Mani nude

Voto medio di 241
| 74 contributi totali di cui 71 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Davide Bergamaschi. Occhi da bambino, corpo da adulto, forte e vivo come lo si è solo a sedici anni. Di fronte a lui, invisibile tra una folla di persone che ballano e bevono, un uomo anziano, stanco e pericoloso, lo osserva. E lo sceglie. Il ragazzo ...Continua
Ha scritto il 04/11/17
Tante aspettative, tutte deluse.L'abilità della forma non ha corrisposto con l'abilità della sostanza, che per me è quanto e anche più importante. Nessuna profondità nei personaggi, crudeltà e violenza senza possibilità di uscita, fini a se stesse. U ...Continua
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 21/08/17
La prima parte è noiosa, ma capisco che serva ad affezionare il lettore ai personaggi. La seconda è esplosiva, notevole, non ti stacchi dalle pagine. L'ultima pagina, anzi, l'ultima riga però fa crollare tutto il castello narrativo costruito preceden ...Continua
Ha scritto il 07/07/17
senza fiato
acquistato per caso, conosco l'autrice solo per Dylan Dog e non come scrittrice; direi a questo punto che mi sono persa parecchio. il libro mi è piaciuto molto, anche se è molto crudo e duro: un vero thriller psicologico con un finale mozzafiato. ass ...Continua
Ha scritto il 21/05/17
Durissimo, ben scritto ma durissimo
Ha scritto il 12/02/17
Lettura cruenta e spiazzante, da cui è impossibile staccarsi.
Non riesco ancora a trovare la parole per descrivere adeguatamente questo libro perchè si arriva alla fine, ed è come ricevere un pugno allo stomaco.
Ho ammirato molto il giocare d
...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Nov 23, 2010, 10:19
«Tutti i posti sono lo stesso posto. Quello che succede in prigione o qui succede anche in casa, o in ufficio. Cambia la forma, ma è solo la forma. Le cose sono sempre le stesse. I fatti. Te l’ho detto. I fatti.»
Pag. 128
Ha scritto il Oct 22, 2010, 19:13
Come ripeteva spesso, la disciplina era una questione di piccole cose. Tutti erano capaci di applicarla ai grandi gesti o agli ideali, ma pochi sapevano trasporla sulla punta di una forchetta.
Pag. 227
Ha scritto il Oct 22, 2010, 19:12
Un cane ubbidisce al suo padrone per due sole ragioni: per paura o per affetto. Ma quando il cane ha paura il padrone di vederselo contro, prima o poi.
Pag. 163

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi