Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Malastagione

By Francesco Guccini,Loriano Macchiavelli

(1029)

| Paperback | 9788804606673

Like Malastagione ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel bosco di castagni che domina Casedisopra, minuscolo paese dell'Appennino tosco-emiliano, se ne sta appostato in attesa della preda il vecchio Adùmas, montanaro con un nome da romanzo (il padre, appassionato dei Tre moschettieri, lo ha chiamato co Continue

Nel bosco di castagni che domina Casedisopra, minuscolo paese dell'Appennino tosco-emiliano, se ne sta appostato in attesa della preda il vecchio Adùmas, montanaro con un nome da romanzo (il padre, appassionato dei Tre moschettieri, lo ha chiamato come l'autore, un certo A. Dumas...). Non è un bracconiere di professione, Adùmas, ma ogni tanto prende la doppietta e va nel bosco. È il brùzzico, il crepuscolo, e Adùmas ha appena bevuto qualche sorso di grappa, giusto per ingannare l'attesa, quando poco lontano spunta una bestia come non ne ha mai viste e come nessuno ne vedrà più. Il dito gli si congela sul grilletto e in un attimo la bestia fugge via. Non c'è grappa o crepuscolo che tenga: davanti ai suoi occhi è appena comparso un cinghiale con un piede umano tra le fauci. I paesani, convinti che il vecchio abbia alzato troppo il gomito, sono subito pronti a schernirlo... Tutti, tranne Marco Gherardini, detto Poiana, ispettore della Forestale che nonostante la sua giovane età sa bene quanti segreti possa nascondere la terra scura sotto i castagni. E poiché anche un Forestale può occuparsi di delitti, quando il crimine si fa largo nei suoi territori, Poiana comincia subito a indagare attorno al caso del cadavere privo di un piede che forse giace in mezzo al bosco. Ma gli tocca scoprire subito che le relazioni e gli affari tra i notabili del luogo creano un groviglio di interessi più pericoloso e inestricabile di un roveto.

158 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Non l'ho letto il 14 o il 16.2.2014!!! Ho solo cambiato l'etichetta!

    Dopo Macaroni’., Un disco dei Platters, Tango e gli altri e Questo sangue che impasta la terra, questo Malastagione è stata una delusione … Forse è il cambio di epoca che nuoce, forse una scrittura più tirata via …forse il tentativo di fare un prodot ...(continue)

    Dopo Macaroni’., Un disco dei Platters, Tango e gli altri e Questo sangue che impasta la terra, questo Malastagione è stata una delusione … Forse è il cambio di epoca che nuoce, forse una scrittura più tirata via …forse il tentativo di fare un prodotto più moderno o come piace tanto dire meno “datato” …. L’ho letto per amor di firma ma ….
    L’ambiente è sempre lo stesso, quei monti che separano il Bolognese dalla Toscana, ma l’epoca è oggi. L’investigatore è un graduato della forestale, il problema è la cementificazione della montagna, le agenzie immobiliari traffichine e i soci occulti, le ragazze nevrasteniche o figlie dei fiori di oggi (che non ci sono), i lavoranti sono tunisini, i morti sono morti. Le uniche figure che si possono ricondurre ai romanzi precedenti sono quelle di Adumas, bracconiere a tempo perso, e le due donne che vivono nel paese abbandonato. Ma i personaggi restano appena accennati. Forse non erano convinti gli autori …. Peccato.

    Is this helpful?

    Anina e "gambette di pollo" said on Feb 13, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    giallo e amore per la natura

    La vicenda, non priva di ironia,ha i toni del giallo, ma direi che prevale comunque il verde: l'amore per la natura, il rispetto per l'ambiente, che anima i vari personaggi, ben descritti perfetteamente intonati all'ambiente, mi è piaciuto molto, sc ...(continue)

    La vicenda, non priva di ironia,ha i toni del giallo, ma direi che prevale comunque il verde: l'amore per la natura, il rispetto per l'ambiente, che anima i vari personaggi, ben descritti perfetteamente intonati all'ambiente, mi è piaciuto molto, scritto bene e divertente oltre che aappassionante.

    Is this helpful?

    Gabriella Bedei said on Feb 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nel bosco di castagni che domina Casedisopra, minuscolo paese dell'Appennino tosco-emiliano, se ne sta appostato in attesa della preda il vecchio Adùmas, montanaro con un nome da romanzo (il padre, appassionato dei Tre moschettieri, lo ha chiamato co ...(continue)

    Nel bosco di castagni che domina Casedisopra, minuscolo paese dell'Appennino tosco-emiliano, se ne sta appostato in attesa della preda il vecchio Adùmas, montanaro con un nome da romanzo (il padre, appassionato dei Tre moschettieri, lo ha chiamato come l'autore, un certo A. Dumas...). Non è un bracconiere di professione, Adùmas, ma ogni tanto prende la doppietta e va nel bosco. È il brùzzico, il crepuscolo, e Adùmas ha appena bevuto qualche sorso di grappa, giusto per ingannare l'attesa, quando poco lontano spunta una bestia come non ne ha mai viste e come nessuno ne vedrà più. Il dito gli si congela sul grilletto e in un attimo la bestia fugge via. Non c'è grappa o crepuscolo che tenga: davanti ai suoi occhi è appena comparso un cinghiale con un piede umano tra le fauci. I paesani, convinti che il vecchio abbia alzato troppo il gomito, sono subito pronti a schernirlo... Tutti, tranne Marco Gherardini, detto Poiana, ispettore della Forestale che nonostante la sua giovane età sa bene quanti segreti possa nascondere la terra scura sotto i castagni. E poiché anche un Forestale può occuparsi di delitti, quando il crimine si fa largo nei suoi territori, Poiana comincia subito a indagare attorno al caso del cadavere privo di un piede che forse giace in mezzo al bosco....

    Bello! Ero prevenuta, ma sono rimasta piacevolmente stupita: è un giallo nostrano, quindi non ha le esagerazioni dei gialli d'oltreoceano, lo stile è semplice e le pagine volano via.
    Mi sono piaciuti anche i personaggi, nostrani, caratterizzati bene, senza eccessi e l'ispettore della forestale, Poiana, conquista per la sua semplicità e per l'amore verso la sua terra.
    L'altra cosa che ho apprezzato tanto è l'amore per la natura che si legge in tutte le pagine: la storia è ambientata in un Appennino spesso maltrattato, sottovalutato come ricchezza naturalistica e violentato da un'urbanizzazione selvaggia.
    Poiana è il portavoce di una montagna ferita, da proteggere e da non abbandonare.
    Mi sono ritrovata molto nel suo modo di pensare: abito sull'Appennino e tocco con mano l'incuria e la mancanza di rispetto dei villeggianti, lo stato di abbandono dei borghi antichi, la distruzione di scorci bellissimi e selvaggi con edifici orrendi che deturpano irrimediabilmente il paesaggio....

    Is this helpful?

    Alisea said on Feb 5, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bel libro

    Il Guccini cantante lo conosco e lo apprezzo da tempo. Questo è il primo libro scritto da lui che ho letto, quindi non ho metri di paragone con altri libri scritti da lui. Mi è piaciuto: protagonisti interessanti, bella la storia.

    Is this helpful?

    Succo said on Feb 2, 2014 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (1029)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 305 Pages
  • ISBN-10: 8804606673
  • ISBN-13: 9788804606673
  • Publisher: A. Mondadori (Strade blu)
  • Publish date: 2011-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book