Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Malena

Un nome da tango

Di

Editore: Euroclub

4.0
(387)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 571 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese , Tedesco

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ilide Carmignani

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Malena?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Malena è una ragazza timida e insicura ma anche appassionata e sensuale, in perenne conflitto con se stessa e ossessionata dal confronto con la sorella Reina, freddo modello di perfezione. Malena decide di scavare nel proprio passato avventuroso e convulso per scoprire le ragioni del proprio destino e riuscire ad accettarlo, risalendo poi ancora più indietro lungo i percorsi della storia della sua famiglia, sino agli albori del Novecento. Malena si racconta e cerca le radici della «maledizione» che l’ha colpita. Alla fine capirà che l’unica maledizione è il sesso e l’unica colpa avere il coraggio di viverlo.
Ordina per
  • 3

    Fabricado en España

    Di "fabricado en España" conosco solo l'amica logorroica e mezz'aliena di mia madre, Begoña, che sembra uscita da un film di Almodovar.
    Ah no, conosco anche Picasso e Dalì, che non sono certo la quint ...continua

    Di "fabricado en España" conosco solo l'amica logorroica e mezz'aliena di mia madre, Begoña, che sembra uscita da un film di Almodovar.
    Ah no, conosco anche Picasso e Dalì, che non sono certo la quint'essenza della normalità. E la paella che...beh, voglio dire, chi oserebbe mettere insieme una cozza con un pollo o un calamaro con un maiale?!
    Ora, l'autrice non è Begoña, né Almodovar, Picasso o Dalì e nemmeno un'ottima paella mista, ma è decisamente spagnola e come tale la riconosco.
    Detto ciò, sta qua, scrive periodi lunghi anche più di 40 righe, dai quali si vien fuori con un frappè al posto del cervello, manco ci si fosse dissetati con la sangria dopo una maratona!
    Ma la Grandes non è nemmeno un ometto irlandese dai tondi occhialetti con la perversa capacità di abbandonarsi allo stream of consciousness, ragion per cui la lettura risulta comunque (molto molto molto) facile.

    ha scritto il 

  • 2

    Avevo già letto Le età di Lulù e Troppo amore di Almudena Grandes e li avevo apprezzati, mi ero dunque lanciata su Malena un nome da tango, dati anche i tantissimi pareri positivi, ma la lettura si è ...continua

    Avevo già letto Le età di Lulù e Troppo amore di Almudena Grandes e li avevo apprezzati, mi ero dunque lanciata su Malena un nome da tango, dati anche i tantissimi pareri positivi, ma la lettura si è rivelata pesante. Sarà che le saghe familiari non sono più il mio genere preferito, sarà che mi sono voluta fermare alla prima parte ma non mi era mai capitato di aver così poca voglia di continuare una lettura e di trascinarmela con così poche pagine alla volta appresso. Faccio di tutto per non abbandonare libri, ma in questo caso non ho potuto fare altrimenti: leggere e una passione e non una tortura. I presupposti erano buoni, forse con uno stile meno dettagliato ne sarebbe venuta fuori una lettura più gradevole

    ha scritto il 

  • 3

    Es un libro al que se le dio en su día un bombo completamente desproporcionado.
    En un principio parecía pasable, pero al final me terminó por aburrir considerablemente.
    Demasiado extenso.
    La verdad es ...continua

    Es un libro al que se le dio en su día un bombo completamente desproporcionado.
    En un principio parecía pasable, pero al final me terminó por aburrir considerablemente.
    Demasiado extenso.
    La verdad es que no entiendo el gancho que tiene esta autora entre crítica y público.
    Hay ciertos escritores que parecen tener "puente de plata" independientemente del valor o la calidad de su talento.
    Para mí puede escribir para uno menos.

    ha scritto il 

  • 4

    Malena è una ragazza timida e insicura ma anche appassionata e sensuale, in perenne conflitto con se stessa e ossessionata dal confronto con la sorella Reina, freddo modello di perfezione. Malena deci ...continua

    Malena è una ragazza timida e insicura ma anche appassionata e sensuale, in perenne conflitto con se stessa e ossessionata dal confronto con la sorella Reina, freddo modello di perfezione. Malena decide di scavare nel proprio passato avventuroso e convulso per scoprire le ragioni del proprio destino e riuscire ad accettarlo, risalendo poi ancora più indietro lungo i percorsi della storia della sua famiglia, sino agli albori del novecento. Malena si racconta e cerca le radici della "maledizione" che l'ha colpita. Alla fine capirà che l'unica maledizione è il sesso e l'unica colpa avere il coraggio di viverlo.

    ha scritto il 

  • 4

    Benchè solitamente queste storie dinastiche familiari con mille personaggi le cui vicende si intrecciano intricandosi lungo gli anni dimostrando un destino beffardo che le accomuna... dicevo, benchè q ...continua

    Benchè solitamente queste storie dinastiche familiari con mille personaggi le cui vicende si intrecciano intricandosi lungo gli anni dimostrando un destino beffardo che le accomuna... dicevo, benchè queste storie solitamente non mi piacciano, questo romanzo l'ho amato perchè scritto in modo magistrale. Uno stile accattivante e ironico, che non stanca mai. Unica pecca, sono le parentesi troppo lunghe che spesso l'autrice apre quasi dimenticandosi di chiuderle e che rendono in alcuni casi difficile riprendere i segno (un po' come l'inizio di questa recensione).
    Una storia che si sviluppa principalmente su tre livelli generazionali uniti e legati tra loro dal mito di una infausta maledizione che da secoli aleggia sulla famiglia. L'eroina è Malena (la terza generazione) e nel seguire le sue vicende e il suo rapporto con il mondo e la famiglia nei quali e dai quali cerca la felicità pur sentendosi sembre "sbagliata", scopriremo la Spagna, le sue donne, i suoi uomini, l'epoca del franchismo, il periodo post-bellico, i bohemien, i fricchettoni anni '70, la nuova identità della donna dopo le lotte del femminismo. Tanto sesso, tanta ironia, tanto cinismo in fondo. Lettura gradevolissima.

    ha scritto il 

  • 5

    Wow! Che romanzo! L'ho finito rimanendo senza fiato. Questa autrice ha un modo di raccontarti il vissuto di Malena, come se fossi stata io stessa al suo posto, e non perché stia sperimentando esperien ...continua

    Wow! Che romanzo! L'ho finito rimanendo senza fiato. Questa autrice ha un modo di raccontarti il vissuto di Malena, come se fossi stata io stessa al suo posto, e non perché stia sperimentando esperienze simili alle sue, va beh, in qualcuna simile mi son trovata anch'io :-) , ma per la scrittura esplosiva e traboccante di sentimenti, profonda, potente, raccontando una storia avvincente. Sull'amore, e il mal d'amore.
    Il vocabolario non è sempre dei più fini, ma forse ci sta.
    Sentendosi inferiore a sua sorella, Malena da giovanissima desidera essere un maschio, finché crescendo scoppia di femminilità , vivrà un amore travolgente - che rimarrà dentro di lei per sempre - e poi altre esperienze che la segneranno.
    È Malena stessa, questa ragazza e donna decisa e passionale, ma che si sente sbagliata, a raccontarci dei suoi familiari: un nonno che ha avuto figli da due donne, dando vita a due rami di eredi, un altro nonno morto in guerra, ma in che modo? E poi c'è zia Magda, che per motivi misteriosi diventa monaca, lei che era così poco monaca... Ci sono cugini, cuginastri, zii, ziastri, nonne e nonnastre, e la figura della sorella che le influenza la vita.

    ha scritto il 

  • 5

    Sulla copertina dell'edizione che ho letto c'è scritto "dalla spregiudicata autrice di Le età di Lulù". Se non conoscessi la Grandes avrei pensato di trovarmi di fronte ad un romanzo erotico, invece ...continua

    Sulla copertina dell'edizione che ho letto c'è scritto "dalla spregiudicata autrice di Le età di Lulù". Se non conoscessi la Grandes avrei pensato di trovarmi di fronte ad un romanzo erotico, invece si tratta di una grande saga famigliare, piena di dolore e di segreti inconfessabili. Un lungo andare e tornare nel tempo, un intreccio di vicende intricatissime che con sapiente tecnica vengono poi riportate ad un unico filo conduttore. Un grande romanzo che raggiunge il suo apice nel lungo racconto di nonna Sol in cui emerge il grande dolore, sempre presente nei romanzi della Grandes, per le vicende che portarono la Spagna alla guerra civile.

    ha scritto il 

  • 5

    He vivido con Malena su historia, su crecimiento y aceptación. Me he enamorado, he llorado, me he indignado... con ella. No quería que finalizara el libro porque quería saber cómo continuaba la vida d ...continua

    He vivido con Malena su historia, su crecimiento y aceptación. Me he enamorado, he llorado, me he indignado... con ella. No quería que finalizara el libro porque quería saber cómo continuaba la vida de Malena.

    La historia de la abuela paterna, Soledad, me ha parecido preciosa.

    El estilo de escritura es un poco lento, con frases muy largas. Pero eso no quita para que el libro me haya encantado.

    ha scritto il 

  • 5

    ¡Mi primer libro electrónico!

    Sea cual sea el formato, leer a Almudena Grandes representa quedar enganchado desde la primera página, asistir a historias familiares complicadas, en la que hay mujeres de fuerte personalidad, que no ...continua

    Sea cual sea el formato, leer a Almudena Grandes representa quedar enganchado desde la primera página, asistir a historias familiares complicadas, en la que hay mujeres de fuerte personalidad, que no siempre hacen lo más correcto, que intentan navegar en un mundo que a menudo les es hostil, con o sin guerra.
    La historia de Malena no tiene nada que ver con la guerra, sino con el hecho de sentirse diferente por no responder al prototipo femenino inculcado en épocas felizmente pasadas.
    Malena es un nombre de tango y los tangos hablan de amor y de penas, y este libro es una historia de buenos y malos, demasiado estereotipada, quizás, pero con mucho gancho.

    ha scritto il 

  • 4

    Lo que me gusta de Almudena Grandes, y lo he encontrado en Malena, es la gran cantidad de historias y de perfiles de personajes que traza en sus libros. Me gusta también como va desarrollando una hist ...continua

    Lo que me gusta de Almudena Grandes, y lo he encontrado en Malena, es la gran cantidad de historias y de perfiles de personajes que traza en sus libros. Me gusta también como va desarrollando una historia partiendo de la infancia de la protagonista hasta llegar a su vida de adulta y como la vamos acompañando en ese desarrollo llegando a identificarnos con muchas de las situaciones que vive: El primer amor, el descubrimiento del desamor, del dolor, la búsqueda del verdadero yo, el inconformismo, el conformismo, los errores cometidos, el sentimiento de culpa, la baja autoestima...Me ha gustado verla crecer, saber las cosas que la iban pasando al mismo tiempo que además iba desgranando la historia de su familia.

    Lo que menos me gusta es el ritmo, un tanto lento, que tienen algunas partes del libro, en las que la escritora se centra en descripciones un tanto existenciales, en describir recuerdos o pensamientos que tiene la protagonista o alguno de los otros personajes

    ha scritto il 

Ordina per