un po' di narcisismo mi porta a credere che sia anche a causa del rivedere alcune loro caratteristiche in me (la passione per i libri di Klaus, la tendenza a mordere costantemente di Sunny, gli ingranaggi del cervello che elaborano costantemente qualcosa di Violet).
    Si tratta di una lettura piacevole, che scivola via e neppure te ne accorgi.
    C'è da dire che il Conte Olaf descritto nel libro è ben più cattivo del suo corrispettivo su pellicola interpretato splendidamente da Jim Carrey.
    Ebbene, l'Olaf cartaceo è perfido... Violento, aggressivo. Pericoloso sul serio. Su pellicola è più bonario. Cattivo, ma buonista.
    E in effetti mi ha stupita trovarmi di fronte a tanta atrocità e violenza in un libro per bambini.
    Forse si calca troppo la mano sulla tristezza degli eventi narrati: più volte ci si torna su, volendo sottolineare quanto sia triste il libro che si ha per le mani. Suggerendo che, forse, sia meglio lasciar perdere e leggere altro.
    Ma è pur sempre un libro per bambini, e allora queste sottigliezze gliele perdoniamo.
    La saga di Lemony Snicket si compone di 13 volumi (un ennesimo stratagemma che rimanda alla sfortuna), tutti abbastanza agili.

    Appioppo TRE STELLETTE su cinque a questo primo volume, ovvero un BELLO, MA...
    Ma... è pur sempre un librino da bambini. E le quattro stellette le assegno a libri che mi esaltano di più.
    Certi libri andrebbero letti da ragazzi.
    Questo è uno di quei certi libri.

    said on 

  • 3

    Che bambini sfortunati!!!!

    Ho visto alcuni anni fa il film tratto dai primi romanzi di questa serie, di cui questo è il primo capitolo di altri 12 libri.
    Ebbene non mi era dispiaciuto, e quando ho visto che avevano prodotto la ...continue

    Ho visto alcuni anni fa il film tratto dai primi romanzi di questa serie, di cui questo è il primo capitolo di altri 12 libri.
    Ebbene non mi era dispiaciuto, e quando ho visto che avevano prodotto la serie tv, ho cominciato a leggerlo di pari passo al telefilm.
    Questo primo libro è riprodotto integralmente nei primi due episodi della serie tv.
    Questi tre bambini che in circostanze strane o indotte, rimangono orfani a causa di un incendio della loro casa in cui perdono la vita i loro genitori, lasciandoli eredi un una fortuna che sarà la loro 'sfortuna' a causa di persone che se ne vogliono appropriare. Colui che diventerà il tormento principale degli orfani è il conte Olaf. A mio parere tra il conte Olaf e il curatore dei beni dei Baudelaire, il signor Poe, non saprei chi si salvi, il primo cattivissimo, il secondo un deficente!
    E' una lettura per bambini, quindi scorrevole e di circa 140 pagine.

    said on 

  • 3

    Lettura decisamente piacevole.
    Sicuramente adatta ad un pubblico giovane.
    Mi è piaciuto molto il modo di spiegare le parole "complesse", o con significati ambigui, all'interno del testo, invece di evi ...continue

    Lettura decisamente piacevole.
    Sicuramente adatta ad un pubblico giovane.
    Mi è piaciuto molto il modo di spiegare le parole "complesse", o con significati ambigui, all'interno del testo, invece di evitare di utilizzarle. Per questo oltre ad essere una lettura piacevole l'ho trovata istruttiva, senza essere pedante.
    Leggerò sicuramente anche altri libri della serie... chissà quali altri sfortunati eventi capiteranno agli orfani Bauderlaire.
    Una nota negativa per il signor Poe... non mi ispira fiducia, mentre è uno degli scrittori che stimo di più...

    said on 

  • 2

    Il film mi aveva incantato, non potevo non leggere almeno il primo libro della saga. Paradossalmente credo che il film sia migliore, credo che migliorerà in corso d'opera, in fondo sono libri piccini ...continue

    Il film mi aveva incantato, non potevo non leggere almeno il primo libro della saga. Paradossalmente credo che il film sia migliore, credo che migliorerà in corso d'opera, in fondo sono libri piccini piccini che narrano singoli episodi. Confido negli altri 12 😂

    said on 

Sorting by